La nota

Sacchetti di plastica non in regola: ad Andria multe per 15mila euro

Effettuati sequestri in città per oltre 100 chilogrammi di buste non a norma ed elevate sanzioni negli esercizi commerciali da parte dei Carabinieri Forestali

Cronaca
Andria giovedì 16 gennaio 2020
di La Redazione
sacchetto biodegradabile
sacchetto biodegradabile © n.c.

Borse e sacchetti di plastica sono stati gli “osservati speciali” di specifiche attività condotte dai militari del Reparto Carabinieri Forestali del Parco Alta Murgia e Stazioni Parco dipendenti. Diverse le visite effettuate agli esercizi commerciali al fine di verificare se le “buste” poste in commercio e date come imballaggio primario all’utente finale, rispettassero i requisiti imposti dalla “Direttiva Shopper”. Infatti, la normativa adottata in attuazione della direttiva UE 2015/720 consente il commercio solo per borse biodegradabili e compostabili, conformi a materiali destinati a contatto per alimenti e con spessore inferiore a 15 micron. Ogni sacchetto, peraltro, deve riportare le diciture dei marchi e delle certificazioni che ne attestino la conformità alla legge.

L’attività posta in essere dai Carabinieri Forestali ha permesso di scoprire che nonostante le nuove regole fossero in vigore dal 1 gennaio 2018, risultavano ancora in commercio sacchetti “fuori norma”. Circa 30 gli esercizi controllati, alcuni dei quali continuavano a smaltire vecchie scorte di buste contravvenendo alle disposizioni normative tendenti a ridurre i quantitativi di plastica dispersi nell’ambiente. Per questo sono state elevate sanzioni amministrative per oltre 30 mila euro e posto sotto sequestro il relativo materiale.

Nella città di Andria sono state comminate 3 sanzioni amministrative per un totale di 15 mila euro e sottoposti a sequestro sacchetti di plastica per un totale di 100 chilogrammi.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 16 gennaio 2020 alle 17:35 :

    È solo il primo passo verso la legalità, il secondo sarà individuare le cosche che impongono agli ambulanti l'acquisto di sacchetti di plastica (ovviamente non biodegradabili) come forma di estorsione. Rispondi a Franco

    Marco ha scritto il 17 gennaio 2020 alle 14:04 :

    Potrebbe anche non trattarsi di borse d asporto ma di sacchetti(quelli delle mozzarelle e di tutto quello che è un sacchetto..ovvero tutto) in quanto i forestali stanno INCOMPRENSIBILMENTE estendendo la.legge europea delle borse anche a questi.. Quindi bisognerebbe portarsi dietro al supermercato anche i barattoli di vetro o di acciaio non solo la.borsa o in alternativa.. forchetta e coltello .. Rispondi a Marco

  • syrantony ha scritto il 16 gennaio 2020 alle 12:18 :

    Li tengono quasi tutti, la prova pratica è fare la spesa e metterla nei sacchetti a norma. Tutti i prodotti con spigoli e taglienti tagliano le buste che già non sono robuste e la spesa si semina per strada, provare per credere, sempre sperando che non si compri bottiglie di olio così si prende il malocchio. A Rispondi a syrantony

    Francesco Nicolamarino ha scritto il 16 gennaio 2020 alle 18:32 :

    Si è possibile. Se però portassi con te da casa il sacchetto utilizzabile varie volte, risparmieresti il costo del sacchetto in materiale compostabile, faresti del bene all'ambiente e non incorreresti nell'inconveniente lamentato. Rispondi a Francesco Nicolamarino

    pasquale larecchia ha scritto il 16 gennaio 2020 alle 16:31 :

    Potresti sempre portartele da casa tua le buste. E' un'ottima cura contro il malocchio. Rispondi a pasquale larecchia