L'appuntamento alle ore 19:30 presso la libreria Persepolis in via Bovio ad Andria

"Il Caffé della Parola" ospita questa sera Nello Scavo

The Telegraph: «Nello Scavo denuncia chi sta preparando "bocconi avvelenati" per Papa Francesco»

Cultura
Andria martedì 12 febbraio 2019
di La Redazione
l'evento
l'evento © n.c.

Al via questa sera il primo degli appuntamenti in programma per "Il caffè della parola" promosso dall'Ufficio Migrantes della Diocesi di Andria, l'8 per mille e dall'ass. di volontariato Salah. Nello Scavo, giornalista di Avvenire, dialogherà con quanti vorranno prendere parte all'evento in programma questa sera alle ore 19:30 presso la libreria Persepolis, in via G. Bovio, ad Andria.

Nello Scavo negli ultimi anni ha trascorso molto tempo sulle navi di salvataggio dei migranti nel Mediterraneo ed è tra i tre giornalisti insigniti del Premio Emilio Rossi, attribuito quest’anno – a dieci anni dalla scomparsa dell’ex direttore del Tg1 – dall’Unione cattolica della stampa italiana (Ucsi), dall’Ufficio Comunicazioni sociali della Cei e dal Dicastero Vaticano per la comunicazione.

Le sue inchieste sono state rilanciate dalle principali testate del mondo, fra cui The New York Times, The Washington Post, The Independent, Le Monde, Huffington Post, La Croix, Bbc, Cnn, Clarin, La Nacion, El Pais, El Mundo e altri.

Negli anni, ha indagato sulla criminalità organizzata e il terrorismo globale, firmando servizi da molte zone «calde» del mondo come la ex-Jugoslavia, la Cambogia e il Sudest asiatico, i paesi dell’ex Urss, l'America Latina, il Corno d'Africa e il Maghreb.

Nel settembre 2017 è riuscito a introdursi in una prigione clandestina degli scafisti libici, raccontando in presa diretta quali siano le condizioni dei migranti intrappolati. Nel 2016, dopo avere percorso e raccontato per oltre un anno la rotta terrestre dei Balcani, insieme a carovane di profughi, è stato in Siria scoprendo le catacombe dove sono tornati a vivere i cristiani sotto i bombardamenti. Nel 2011 è stato tra i primi al mondo a entrare insieme a Cnn, Reuters e New York Times nella città di Mogadisho, mentre la capitale somala veniva devastata da una nuova ondata di combattimenti.

Nel gennaio 2019 è stato il primo giornalista a salire a bordo della nave Sea Watch 3 che per tre settimana è stata bloccata in mare dopo avere soccorso, conla Sea Eye, 49 migranti a cui non era stato permesso di sbarcare.

Ha scritto “La Lista di Bergoglio” (Emi, 16 lingue - 60 Paesi) “I sommersi e i salvati di Bergoglio” (Piemme-Mondadori, 2014), “Luigi Ciotti, un pretre contre la mafia” (Bayard, Francia). “I nemici di Francesco” (Piemme-Mondadori, tradotto in oltre 20 Paesi). "Perseguitati" (Piemme - Mondadori, in via di traduzione per l'estero). "Bergoglio e i libri di Esther. L'amicizia tra il futuro papa e la rivoluzionaria desaparecida" (Città Nuova, 2017). L'ultimo libro è "Fake Pope. Le false notizie su Papa Francesco" (San Paolo, 2018).

The Independent «Nello Scavo svela il potente blocco di potere internazionale che cospira contro il papa argentino».

The Telegraph «Nello Scavo denuncia chi sta preparando "bocconi avvelenati" per Papa Francesco»

Agence France Presse «L'opera del giornalista italiano Nello Scavo è una inchiesta minuzionsa».

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette