Simbologia geografica che separa e unisce, un confine sottile con l’infinito e l’esistenza

"Istmo", il nuovo film di Carlo Fenizi al Roma Open Cinema sotto le stelle

La proiezione si terrà l'11 e il 12 agosto, in via Flavio Giugno, 10. Nella prima giornata sarà presente il regista

Cultura
Andria lunedì 10 agosto 2020
di la redazione
La locandina
La locandina © n.c.

Il film segue le due vite parallele di Orlando, traduttore e “influencer”, nel labirinto rappresentato dalla sua stessa casa e il variopinto via vai di umanità che si muove dentro e fuori. Orlando è vittima e specchio di una società che unisce apparentemente ma di fatto ci separa inevitabilmente, è un'anima sospesa. Sospesa tra due generazioni, tra due esistenze, tra una solitudine autoindotta e claustrofobica e una tensione verso l'esterno, così come l’istmo, punto di confine sospeso tra due terre e due mari.

Dietro la macchina da presa, Carlo Fenizi (La luce dell'ombra, Effetto Paradosso, Umbra) dirige Michele Venitucci (Tutto l’amore che c’è, Il seme della discordia, A Woman, Codice Rosso), Caterina Shulha (Smetto quando voglio, La vita possibile, Cetto c’è, senzadubbiamente), Timothy Martin (Una Pura Formalità, Karol, un Papa rimasto uomo) e la pluripremiata star spagnola Antonia San Juan, nota in Italia per pellicole come Tutto su mia madre di Almodóvar e Amnèsia di Salvatores. Prodotto da Tejo, Istmo sarà proiettato l'11 e il 12 agosto presso Roma Open Cinema sotto le stelle (via Flavio Giugno, 10, Andria), all'interno dell'iniziativa D'autore D'estate 2020.

Martedì 11 agosto il regista Carlo Fenizi parteciperà alla proiezione e ha ritenuto che «in questo momento storico così delicato, il film rappresenta un ulteriore possibile spunto di riflessione sul valore delle relazioni autentiche e sul legame con la pienezza della vita» .

Sinossi: Orlando lavora da casa, una gabbia da cui non esce mai, traducendo dallo spagnolo vecchi film latinoamericani e nella sua vita parallela è un influencer. Tra le trame della sua quotidianità rituale e monotona, caratterizzata da tante piccole manie, emicranie e incubi notturni, orbitano una serie di personaggi variopinti e misteriosi, tra cui il coinquilino Amad, con cui è costantemente in conflitto e che si rivelerà portatore di un’inattesa identità. Solo Marina, una rider che gli consegna regolarmente il cibo a domicilio, riuscirà ad aprirgli nuovi orizzonti verso il “fuori”.

Lascia il tuo commento
commenti