Orgoglio andriese

Giovani menti che pensano, gli alunni del "Troya" vincono un Concorso nazionale di filosofia

La squadra della 5^ C linguistico ha sbaragliato in finale il team avversario. A Silvia Attimonelli la menzione speciale come miglior oratrice dell'intero concorso

Cultura
Andria lunedì 17 febbraio 2020
di La Redazione
Giovani menti che pensano, gli alunni del
Giovani menti che pensano, gli alunni del "Troya" vincono un Concorso nazionale di filosofia © AndriaLive

Qualche mese fa, Umberto Galimberti, famoso filosofo italiano, aveva affermato durante un convegno pubblico che la filosofia e l’impatto della medesima con il mondo che ci circonda, quello concreto, grida aiuto su tutti i fronti in questo mondo – con le sue contraddizioni, esaltate dalla società tecnologica, anzi con la tecnica, con la quale anche la scuola ogni giorno di più viene invitata a esercitarsi e ad esercitare giovani e giovanissime menti – che deve fare i conti l’umanità attuale.

Ebbene, ad Andria ci sono giovani menti pensanti che riaccendono la fiammella della speranza: la squadra "Andria", composta dagli alunni della 5^C linguistico del Liceo "Carlo Troya" Silvia Attimonelli, Sofia Fortunato, Enrico Miccoli, Angelica Pansitta e Roberta Paradiso, si è aggiudicata il primo posto al prestigioso concorso nazionale di filosofia "Romanae Disputationes", le cui finali si sono svolte lo scorso weekend a Bologna. Silvia Attimonelli, inoltre, è stata insignita con la menzione speciale come miglior oratrice dell'intero concorso.

Gli studenti andriesi hanno vinto nella categoria seniores del torneo "Age Contra" , cioè un dibattito a squadre di argomento filosofico: il topic della finale era "Ci sono cose che la parola non può esprimere" e i ragazzi hanno prevalso sostenendo la tesi contraria, ovvero non ci sono cose che la parola non può esprimere.

Ad accompagnarli a Bologna il professore referente dell'iniziativa, Vincenzo Lomuscio, mentre il docente della classe, Vittorio Olivieri, ha "tifato" a distanza.

«Sono molto felice di questo risultato - ha dichiarato il Dirigente Scolastico, Michelangelo Filannino -, un bellissimo risultato, che rafforza l'idea di potenziare l'insegnamento della filosofia negli aspetti della filosofia del linguaggio nell'indirizzo, appunto, linguistico. La filosofia del linguaggio è molto interessante, talvolta trascurata, ma con gli studenti ha funzionato e mi complimento con i nostri campioni».

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette