Il resoconto

I dirigenti scolastici sul piede di guerra: «Per garantire la sicurezza, manca il personale»

Oggi la manifestazione indetta dalla UIL Scuola Puglia. Tra le richieste per il prossimo anno scolastico, in via straordinaria, un organico aggiuntivo del personale Docente e ATA pari ad almeno il 40% dell’attuale

Cronaca
Andria martedì 14 luglio 2020
di La Redazione
Protesta dirigenti scolastici
Protesta dirigenti scolastici © Uil Scuola Puglia

Si è appena concluso il sit in dei dirigenti scolastici indetto dalla UIL Scuola Puglia. Numerose le presenze dei dirigenti, provenienti da ogni parte della regione, che hanno manifestato il disagio per l'assenza di precise e concrete indicazioni utili alla ripartenza della scuola in presenza, nonostante gli sforzi senza sosta da parte dell"Ufficio Scolastico Regionale.

Al termine del sit in, una delegazione di dirigenti, guidata dal segretario generale Gianni Verga e dal responsabile dell'area V, Vincenzo Fiorentino, è stata ricevuta dal direttore generale Anna Cammalleri alla quale suo tramite è stato consegnato un documento da trasmettere al Ministro dell'istruzione.

Nello specifico, la Uil Scuola chiede al Ministero un provvedimento legislativo che racchiuda al suo intetno quanto segue:

- Istituzione per il prossimo anno scolastico, in via eccezionale e straordinaria, di un organico aggiuntivo del personale Docente e ATA pari ad almeno il 40% dell’attuale;

- Insediamento di presidi sanitari operanti in ciascuna scuola o su reti di scuole;

- Stanziamenti cospicui a favore degli EE.LL., in particolar modo per quanti versano in situazione di dissesto finanziario;

- Formulazione di chiare indicazioni in favore dei lavoratori fragili;

- Definizione degli importi destinati al finanziamento del FUN dei DS, da non rimettere in predicato negli anni a venire;

- Revisione della normativa relativa ai DS quali datori di lavoro e di sollevamento degli stessi da responsabilità provenienti da possibili focolai di COVID;

- Sottoscrizione di un protocollo d’intesa tra Regione Puglia e M.I. per utilizzare gli oltre 40 milioni di euro disponibili per progetti utili a fornire risorse umane alle scuole.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Angelo ha scritto il 15 luglio 2020 alle 12:30 :

    Come agli uffici demografici del comune. Esce la responsabile tutta eccitata e chiede cortesemente distanza sociale!ma questa sa cos'è la distanza sociale? Per le distanze di un metro ecc. È distanza fisica? E si richiude dentro senza guardare che chi fa la fila si trova in una calca ! C'è cose sono due : ignoranza , o menefreghismo? Rispondi a Angelo

  • Maria P. ha scritto il 15 luglio 2020 alle 08:04 :

    L'unica cosa certa è che a settembre si faranno gli esami anti Covid obbligatori agli insegnanti. Non sarebbe legittimo e non si sa cosa succederà ai "positivi" asintomatici e non contagiosi. La scuola come un luogo di sperimentazione epidemiologica? Rispondi a Maria P.

  • Pastore Maria ha scritto il 14 luglio 2020 alle 16:58 :

    Buona sera. chiedono anche che le scuole siamo spesso sanificata ché il personale si facciano dei controlli ma a quanto pare soldi non arrivano e tutto questo rimane solo scritto. Rispondi a Pastore Maria

  • Angelo ha scritto il 14 luglio 2020 alle 16:24 :

    I dirigenti scolastici , la sera si facessero un giro ai giardini pubblici e per la città , . Poi ne riparliamo delle pseudo esigenze. Sarebbe il caso che gli insegnanti si dedicassero alla formazione costruttiva. Lasciassero i programmi obsoleti. Rispondi a Angelo

  • Angelo ha scritto il 14 luglio 2020 alle 16:18 :

    Con 18 ore alla settimana? Possiamo autotassarci per davi gli asciugatori di sudore! Rispondi a Angelo

  • Maria P. ha scritto il 14 luglio 2020 alle 16:06 :

    Sulla scuola non si sa ancora nulla. La ministra era imbarazzante e parlava troppo ma il nuovo commissario Arcuri tace su tutto. Rispondi a Maria P.

    Angelo ha scritto il 15 luglio 2020 alle 12:26 :

    La sicurezza è una cosa seria! Va però considerata tale! Se la sera i.ragazzi ,da sempre si riuniscono ai giardini pubblici senza alcuna distanza fisica(denominata sociale =?) Poi al bar poco distanti dalle scuole le mamme si riuniscono per festeggiare compleanni dei bambini e (festeggiano le mamme). Mi dite che cazzo di disinfettazione e plexiglas state cercando? Ma voi avete problemi di ipocondria? Sarebbe da assegnare dei fondi per consulenze terapeutica? Rispondi a Angelo