La nota

Avvisi di accertamento, Barchetta: «Dall'amministrazione metodo e comunicazione sconcertanti»

Il consigliere comunale di FdI: «Non è corretto addebitare interessi e sanzioni negli avvisi Tari perché elaborati d'ufficio e non in autoliquidazione»

Politica
Andria giovedì 14 gennaio 2021
di la redazione
tari
tari © n.c.

«Rimango ad oggi allibito dal modo in cui l'Amministrazione Bruno ha deciso, senza alcuna forma di comunicazione necessaria e preventiva, di inviare a migliaia di cittadini degli avvisi di pagamento per tributi non versati o non pagati regolarmente. Ovviamente non contesto il fatto che il cittadino inadempiente sia perseguito perché versi il dovuto, ma che il centro-sinistra oggi si permetta di informare la cittadinanza a cose fatte con una metodologia alquanto discutibile.

Due i problemi a cui far fronte: l’impossibilità per i cittadini di recarsi di persona presso l'ufficio tributi e lo sconcerto nell’apprendere di versare ingiustamente interessi e sanzioni per un tributo (la TARI) che viene elaborata dagli uffici e non in autoliquidazione (in autonomia o tramite Caf e professionisti) come gli altri (IMU e TASI) e pertanto doveva essere richiesta per tempo l’integrazione da parte degli stessi uffici a seguito della sentenza del Tar. Dagli organi di stampa ho anche apprezzato le dichiarazioni di ex amministratori che fanno chiarezza su come si sia arrivati alla situazione del 2015 che, in sostanza, divide l’anno solare in due periodi a seguito della citata sentenza. Ricordo, poi, come all'epoca l’attuale maggioranza dispensò lezioni di diritto tributario promuovendo azioni di richiesta di risarcimento e di rimborso. L'atteggiamento attuale quindi non ci meraviglia. Se paragono, infatti, lo stesso modus operandi di tante scelte, o mancate scelte, di questi quasi 4 mesi di Amministrazione di centro-sinistra ritrovo la stessa saccenteria di quando l'attuale maggioranza era opposizione.

In questo particolare periodo storico ci sono cittadini già abbondantemente colpiti dalle decisioni del Governo nazionale, in più anche le amministrazioni locali, di fatto, fingono di vivere tempi normali, ponendo in essere scelte inopportune e vessatorie. Sarebbe stato il caso di preparare innanzitutto gli uffici, quindi di organizzare, magari per ordine alfabetico, le opportune verifiche ottemperando anche alle stesse misure che l'Amministrazione ha adottato per l'emergenza covid. Se non è possibile fare assembramenti nel centro città, nelle zone pedonali o nei parchi, come da ordinanze sindacali, sarebbe interessante comprendere perché la stessa Amministrazione vada, di fatto, ad incentivare ora code e folla negli uffici pubblici. Il metodo adottato è da biasimare, la comunicazione scelta pure. Spero che l'Amministrazione corregga rapidamente, nella forma e nella sostanza, il percorso avviato».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Giovanni Alicino ha scritto il 14 gennaio 2021 alle 11:56 :

    Sindaco si svegli, si muova affinché i cittadini non subiscano di fare code in un periodo attuale. Rispondi a Giovanni Alicino

  • Arrigo QUADRETTI ha scritto il 14 gennaio 2021 alle 10:44 :

    BARCHETTA ma Lei nel 2015, APPROVO' o meno in ritardo l'AUMENTO DELLE TARIFFE? Il problema odierno è pertanto Sua precisa responsabilità. Zittisca La prego. Rispondi a Arrigo QUADRETTI

  • Leone biancazzurro ha scritto il 14 gennaio 2021 alle 08:45 :

    Infatti eravamo abituati a sentire che va tutto bene , non ci sono debiti. Rispondi a Leone biancazzurro

  • Giuseppe I. ha scritto il 14 gennaio 2021 alle 08:14 :

    E continuano a voler dare lezioni quando devono nascondersi e finirla con le chiacchiere. Parlano rappresentanti dei partiti che per bocca dei dipendenti dicevano : il rimbrso deve essere controllato,ma per i momemto fatene dei faldoni e metteteli nel dimenticatoio. Questo, è quanto detto al momento del sollecito e i cittadini sono creditori del comune sia per le tariffe tari e imu adottate a capocchia. Rispondi a Giuseppe I.