Gli auguri

​Buon Natale di primavera

...Agli ultimi degli ultimi, ai dimenticati, agli allontanati, a chi ha lavorato ed oggi lotta contro l’indifferenza. A chi cerca un posto di lavoro e un posto non c’è neanche per lui...

Cultura
Andria martedì 25 dicembre 2018
di Geremia Acri
Una delle immagini che ci giungono dalla Siria ...
Una delle immagini che ci giungono dalla Siria ... © n.c.

“Un germoglio spunterà dal tronco…, un virgulto germoglierà dalle sue radici”. (Isaia 11,1)

L’attesa e la speranza nel Veniente, in colui che è il Dio con-noi e per-noi, può aiutarci a lanciare nel mare i fardelli delle nostre paure e scegliere di tranciare la corteccia dell’ipocrisia, le punte dell’altezzosità e produrre frutti di giustizia, di verità e di cambiamento.

Vivere e promuovere il Natale, come osava affermare don Tonio Bello «è optare per l’inedito, accogliere la diversità come gemma di un fiore nuovo. Come primizia di un tempo nuovo.

C’è una storia, una continuità secondo ragione, che è il “futurum”, e una continuità secondo lo Spirito che è “l’ad-ventus”, il totalmente nuovo, il futuro che viene come mutamento imprevedibile».

Buon Natale di primavera: agli ultimi degli ultimi, ai dimenticati, agli allontanati, a chi ha lavorato ed oggi lotta contro l’indifferenza. A chi cerca un posto di lavoro e un posto non c’è neanche per lui. A chi ha perso il treno, in orario, è non trova più nessuna coincidenza. A chi chiude la porta del mondo.

Buon Natale la primavera è per tutti, nessuno escluso.

Lascia il tuo commento
commenti