I fatti

7 autovetture e una bicicletta è il bilancio dei mezzi coinvolti negli ultimi incidenti stradali

A farla da "padrona" per così dire, fanno sapere dal Comando di P.M., è sempre la velocità e la distrazione: "una miscela" estremamente pericolosa che spesso produce tragedie

Cronaca
Andria martedì 17 settembre 2019
di La Redazione
incidente all'altezza del ponte autostradale
incidente all'altezza del ponte autostradale © n.c.

Tamponamenti su strade extraurbane prossime al centro urbano rilevati questa mattina dal personale del Nucleo di Pronto Intervento e Infortunistica Stradale del Comando di Polizia Locale.

Intorno alle ore 11, sulla S.P. 1 "Andria-Trani" sotto il ponte dell'Autostrada, una Fiat Doblò, condotta da un giovane artigiano andriese, ha tamponato un'autovettura Citroen C1, condotta da un tranese. L'utilitaria, a seguito dell'urto ricevuto, è stata spinta contro il muro di cemento del ponte. I conducenti sono rimasti entrambi feriti in modo lieve e sono stati comunque trasportati al Pronto soccorso dell'ospedale di Andria dal quale sono stati dimessi nella tarda mattinata.

Alle ore 13:10 circa è avvenuto un altro maxi tamponamento, con ben quattro veicoli coinvolti, su Via Corato nei pressi del semaforo di Quarto di Palo. Sul posto anche il personale del Nucleo Viabilità del locale Comando di Polizia Locale a coadiuvare i colleghi per i rilievi e per la regolamentazione del traffico rimasto bloccato. Al momento non si registrano feriti. Ancora in corso di accertamento le dinamiche dei due eventi infortunistici.

In questa ultima settimana sono stati rilevati numerosi incidenti sia in ambito urbano che sulle strade extraurbane prossime alla città. Anche ieri su via Bisceglie all'incrocio con via A. Da Villa vi è stato un incidente tra un'autovettura è una bicicletta. Ferito il ciclista, che ha riportato una prognosi di 20 giorni ed è stato dimesso dal Pronto Soccorso dell'Ospedale "L. Bonomo" dove era stato trasportato dell'ambulanza del 118.

A farla da "padrona" per così dire, fanno sapere dal Comando di P.M., è sempre la velocità e la distrazione: "una miscela" estremamente pericolosa che spesso produce tragedie.

L'invito rivolto, dal personale del Nucleo di Pronto Intervento, a tutti i conducenti è quello di osservare le norme del Codice della strada e la prudenza, ricordando che la circolazione stradale è una delle attività più pericolose svolte dall'uomo.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Carla ha scritto il 17 settembre 2019 alle 20:58 :

    Andriesi fate pieta'.Ma Prendessero dei provvedimenti!!!! Rispondi a Carla