La nota

DL Xylella, Marmo: «C'è chi festeggia per elemosina data dal padrone leghista, vergogna!»

«Brindare all’elemosina di 5 milioni di euro per gelate e Xylella è una cosa che fa rizzare i capelli»

Politica
Andria venerdì 08 marzo 2019
di La Redazione
Nino Marmo
Nino Marmo © n.c.

«C’è veramente da invitare tutti ad avere dignità e pudore, perché brindare all’elemosina di 5 milioni di euro per gelate e Xylella è una cosa che fa rizzare i capelli -. Lo dichiara il presidente del Gruppo consiliare di Forza Italia, Nino Marmo. - Emiliano - aggiunge - si batte la mano sul petto come se avesse avuto un ruolo in questa vicenda: quattro anni di niente mischiato al nulla da parte della Regione e oggi plaude a qualche spicciolo che il “padrone del Nord” ha lanciato alla “plebe pugliese” con il famigerato decreto. C’è da vergognarsi!

Così come mi appello agli agricoltori pugliesi, che si sono accontentati di 100 euro per ogni azienda che ha contratto dei mutui (per le altre, invece, zero!). Si fa riferimento, per le gelate, al Fondo di Solidarietà Nazionale, quando tutti sanno che il Fondo ha una dotazione pari a... zero! Che presa in giro è questa? 90 mila ettari di produzioni in fumo per le gelate e 27 mila ettari di uliveti bruciati dalla Xylella, con un intero settore letteralmente in ginocchio, e qui c’è qualcuno che festeggia per 5 milioni dati dal governo.

È da molto tempo che insistiamo, purtroppo inascoltati, per far capire che la Puglia agricola ha subito ferite che non sono rimarginabili con la legge 102 sulle avversità atmosferiche, e che gli eventi eccezionali si affrontano con strumenti eccezionali.

Ci fanno specie gli applausi adesso al ministro, al presidente e all’assessore in piazza Ss Apostoli a Roma: avrebbero dovuto invitarli ad allontanarsi e a farsi rivedere con in mano solo provvedimenti concreti e un manifesto di scuse alla Puglia intera.

Non si può continuare così! Una presa in giro clamorosa che ha più complici, anche tra coloro che dovrebbero protestare con ancora più energia oggi. Siamo senza parole.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Riccardo Nanni ha scritto il 08 marzo 2019 alle 16:31 :

    I nome o i nomi. Trattasi di Centinaio o Salvini??? Lo dica!! Rispondi a Riccardo Nanni

    sabino cannone ha scritto il 09 marzo 2019 alle 11:51 :

    Sig. Riccardo c'è un solo nome "Commissione UE". Non immagini il potere di veto che ha questa cupola di criminali(non eletta e nominata dai poteri del capitale finanziario). Aiutare i ns agricoltori equivale a dire "aiuti di stato", che per le norme europee sono vietate perchè possono distorcere la concorrenza del mercato unico interno della zona euro. E' la stessa L. 234/2012 "Monti" che esclude il settore agricolo dagli aiuti di stato per motivi di calamità naturali, comma 5 dell'art. 47. Questo comma va dichiarato "incostituzionale". A mio avviso hanno sbagliato tutti la procedura, presso la Commissione UE, per il riconoscimento del danno di calamità naturali artt. 107 e 108 del Trattato di Lisbona (altro trattato incostituzionale contro il ns art 1 Costit.).Una pletora di incompetenti Rispondi a sabino cannone