La nota dele liste "Movimento Pugliese", "La Torre", "Andria Nuova"

Dad in Puglia, Marmo: «Intempestiva e penalizzante per le famiglie l'ultima ordinanza di Emiliano»

Del Giudice e Fisfola: «La tempistica non consente alle famiglie alcuna possibilità di organizzare una pur minima conciliazione vita/lavoro»

Politica
Andria lunedì 22 febbraio 2021
di la redazione
I consiglieri comunali Del Giudice, Marmo e Fisfola
I consiglieri comunali Del Giudice, Marmo e Fisfola © AndriaLive

«Ci spiace, purtroppo, constatare la perfetta simmetria tra le ordinanze di Emiliano sulla scuola e gli sciagurati provvedimenti sugli impianti sciistici del duo Conte-Speranza. L’ultima ordinanza, poi, è un esempio lapalissiano di come il Presidente della Regione metta migliaia di famiglie pugliesi difronte al famigerato fatto compiuto, disponendo la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado fino a venerdì 5 marzo, che è come a dire fino a lunedì 8 marzo». Così i consiglieri comunali Marmo Del Giudice e Fisfola sull'Ordinanza n° 56 del Presidente della Regione.

«Il provvedimento è assolutamente intempestivo perché emanato due giorni prima della sua effettiva esecutività, con una domenica di mezzo, che non consente alle famiglie alcuna possibilità di organizzare una pur minima conciliazione vita/lavoro. L'intera vicenda, però, diventa davvero beffarda se si considera che nell'ordinanza si fa riferimento al Tavolo Scuola, condotto dall’Assessore regionale all’Istruzione, a cui sono state invitate anche le Associazioni genitoriali che, in quella sede, avrebbero evidenziato l'estrema difficoltà, specie per le mamme lavoratrici, di dover conciliare lavoro/famiglia e di procurarsi rapidamente un'adeguata connessione internet per l'attività didattica di tutti i componenti del nucleo familiare. Guarda caso, quella stessa rete internet che nei plessi scolastici risulta ancora inadeguata a supportare le benché minime attività didattiche a distanza.  

Inoltre, nell'ordinanza un lato si procede all'attivazione della DAD per il 100% degli alunni, e dall’altro si riconosce ai dirigenti la possibilità di consentire la presenza massima del 50 % per ciascuna classe, qualora ricorressero non meglio identificate “ragioni non diversamente affrontabili”.  Quindi, secondo l'ordinanza di Emiliano, il dirigente annulla la DID, per poi avere la facoltà di riattivare quella stessa DID...anche in questo caso la toppa è peggio del buco”.

È vero, la situazione sanitaria della Regione sembra essere peggiorata - e anche di questo dovremmo averne conto da parte delle strutture regionali - ma allora perché non si è predisposto al momento giusto un opportuno programma a sostegno delle famiglie per affrontare il momento critico? È dalla scorsa estate che doveva essere messa in campo una riorganizzazione del sistema scolastico, trasportistico e sanitario da parte della Regione. E invece c'è stato solo tanto tempo perso. Se vi è la giusta necessità di proteggere il personale docente e non docente, nelle more della vaccinazione della categoria, perché interrompere bruscamente le attività didattiche, trascurando le  conseguenze e i disagi di chi fornisce e di chi usufruisce di un servizio primario come quello scolastico?».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • giuseppe i. ha scritto il 22 febbraio 2021 alle 17:14 :

    Ma perchè questi signori che hanno dimostrato tutto il loro valore durante le ultime due amministrazioni guidata sapientemente dal sindaco giorgino continuano ad attizzare i fuochi. Evidentemente non riescono a capire che i provvedimenti delle autorità sono dovuti ai nostri comportamenti folli. Rispondi a giuseppe i.

  • sabino cannone ha scritto il 22 febbraio 2021 alle 11:48 :

    "La legge è lo strumento più efficace per educare gli individui di una comunità, si insinua nei cuori e come tale è accettata come riferimento di diritto e della verità.."W. Hallstein professore di diritto comparato e fautore del disegno della Grande Germania degli anni '30 (fonte: Processo di Norimberga da documenti desecretati del ministero di guerra inglese) e due volte presidente della Commissione europea dal '57 al '67, architetto del progetto dell'Unione Europea (fonte Dr. Rath Fondation "Nazi Root of Union European). Rispondi a sabino cannone

  • Giovanni Alicino ha scritto il 22 febbraio 2021 alle 09:39 :

    È come ponzio pilato. Fa ordinanze e se ne lava le mani lasciando i problemi alle scuole e famiglie. Rispondi a Giovanni Alicino