L'aggiornamento

Amministrative: per la Lega il nome di Nino Marmo non è credibile quale candidato unico del cdx

Intanto a metà settimana si dovrebbe tenere un tavolo provinciale delle forze di centrodestra: Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia, che dovrebbe risolvere l'enigma della candidatura o delle candidature a sindaco

Politica
Andria martedì 25 febbraio 2020
di Sabino Liso
Lega, Miscioscia e Giorgino durante l'incontro con l'europarlamentare Casanova
Lega, Miscioscia e Giorgino durante l'incontro con l'europarlamentare Casanova © n.c.

L'europarlamentare della Lega Massimo Casanova ieri in visita ad Andria ha incontrato militanti e simpatizzanti soffermandosi poi con i referenti del territorio alla presenza, altresì, del coordinatore provinciale Giovanni Riviello, del responsabile enti locali Nicola Giorgino e del coordinatore cittadino Benedetto Miscioscia.

Un incontro che nasce principalmente come un giro di cortesia dell’europarlamentare Casanova a seguito, appunto, della sua elezione, ma che vuole essere anche letto in una chiave di confronto e occasione propizia per sfoderare le proprie carte in vista della imminente competizione con le amministrative.

Intanto, l'aggiornamento sul fronte dei nomi da schierare per il centrodestra è il seguente: la Lega confermerebbe la volontà di schierare il coordinatore cittadino Benedetto Miscioscia, qualora Nino Marmo sia restio a fare un passo indietro e quindi non si converga sulla scelta di un candidato che non abbia contribuito a far cadere l’amministrazione Giorgino. Questo è quanto ribadito anche ieri.

Apertis verbis, il nome di Nino Marmo quale candidato unico del cdx per la Lega non è credibile: l’autore della caduta di governo della città non può essere il candidato sindaco di un centrodestra che, se così fosse, non concorrerebbe unito.

Diversamente, se Nino Marmo facesse un passo indietro, la Lega potrebbe convergere per un nome che “leghi” tutto il centrodestra. Molto difficile trovare la quadra soprattutto con le casse del comune in predissesto: un professionista e/o un personaggio autorevole che si metta davvero “a disposizione della città” e non dei partiti sembrerebbe impresa davvero ardua.

Intanto a metà settimana si dovrebbe tenere un tavolo provinciale delle forze di centrodestra: Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia. Un tavolo che metterebbe a confronto Raimondo Lima, Giovanni Riviello e Nino Marmo assieme agli altri esponenti dei tre partiti di cdx che dovrebbe sancire definitivamente o la reunion oppure il divorzio definitivo che vedrebbe la candidatura di Misicoscia per la Lega e quella di Marmo per FI e chissà che non spunti anche un terzo nome per FdI. Ovviamente, con annesse liste civiche a supporto degli stessi.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • A.Z. ha scritto il 11 marzo 2020 alle 17:47 :

    Passi indietro,avanti,a lato...stiamo in sala da ballo? Qui occorre pensare al bene di Andria dei suoi abitanti e non alle proprie ambizioni.........! Rispondi a A.Z.

  • Giovanni Alicino ha scritto il 26 febbraio 2020 alle 12:24 :

    Sia uno che l'altro non sono credibili. Fanno parte di coloro che hanno contribuito allo sfascio della città. Il m.........a sarebbe manovrato dal ex. Pertanto meditate gente meditate. Rispondi a Giovanni Alicino

  • sabino cannone ha scritto il 26 febbraio 2020 alle 11:14 :

    Avete messo Andria nelle condizione di un debito inestinguibile, come quello nazionale, 132 mln di euro compreso interessi nei prossimi 30 anni (15+15 mln di prestito a seguito di legge Monti su debiti della P.A. del 2012 e 51+51 mln per il fondo ammortamento debiti inesigibili legge Berlusca del 2015). Interessi passivi ai cravattari alle banche agli usurai ?!?! "L'usuraio ha solo due desideri: che il debitore non muoia mai e che il debito sia inestinguibile". Ecco questo è l'orizzonte che gli aspetta al nuovo candidato sindaco! Buona fortuna a tutti! Rispondi a sabino cannone

  • Amicodipeppone ha scritto il 25 febbraio 2020 alle 11:21 :

    ....con tutto il rispetto della persona, ma politicamente il nome di Marmo dopo essere stato tra i responsabili della caduta di un governo cittadino di centrodestra, non può e non deve essere proposto come candidato Sindaco del centro destra. Rispondi a Amicodipeppone

  • Michele Franco ha scritto il 25 febbraio 2020 alle 09:49 :

    CON MISCIOSCIA,ANDRIA,PRENDEREBBE IL VOLO. FORZA BENEDETTO.. Rispondi a Michele Franco

    Cittadino Andriese deluso ha scritto il 25 febbraio 2020 alle 10:35 :

    ...VERSO IL BARATRO Rispondi a Cittadino Andriese deluso

    Leonebiancazzurro ha scritto il 25 febbraio 2020 alle 10:29 :

    Andriesi allacciate le cinture. Rispondi a Leonebiancazzurro

  • Lorusso vincenzo ha scritto il 25 febbraio 2020 alle 09:06 :

    Il centrodestra farebbe meglio a non presentarsi alle elezioni con quella triade Gli Andriesi non dimenticano Rispondi a Lorusso vincenzo

  • Leonebiancazzurro ha scritto il 25 febbraio 2020 alle 08:22 :

    Per il bene della città state fermi un turno. Pensateci Rispondi a Leonebiancazzurro

  • Andriese72 ha scritto il 25 febbraio 2020 alle 08:13 :

    Casanova quello del Papete, e ho detto tutto.... Rispondi a Andriese72

  • Andriesi svegliatevi ha scritto il 25 febbraio 2020 alle 07:42 :

    Per me è assurdo che dopo aver distrutto una città abbiamo anche il coraggio e la sfrontatezza di ricandidarsi..... è vero quando si scende in basso non c'è mai limite al peggio!!!! Come se Giorgino Miscioscia & C. non centrassero nulla con la situazione di Andria. Rispondi a Andriesi svegliatevi

  • Cittadino andriese deluso ha scritto il 25 febbraio 2020 alle 06:27 :

    Anche il nome di Benedetto Miscioscia non è credibile quale candidato sindaco della città di Andria: è stato assessore della giunta Giorgino e rischia di essere il portavoce di Giorgino. Il cdx deve rigenerarsi per essere credibile Rispondi a Cittadino andriese deluso

    lubri ha scritto il 26 febbraio 2020 alle 11:48 :

    VEDO MOLTO BENE LA GIOVANNA BRUNO E LA DI PILATO. DUE PERSONE ONESTE. MARMO DA CAPIRE…………. Rispondi a lubri

Le più commentate
Le più lette