«I cambiamenti epocali»

Bacinelle per l'acqua piovana che filtra attraverso le stanze dell'ufficio anagrafe

La denuncia del M5S: «L’ufficio anagrafe di Andria è ridotto così, con acqua che piove all’interno, su documenti e dipendenti. Divertente che Nino Marmo si meravigli che i dipendenti chiedano di andare a lavorare altrove»

Politica
Andria venerdì 11 ottobre 2019
di La Redazione
Bacinelle per raccogliere la
Bacinelle per raccogliere la "pioggia" nell'ufficio anagrafe © n.c.

La dura denuncia del M5S andriese in merito alla situazione in cui versano gli ambienti interni dell'ufficio anagrafe di Andria:

«Ecco in foto, uno dei cambiamenti epocali lasciati agli andriesi dai competenti e "capiscitori" Giorgino, Marmo e deprimente compagnia cantante.

Nell’ufficio anagrafe di Andria piove!

E quando piove in casa, che fai? Semplice, metti le bacinelle!

L’ufficio anagrafe di Andria è ridotto così, con acqua che piove all’interno, su documenti e dipendenti, senza finestre, senza climatizzazione e con poca elettricità a causa dei debiti del comune lasciati dai capiscitori per via delle bollette non pagate, sporcizia diffusa, personale ridotto all’osso e spostato in base a convenienze degli “amici degli amici”.

Questa tremenda situazione purtroppo è ormai comune a tutti gli uffici pubblici di Andria a causa del disastro economico che vive il comune di Andria e che causa disservizi e disagi ai cittadini, oltre che una situazione indegna in cui lavorano i dipendenti comunali. Divertente è poi, che il capiscitore e bella addormentata nel boschetto di Andria Nino Marmo si meravigli che i dipendenti chiedano di andare a lavorare altrove, addirittura fuori dalla propria città. Ovvio, in questi anni lui stesso con i suoi sodali hanno creato un clima tale in comune, che i dipendenti preferiscono fare chilometri pur di non stare qui. Ma la colpa è sempre di altri.

Ce lo dobbiamo dire, la situazione è difficile... molto difficile!

Ci vorranno anni, sacrifici e sforzi comuni per ritornare ad avere servizi normali nella nostra città, motivo per cui Michele Coratella, che spero possa essere il prossimo Sindaco di Andria, con tutto l'aiuto del M5S a tutti i livelli, si farà carico di questa eredità tremenda lasciata da personaggi politici senza vergogna, con entusiasmo e con una visione del futuro della nostra città che sicuramente si concretizzerà in una prospettiva completamente diversa.

Spero vivamente che siano tutti gli andriesi a spazzarvi via ed a mandarvi a casa definitivamente e a riporre fiducia nel nostro gruppo».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Luigi ha scritto il 11 ottobre 2019 alle 17:59 :

    Che vergogna Rispondi a Luigi