L'aggiornamento

Coronavirus, ancora classi in quarantena nelle scuole andriesi

Alla Vaccina un intero corso a casa, situazione simile alla Manzoni. Serve collaborazione di tutti, solo comportamenti più prudenti potranno scongiurare il rischio che si arrivi a soluzioni estreme come quella campana

Cronaca
Andria venerdì 16 ottobre 2020
di La Redazione
Coronavirus, scuola
Coronavirus, scuola © n.c.

Si allarga il fronte del contagio che interessa le scuole andriesi: è di queste ore la notizia che un intero corso della scuola media Vaccina sarebbe stato messo in isolamento fiduciario a casa per un contatto con un positivo. Situazione simile alla Manzoni con almeno 4 classi a casa.

Ormai pare solo questione di ore: in ogni scuola classi intere rimangono a casa in attesa del doppio negativo, cioè del secondo tampone che consenta, per legge, di riprendere l'attività in presenza.

I contagi arrivano sempre "da fuori" e l'isolamento è una misura precauzionale: ribadiamo che, allo stato attuale, le scuole sono tra i luoghi più sicuri perché iper-controllati, con distanziamenti rigorosi e attenzione all'uso delle mascherine e all'igiene delle mani.

Serve una presa di coscienza generale: la didattica a distanza è un "rimpiazzo" rispetto alla didattica in presenza, che serve ai ragazzi a stabilire anche connessioni emotive. La scuola è un bene che va salvaguardato, un diritto imprescindibile: solo comportamenti più prudenti potranno scongiurare il rischio che si arrivi a soluzioni estreme come quella adottata dal presidente campano De Luca di chiusura di tutte le scuole fino al 31 ottobre.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Anonima 83 ha scritto il 18 ottobre 2020 alle 08:22 :

    Piuttosto che prendersela con la scuola, bisognerebbe che i genitori stiano attenti ai propri figli riguardo a come si comportano in giro,vediamo tanti ragazzini irresponsabili senza mascherine e tutti assembrati. Quindi cominciamo a prenderci le nostre responsabilità e nn diamo colpe inutili. Se chiudono le scuole automaticamente anche i ragazzi dovrebbero nn frequentare altri posti. Altrimenti che senso ha....... Chiudere. Rispondi a Anonima 83

  • E.I. ha scritto il 17 ottobre 2020 alle 16:33 :

    2 giorni, alla vaccina e altri 2 giorni alla maraldo....ma che stiamo combinando? A questo punto, meglio la DAD. Così è solo una perdita di tempo per gli studenti. Evitiamo il contagio anche nei trasporti. Rispondi a E.I.

  • Maria Pastore ha scritto il 16 ottobre 2020 alle 20:15 :

    Bupnasera spero che si faccia presto qualcosa per le scuole se continuano così moltissimi bambini che con tutte le famiglie saranno contagi ate dovrebbero chiudere le scuole almeno per un po' perché molti genitori sono degli irresponsabili Rispondi a Maria Pastore

    Antonio Gazzilli ha scritto il 17 ottobre 2020 alle 11:09 :

    Carissima sig. Maria Pastore se le notizie non le sapete non parlare a vanvera perché il positivo non è tra gli alunni ma è di un docente che insegna nei 2 plessi scolastici. Noi famiglie stiamo subendo dei disagi enormi avendo altri bambini che frequentano altri plessi elementari e per salvaguardare la salute di altri bambini e famiglie stiamo tenendo anche loro a casa. {PS.(FAI COME DICO IO, NON FARE QUELLO CHE FACCIO IO). CHI VUOLE INTENDERE INTENDA.Questo non è rivolto a lei cara sig. Maria Pastore}. Rispondi a Antonio Gazzilli

  • sabino cannone ha scritto il 16 ottobre 2020 alle 17:32 :

    Dovete far intervenire i medici di base in collaborazione con medici anche in pensione e personale paramedico, con obbligo di tamponi e test ai propri associati. Le mascherine mediche fanno solo un solletico al Covid-19 che è una nano particella da 40 a 120 nanometri. Le migliori e più qualificate trattengono fino al 90/94%, ergo nessuno è al sicuro Da una recente ricerca, PUBMED due medici ricercatori Paital-Agraval hanno messo in correlazione l'aggressività del Covid -19(per i soggetti debilitati alle funzioni respiratorie) nelle aree con più elevato contenuto nell'aria di NO2(biossido di carbonio) e PM2,5 (polveri sottili). Dateci risposte pletora di virologi, infettivologi, epidemiologi, ecc,ecc Rispondi a sabino cannone

  • Anonimo incazzato! ha scritto il 16 ottobre 2020 alle 17:20 :

    oK... Sono d'accordo sul fatto che la didattica a distanza non è come quella svolta in classe... ma cavolo quando ad Andria c'erano 0 contagi ...... tutti a casa in videolezione, ed ora? Che stiamo aspettando??? Ma sapete che disagio è anche per un genitore nel momento in cui un figlio viene messo in isolamento preventivo? Rispondi a Anonimo incazzato!

  • Giovanni Alicino ha scritto il 16 ottobre 2020 alle 16:45 :

    Le scuole sono sicure e questo è tangibile. Il problema sono i ragazzi molti continuano quando, nella vita sociale vanno in giro a gruppi come se niente fosse e senza mascherina e distanziamento. I controlli non ci sono e poi, i mezzi di trasporto e in questo hanno ragione, sono super affollati in quanto pochi però nei pulman molti la mascherina non la mettono. Rispondi a Giovanni Alicino

  • incazzato nero ha scritto il 16 ottobre 2020 alle 16:12 :

    Ma le forze dell'ordine dove ca..o stanno? Le multe dove ca..o stanno? Signori svegliamoci dal letargo. Il "tempo delle mele" è finito! Prima che finiamo in un lockdown generale e poi tutti a cantare in coro L'inno d'Italia. Rispondi a incazzato nero

    tanomontereale ha scritto il 16 ottobre 2020 alle 19:05 :

    caro incazzato nero già il nome il top kmq sono assolutamente d'accordo con te a mio avviso il tempo delle mele e durato due settimane senza contagi a livello locale e tutti che pensavano che fosse finito tutti mo avast se fossi chi non si vuole mettere sta cazzo di mascherine ec rimanessero a casa chiuso tutti perché come sono i giovani anche li adulti per li resto le forze del ordine ad andria dormono per no dire altro Rispondi a tanomontereale

  • Valerio Olanda ha scritto il 16 ottobre 2020 alle 16:03 :

    Mi rivolgo alla sindaca di Andria di prendere una decisione tempestiva sulla situazione delle scuole nel nostro paese. Non è affatto un posto sicuro la scuola, assolutamente, il rischio contagio è altissimo, ed il problema più grave che diventerà un circolo vizioso. Prendiamo coscienza, lasciamo i nostri figli a casa con didattica a distanza, è la soluzione più consona, a mio avviso, oltre i bambini a casa resteranno intere famiglie in isolamento, se si continua così, e comunque dall' apertura delle scuole, Andria si è infestata di contagi Rispondi a Valerio Olanda