Le parole del primo cittadino

Giorgino: «Finché sarò Sindaco, nessuna nuova discarica»

«Il Comune conveniva con la Regione sulla bonifica, non certo sul suo riutilizzo come nuova discarica, seppur in colmamento»

Politica
Andria giovedì 14 febbraio 2019
di La Redazione
Carta di identità elettronica, oggi la prima rilasciata al Sindaco Giorgino
Carta di identità elettronica, oggi la prima rilasciata al Sindaco Giorgino © n.c.

Nella vicenda che da ieri tiene banco ad Andria, relativa all’eventualità di realizzare una nuova discarica, interviene tramite un post su Facebook il sindaco Nicola Giorgino che smentisce tale possibilità: «Non si comprendono le dichiarazioni dell'assessore regionale all'ambiente Stea che in merito alle procedure di bonifica di una discarica per inerti in agro di Andria, oggetto di infrazione comunitaria, di proprietà di una azienda fallita e commissariata, ha detto che la stessa, bonificata, potrebbe essere riutilizzata come discarica per materiale di raccolta di rifiuti solidi urbani, cioè indifferenziato.

Il Comune conveniva con la Regione sulla bonifica, non certo sul suo riutilizzo come nuova discarica, seppur in colmamento. Ribadisco che il riutilizzo non può assolutamente riguardare una discarica per rifiuti solidi urbani: questo è il punto e finché sarò sindaco non accetterò discussioni di sorta sull'argomento.

Andria è una città campione e modello nella raccolta differenziata porta a porta dei rifiuti e meritiamo attenzioni regionali di altro tipo sull'ambiente, non certo altre discariche. Mi auguro che in breve tempo la questione possa essere chiarita ed invito i rappresentati istituzionali della città e del territorio a fare squadra su queste tematiche che andrebbero, sempre, affrontate con attenzione e serietà da parte di tutti».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Riccardo Nanni ha scritto il 15 febbraio 2019 alle 16:08 :

    Invece di convegni per discariche perche' non se ne fanno sulla costruzione di Termovalorizzatore di nuova concezione?? Rispondi a Riccardo Nanni