Il fatto

Manufatto edilizio abusivo nel Parco nazionale dell’Alta Murgia

Sequestrati circa 40 metri di muro perimetrale in cemento e relativi pilastri, deferiti alla Magistratura i proprietari delle opere

Cronaca
Andria venerdì 17 maggio 2019
di La Redazione
Manufatto edilizio abusivo nel Parco nazionale dell’Alta Murgia
Manufatto edilizio abusivo nel Parco nazionale dell’Alta Murgia © N.C.

Nell’ambito delle attività di sorveglianza dei territori del Parco Nazionale dell’Alta Murgia, i militari della Stazione Parco di Andria hanno eseguito alcuni controlli alla località “Matitani” sita in agro di Minervino Murge ove in precedenza era stato notato un cantiere edilizio ancora in corso d’opera.

L’intervento dei militari ha permesso di scoprire la realizzazione, già avviata e non ancora completata, di un manufatto edilizio costituito da un muro perimetrale lungo circa 40 metri ed alto 2, nonché relativi pilastri di cemento armato. Il tutto costruito al fine di porre protezione ad alcuni immobili residenziali e di deposito mezzi.

I successivi accertamenti hanno appurato che per i lavori in essere non risultavano essere stati rilasciati i prescritti titoli abilitativi in materia edilizia come pure quelli attinenti la vincolistica paesistico ambientale.

Infatti, l’area occupata dall’opera abusiva, è risultata molteplicemente vincolata, classificata non solo Parco Nazionale dell’Alta Murgia ma anche Zona di Protezione Speciale e a vincolo paesaggistico (PPTR Puglia) per le quali i proprietari non sono stati in grado di fornire i relativi “nulla osta”.

Per questo l’intero manufatto e la sua area di sedime circa 100 mq, è stata posta sotto sequestro preventivo mentre cinque soggetti, nelle loro qualità di comproprietari e esecutori materiali, sono stati deferiti a vario titolo all’Autorità Giudiziaria di Trani.

Lascia il tuo commento
commenti