Le foto

Festa della Repubblica, il Prefetto omaggia medici e personale sanitario

La celebrazione in occasione del 74esimo anniversario dalla proclamazione della Repubblica Italiana

Attualità
Andria martedì 02 giugno 2020
di La Redazione
Festa della Repubblica, il Prefetto omaggia medici e personale sanitario
Festa della Repubblica, il Prefetto omaggia medici e personale sanitario © n.c.

Cerimonie sobrie e nel pieno rispetto delle misure in atto per il contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 per celebrare, quest’oggi nella provincia di Barletta Andria Trani, il 74° anniversario dalla proclamazione della Repubblica Italiana.

Nel corso della mattinata, il Prefetto Maurizio Valiante ed il Sindaco di Barletta, Cosimo Damiano Cannito, hanno deposto due Corone al Monumento ai Caduti in Guerra in Piazza Caduti a Barletta.

A seguire, presso la sede del Palazzo del Governo, si è svolta una breve cerimonia in forma ristretta e riservata, alla presenza delle principali autorità civili e militari del territorio, introdotta dall’Inno di Mameli intonato da una delegazione di studenti del Liceo Musicale “Casardi” di Barletta e dall’esposizione del Tricolore da parte dei Vigili del Fuoco del Comando provinciale di Barletta Andria Trani.

Il Prefetto, dopo aver dato lettura del messaggio inviato per l’occasione dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, si è soffermato sul significato di rinascita che la giornata odierna deve assumere per l’intero Paese, gravemente colpito da un nemico invisibile. Inevitabili, poi, i ringraziamenti a tutte le autorità civili, militari e religiose, che hanno costituito una “squadra-Stato” in grado di lavorare instancabilmente per affrontare l’emergenza.

Al termine della mattinata il Prefetto si è recato presso l’Ospedale “Vittorio Emanuele II” di Bisceglie, dove, alla presenza del Direttore Generale della Asl Alessandro Delle Donne e del Sindaco Angelantonio Angarano, ha espresso riconoscimento e gratitudine da parte dello Stato al personale medico e sanitario del territorio, per l’encomiabile ed instancabile impegno profuso durante l’emergenza epidemiologica.

Lascia il tuo commento
commenti