L'incidente è avvenuto verso mezzanotte nei pressi del Castel del Monte

Vettura impatta cinghiale sulla SS170: ferito il conducente dell’auto

Il presidente del Parco dell'Alta Murgia: «L’Ente si sta muovendo per mettere in campo azioni più efficaci di quelle finora attuate, che includono l’attivazione del selecontrollo nelle aree contigue al parco»

Cronaca
Andria sabato 16 novembre 2019
di la redazione
Cinghiali sulla Murgia
Cinghiali sulla Murgia © n.c.

Verso mezzanotte, sulla SS 170, nei pressi di Castel del Monte, si è verificato un incidente automobilistico tra una Fiat Panda e un cinghiale.

Data l’ora e la visibilità ridotta, il conducente dell’auto non è riuscito a scansare il grosso animale, comparso improvvisamente sulla carreggiata, che ha avuto la peggio nell'impatto con l’autovettura rimasta fortemente danneggiata.

Sul posto sono giunti i Carabinieri della locale compagnia e i sanitari del 118 per trasferire il conducente dell’auto presso il nosocomio andriese per gli accertamenti del caso.

Sull’incidente è intervenuto anche il presindete del Parco Nazionale dell’Alta Murgia che ha così commentato: «profondo rammarico per l’incidente della scorsa notte ad Andria, che mi auguro non avrà conseguenze gravi per il conducente delle Fiat Panda. Un cinghiale contro un’auto in corsa può avere esiti drammatici e le immagini dell’accaduto lo dimostrano chiaramente. Abbiamo osservato più volte la difficoltà a contenere e circoscrivere l’emergenza cinghiali, per la natura estremamente prolifica dell’animale. Negli ultimi mesi sono stati catturati trecento cinghiali, di cui venti negli ultimi dieci giorni. L’Ente Parco si sta muovendo per mettere in campo azioni più efficaci di quelle finora attuate, che includono l’attivazione del selecontrollo nelle aree contigue dell’Alta Murgia. Siamo davanti a un problema complesso per il quale è necessario il coinvolgimento della Regione e delle altre aree protette regionali e nazionali. Oggi più che mai è urgente agire in modo sinergico».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Luigi Grassitelli ha scritto il 17 novembre 2019 alle 00:03 :

    Oltre alla Regione che in questo caso pagherà i danni al signore, ritengo che lo stesso ente dovrebbe poi chiedere rivalsa dei danni a chi SCELLERATO ha deciso di introdurre nel Parco i cinghiali e i lupi. Ricordiamo che queste due razze di animali NON costituiscono la fauna del nostro territorio. Da ciò si comprende che chi decide per noi NON conosce neanche la propria materia. Rispondi a Luigi Grassitelli

  • Giovanni Alicino ha scritto il 16 novembre 2019 alle 16:24 :

    Ma non ci rompete i c..........ni. bisogna agire x caccia in modo da diminuire il numero sempre oramai crescente. Rispondi a Giovanni Alicino