Lo fa sapere il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano.

Coronavirus, c'è il primo caso in Puglia

Il primo soggetto influenzato è residente nella provincia di Taranto, sembra proveniente da Codogno in Lombardia, ove si era recato in visita

Cronaca
Andria mercoledì 26 febbraio 2020
di La Redazione
Coronavirus
Coronavirus © n.c.

«Come avevamo previsto, abbiamo il primo soggetto influenzato residente nella provincia di Taranto, sembra proveniente da Codogno in Lombardia, ove si era recato in visita, positivo al test Coronavirus. Il test verrà domani trasmesso all’Istituto Superiore di Sanità per la conferma di seconda istanza».

Lo fa sapere il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano.

«Il paziente è ricoverato presso l'ospedale "Moscati" di Taranto in stanza a pressione negativa: è stato prelevato dal domicilio, nel quale viveva a suo dire da solo, in ambulanza del 118 dedicata, da personale dotato dei necessari dispositivi di protezione individuali. Il decorso dell’influenza è regolare e allo stato senza complicazioni.

Tutte le persone con le quali il soggetto è stato in contatto dopo il soggiorno a Codogno verranno sottoposte a tampone e poste in quarentena nelle prossime ore secondo i protocolli previsti».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • ISS ha scritto il 27 febbraio 2020 alle 15:59 :

    Chiunque non osserva un provvedimento legalmente dato dall'Autorità per ragione di giustizia o di sicurezza pubblica, o d'ordine pubblico o d'igiene , è punito, se il fatto non costituisce un più grave reato , con l'arresto fino a tre mesi o con l'ammenda fino a duecentosei euro Rispondi a ISS

  • ANDRIA CITTA PULITA ha scritto il 27 febbraio 2020 alle 15:59 :

    Chiunque non osserva un provvedimento legalmente dato dall'Autorità per ragione di giustizia o di sicurezza pubblica, o d'ordine pubblico o d'igiene , è punito, se il fatto non costituisce un più grave reato , con l'arresto fino a tre mesi o con l'ammenda fino a duecentosei euro Rispondi a ANDRIA CITTA PULITA

  • Anna Mansi ha scritto il 26 febbraio 2020 alle 20:48 :

    Perché sono rientrati dalle zone rosse senza nessuna precauzione? Perché bisogna andare via e diffondere il virus? Il presidente Conte aveva fatto intendere che nessuno sarebbe uscito dai Comuni in questione! Dunque Domando Si è incoscienti? Superficiali? Tarati? Insomma Sicilia Puglia Torino Tutti provenienti dalle stesse zone Ma nn facevano meglio a starsene un po' fermi? Spero che ci siano persone coscenziose che agisca no per il bene di tutti Perché è questo che conta adesso Inutile piangere dopo che il "latte si è versato" Sono molto arrabbiata conquisti connazionali che non hanno capito nulla😖 Rispondi a Anna Mansi