I controlli

Tavolata di persone sul terrazzo individuata dall'elicottero dei Carabinieri

Non appena si sono accorti della presenza del velivolo dell’Arma, i convenuti sono fuggiti via. In corso gli accertamenti per l’identificazione degli stessi

Attualità
Andria venerdì 10 aprile 2020
di La Redazione
Tavolata di persone sul terrazzo individuata dall'elicottero dei Carabinieri
Tavolata di persone sul terrazzo individuata dall'elicottero dei Carabinieri © n.c.

L’appuntamento delle festività Pasquali in piena emergenza sanitaria determinata dalle esigenze di contenimento alla diffusione del virus COVID-19, ha imposto un’ulteriore intensificazione dei controlli sugli assi stradali delle province di Bari e BAT, da parte dell’Arma dei Carabinieri, anche con l’utilizzo di elicotteri del 6° NEC di Bari.

Nella giornata odierna i controlli si sono incentrati nella provincia BAT, con particolare riferimento alle arterie stradali che consentono di raggiungere le località turistiche balneari e rurali, mete potenziali di turisti intenzionati ad infrangere le suddette misure di contenimento, in quanto attratte dal miraggio di poter trascorrere queste soleggiate giornate di festa in comitiva.

Notevole è la mole di controlli eseguiti sulla SS 16 bis, sulla SP 170 e sulla SP 231, oltre che sulle strade minori di accesso e deflusso dalle città di Andria, Barletta e Trani. Non sono mancate le sanzioni amministrative in violazione al D.P.C.M. in vigore, ma anche quelle relative a violazioni del codice della strada.

Decisamente prezioso l’ausilio dell’elicottero che, come accaduto sul terrazzo condominiale di una palazzina, ha consentito di individuare una tavolata di persone. Non appena si sono accorti della presenza del velivolo dell’Arma, i convenuti sono fuggiti via e sono in corso accertamenti per l’identificazione degli stessi. Tali assembramenti costituiscono, come è noto, violazioni delle richiamate normative di contenimento.

Particolarmente lodevole il senso civico di numerosi cittadini che hanno segnalato alle Centrali Operative delle Compagnie di Andria, Barletta e Trani assembramenti di persone nella pubblica via.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Angelo ha scritto il 25 aprile 2020 alle 11:03 :

    Per le forze dell'ordine era da interpretare la legge! Se uno mangià in casa è la stessa cosa che mangiare sul terrazzo. Nulla a che vedere con la tavolata sul terrazzo di Palermo dove tutti i condomini di un palazzone si sono riuniti sul terrazzo. In quel caso le autorità hanno ben interpretato il DPCM. Ma se mi permettete io non sono qui per fare polemiche e scrivere tanto per contestare ad uno o all'altro. Io vorrei sapere perché, si insiste per riaprire attività in luoghi chiusi con mascherine e altre stronzate quando poi non ci si può riunire all'aperto?(riunire o meglio un nucleo famigliare). In questo forum sono presenti soggetti che parlano di riaprire attività e in contraddizione vogliono sanzionare un nucleo famigliare che ha pranzato all'aperto! Ci vuole coerenza, cervello. Rispondi a Angelo

  • Angelo ha scritto il 24 aprile 2020 alle 18:23 :

    Ok per le segnalazioni! Ma attenzione che dal parrucchiere non si può andare! Tutti questi personaggi della TV, e personaggi che sgomitano per dire fake in TV, li vedo ben curati e pettinatiii!!! Ma loro dal paruchiere possono andarci? Ci sono stati controlli per questi personaggi? Rispondi a Angelo

  • Angelo ha scritto il 24 aprile 2020 alle 18:19 :

    Non ho parole! Ritengo che non sia stato violato alcun regolamento se mangiavano sul terrazzo. Mi affaccio al Balcone e vedo che marito e moglie vanno a fare la spesa. Marito avanti e dopo due metri la moglie. Rientrano sempre distanziati di circa due metri. Quando arrivano a casa entrano riprendendo il contatto. Io non credo che il decreto vieti di andare a mangiare sul terrazzo ad un nucleo famigliare. Erano a contatto in casa e mangiano anche in contatto sul terrazzo. Sta scritto da qualche parte che sul terrazzo non si può mangiare? È vietato lo spostamento! Berlusconi se n'è andato in Francia! Si è spostato lo hanno multato? Quando andranno in tribunale il giudice assolve perché il fatto non costituisce reato! Potrebbe anche contestare un eccesso di zelo a chi ha contestato! Rispondi a Angelo

  • GABRIELLA DI NOJA ha scritto il 15 aprile 2020 alle 15:44 :

    Ci sono, comunque, condomini dove i condomini sono quasi tutti amici o vi dirò di più, dove nello stesso stabile vivono genitori, figli, cugini, zii. E chi mi dice che queste famiglie non si siano riunite in un unico appartamento per festeggiare Pasqua e pasquetta o che si riuniscono la sera per giocare a carte? In questo caso il controllo non puo' essere fatto. E allora non capisco perchè vietare di trasferirsi nelle ville in campagna site nello stesso comune per tutto il tempo della quarantena? I controlli potrebbero essere fatti tranquillamente tra i viali e le ville affinchè non ci fossero assembramenti ma sicuramente tanta gente in meno bisognosa di uno psicologo! Rispondi a GABRIELLA DI NOJA

    Antonio Cannone ha scritto il 15 aprile 2020 alle 18:55 :

    Se diamo un alibi a tutti a questo punto evitiamo la quarantena e continuiamo a vivere come vogliamo. Ma di cosa parla? Lei faccia la sua parte e non stia a vedere ai condomini, alle famiglie e alle cavolate che altri purtroppo commettono Rispondi a Antonio Cannone

    GABRIELLA DI NOJA ha scritto il 17 aprile 2020 alle 08:59 :

    NON E' IL CASO CHE MI RISPONDA COSI'. INFATTI, ERA SOLO UN' OSSERVAZIONE. IO E LA MIA FAMIGLIA IL NOSTRO DOVERE CON GRANDE RESPONSABILITA' LO STIAMO FACENDO. HO ANCHE UN FIGLIO CHE E' RIMASTO DOVEROSAMENTE NELLA CITTA' DOVE SI E' LAUREATO VIA WEB, PROPRIO PER NON AGGRAVARE LA SITUAZIONE. Rispondi a GABRIELLA DI NOJA

  • Pasquale Cannone ha scritto il 12 aprile 2020 alle 15:12 :

    Dividi et impera, cambiano i modi ma la sostanza é sempre quella. Auguri a tutti e poveri noi. Rispondi a Pasquale Cannone

  • vincenzo inchingolo ha scritto il 11 aprile 2020 alle 10:04 :

    E non dimentichiamo che San Marco in Lamis è stato il primo focolaio in Puglia. Rispondi a vincenzo inchingolo

  • vincenzo inchingolo ha scritto il 11 aprile 2020 alle 09:42 :

    Credo che si stia esagerando con le restrizioni. Ripeto non mi sembra un festino con grigliata e banco per coktails. Io abito a un secondo piano e ho l'utilizzo esclusivo del solaio con un nucleo famigliare di sole 3 persone, che faccio me ne sto schiuso in casa ? O se vado in terrazzo creo un assembramento ? Ma fatemi il piacere. La gente fino a due settimane fà stava sui balconi a ballare e battere i coperchi delle pentole per diversi giorni consecutivi e ora vogliamo fare i moralisti per 4 persone sul solaio ? Tanto se l'ascensore non viene utilizzate per andare a fare il banchetto all'aperto viene utilizzato per scendere in strada per altri genere di servizi. MA STATE SERENI. Rispondi a vincenzo inchingolo

  • sabino cannone ha scritto il 11 aprile 2020 alle 09:08 :

    Prove tecniche di controllo di massa. Siamo all'assurdo, aver derogato con i DPCM le norme costituzionali, ovvero un Capo del governo che con un gruppo di incompetenti scavalca il Parlamento (luogo di democrazia e di dibattito), e ci priva della libertà costituzionalmente prevista dalla Costituzione (art.13 la libertà personale è inviolabile). Gli addetti ai lavori sanno qual'è la fonte di legge primaria: la Costituzione, la Legge, il DPR, il Dlgs, e dopo il DPCM(atto amministrativo)...E comunque ad oggi nessuna autorità, istituzione organizzazione ci ha raccontato la verità: quanti sono effettivamente i morti di COVID_19 in Italia?!?! "Platone mi è amico ma la verità è la mia vera amica". Caro Conte e Presidente Mattarella, non siete stati eletti da nessuno, a chi rendicontate? Rispondi a sabino cannone

    Angelo ha scritto il 01 giugno 2020 alle 21:39 :

    Quello che mi fa rabbia e che ignoranti presuntuosi come te ce ne sono tanti Parli di costituzione come se Parlare di sette di denari! O di bastoni! Vai a farti una briscola! Rispondi a Angelo

    Michele cannone ha scritto il 11 aprile 2020 alle 16:05 :

    Prima di parlare, studiati per bene la costituzione. In particolare la parte di come vengono nominati le nostre figure istituzionale. Vi State riempiendo la bocca di una sola frase: "Non siete stati eletti" Nessuno partito ha i numeri per poter governare da solo, per fortuna. Pensa te se salvini Avesse avuto la maggioranza assoluta, cosa avrebbe combinato: Dio ci salvi da gente come te. Rispondi a Michele cannone

  • Antonio Cannone ha scritto il 11 aprile 2020 alle 08:01 :

    Fortunatamente siamo lontani dalla dittatura, ma evitiamo di giustificare sempre chi la fa meno sporca. Non bisogna farlo e basta. S'immagina se tra quei 4 che circolano liberamente sulle scale condominiali per organizzarsi con il banchetto ci fosse un asintomatico? State leggendo quel che sta avvenendo in america dove non si ha la possibilità di rispettare le distanze di sicurezza perché le stanze degli appartamenti sono piccolissime? Eddai, un minimo di buonsenso. Non morirà nessuno di claustrofobia se si resta chiusi in casa un altro po' Rispondi a Antonio Cannone

    lorenzo fortunato ha scritto il 11 aprile 2020 alle 09:19 :

    ok Rispondi a lorenzo fortunato

  • Leonebiancazzurro ha scritto il 11 aprile 2020 alle 07:58 :

    Quindi se domani pranzo in veranda con la mia famiglia rischio che vengono le forze dell'ordine? Assurdo Rispondi a Leonebiancazzurro

    Antonio Cannone ha scritto il 11 aprile 2020 alle 08:03 :

    Se domani pranza in veranda con la sua famiglia non verrà nessuno a disturbarla perché trattasi di spazio privato e non condominiale. Buona Pasqua a lei e in famiglia Rispondi a Antonio Cannone

  • vincenzo inchingolo ha scritto il 11 aprile 2020 alle 05:55 :

    Ma prima di gridare all'untore e sollevare ( forse ) inutili polemiche, credo sia il caso di analizzare obiettivamente le immagini. Sul terrazzo si possono ben distinguere solo 4 persone, queste presumo che facciano parte dello stesso nucleo famigliare. Ora che differenza c'è se queste 4 persone avessero consumato quel banchetto tra le quattro mura di casa anzichè sul lastrico solare della loro abitazione ? Sicuramente nessuna poichè il contatto ravvicinato non sarebbe certo venuto meno. Non vedo una lunghissima tavolata da banchetto matrimoniale. Vogliamo vietare alle persone anche qualche ora d'aria e di sole ? Mbhè allora dichiariamo la dittatura ( anche dell'aria ) così facciamo prima. Ma osservate e pensate prima di scrivere corbellerie oppure attendiamo le verifiche e dopo parlate. Rispondi a vincenzo inchingolo

    Nina ha scritto il 11 aprile 2020 alle 09:48 :

    Ciao sono Nina e giusto quello che hai detto anche io dovrei mangiare sul mio terrazzo siamo in 3 persone nn penso di contagiare nessuno abito in una casa singola a questo punto ci tolgono anche l'aria che altro ci toglieranno grazie Rispondi a Nina

    Antonio Cannone ha scritto il 11 aprile 2020 alle 07:58 :

    Non penso siano corbellerie quelle scritte in questo articolo che poi è lo stesso condiviso anche dalla stampa regionale e da altri organi di informazione locale. Evidenzio soltanto che trattasi di terrazzo condominiale: si immagina se lunedì gli viene il "priscio" ad altri? Le disposizioni parlano chiaramente: niente assembramenti! Diverso sarebbe stato se si fosse trattato di uno spazio privato e completamente gestito dalle sole 4/5 persone che evidentemente fanno assieme la quarantena. E poi che significa che sul terrazzo ci sono solo loro?! Hanno invaso uno spazio comune... a questo punto usciamo tutti a turno e andiamo a fare jogging, andiamo al parco e in altri posti attualmente proibiti. Le regole sono tali e vanno sempre rispettate. Piacciano o no. (segue) Rispondi a Antonio Cannone

    Rossella ha scritto il 11 aprile 2020 alle 14:04 :

    Condivido in pieno il tuo punto di vista.....rispettare le regole è il primo dovere di tutti per tutelare se stessi e gli altri. Secondo parte dei cittadini non ha compreso bene il rischio del contagio e le sue conseguenze Rispondi a Rossella

  • Elena Campanile ha scritto il 10 aprile 2020 alle 21:35 :

    E se fossero stati un'unica famiglia con la medesima residenza? Invece di mangiare chiusi in casa hanno deciso di pranzare sotto il cielo consci che ci sarebbero stati solo loro. Rispondi a Elena Campanile

  • Francesca Liso ha scritto il 10 aprile 2020 alle 17:39 :

    E assurdo solo noi potevamo fare ciò Rispondi a Francesca Liso

  • Stl ha scritto il 10 aprile 2020 alle 17:38 :

    Eh si che hanno fatto bene, bravissimi! Dietro dove abito mentre passava l'elicottero dei carabinieri i soliti giovanotti (alle 19,15 erano 7 ) questa mattinata sono scappati sotto il porticato di via Logoteta!!!!!Insomma sarebbe splendido che venissero anche in borghese e mandassero i droni. Comunque complimenti per il.vostro operato e...speriamo che finisce questo periodo. Alla redazione auguro buona Pasqua Rispondi a Stl

    Antonio Anelli ha scritto il 11 aprile 2020 alle 05:51 :

    Provi a leggere quello che ho scritto su questo giornale in tempi non sospetti il 21 marzo del 2019 sull'uso dei droni per il controllo del territorio. Ma si sa...nessuno è profeta in patria! Rispondi a Antonio Anelli

  • CARBUTTI VINCENZO ha scritto il 10 aprile 2020 alle 17:06 :

    Spero tanto in una bella lezione da parte delle forze dell'ordine a questi IMBECILLI "terrazzinari", con una sanzione pecuniaria che se la ricorderanno finché campano!!!!!! IMBECILLI, IDIOTI, MENTECATTI, DECEREBRATI, ecc ecc Rispondi a CARBUTTI VINCENZO

    Angelo ha scritto il 26 aprile 2020 alle 22:05 :

    Prima di risponderti a tono ti faccio notare che il DPMC è un decreto d'urgenza del governo per dare un avvertimento alla popolazione di quello che era la situazione. Il decreto ministeriale ha valore per 180 giorni se non convertito in legge. La differenza tra la legge e il decreto sta nel fatto che la legge viene proposta, si fa una legge quadro, poi perfezionata da una. Immissione parlamentare e poi approvata dalle camere e firmata dal presidente della repubblica.la legge è articolata e quindi perfezionata per le sfaccettature e per i casi specifici, ma che qualche specifico può esser sfuggito alla commissione parlamentare. Il decreto non è ben articolato, era un fatto di urgenza e quindi si deva far fede al buon senso del gente. Ma che va anche interpretato da chi la fa applicare! Rispondi a Angelo

    Angelo ha scritto il 25 aprile 2020 alle 10:53 :

    Tu sei un esempio del problema! Il problema della comunità è L'ignoranza! Che si possa usare il carbone per scrivere sui muri bianchi e spiegare, a nulla serve! Quando uno è nato disgraziato senza la grazia del signore, nulla puoi fare. Il signore da un cervello a tutti, c'è chi lo riceve grande e chi piccolo. Le leggi si ispirano alla coscienza dell'uomo. Le leggi vengono proposte, poi vengono definite dalla commissione parlamentare a seguito di una legge quadro. Quindi perfezionate e poi approvate. Stiamo parlando di un decreto presidenziale fatto con urgenza, se non approvato dalle camere per convertirlo In Legge decade. L'urgenza era scaturita dall'emergenza covid19 per evitare contagi si vieta assemblamenti, e si vieta spostamenti per ridurre il contagio, da una comunità all'altra Rispondi a Angelo