L'elenco

Consiglio comunale, tra riconferme e new entry

Da entrambe le ipotesi si evince che, a prescindere dal risultato, molti "big" sarebbero fuori dalla massima assise cittadina a vantaggio di tanti nuovi volti

Politica
Andria mercoledì 23 settembre 2020
di Michele Lorusso
Palazzo di città
Palazzo di città © AndriaLive

In base alla simulazione che abbiamo fatto questa mattina, di seguito riportiamo i nomi dei probabili consiglieri comunali che siederanno sugli scranni di Palazzo di Città.

In caso di vittoria della candidata Giovanna Bruno, tra i banchi della maggioranza troveremmo per il PD, Giovanni Vurchio (1.048 preferenze), Lorenzo Marchio Rossi (721 preferenze), Giovanni Addario (455 preferenze), Gianluca Sanguedolce (388 preferenze), Michele Di Lorenzo (318 preferenze), Viviana Di Leo (274 preferenze) e Luigia Fortunato (222 preferenze); per Andria Bene in Comune, Daniela Di Bari (978 preferenze), Cosimo Damiano Farina (661 preferenze), Raffaele Losappio (657 preferenze), Pasquale Colasuonno (556 preferenze) ed Emanuele Sgarra (480 preferenze); per Andria Lab, Marianna Sinisi (498 preferenze), Francesco Bruno (434 preferenze), Salvatore Cannone (406 preferenze), Giovanni Vilella (301 preferenze) e Tommaso Matera (246 preferenze) e per Futura Rete Civica Popolare, Cesareo Troia (503 preferenze), Mirko Malcangi (496 preferenze) e Michele Bartoli (324 preferenze).

Tra i banchi dell’opposizione, invece, troveremmo i tre candidati sindaci, Antonio Scamarcio, Nino Marmo e Michele Coratella, e per la Lega, Gianluca Grumo (593 preferenze); per Forza Italia, Donatella Fracchiolla (289 preferenze); per la lista Scamarcio Sindaco, Nicola Civita (736 preferenze); per Fratelli d’Italia, Andrea Barchetta (424 preferenze); per Movimento Pugliese, Luigi Del Giudice (740 preferenze); per Andria Nuova, Marcello Fisfola (364 preferenze); per il M5S Doriana Faraone (889 preferenze), Vincenzo Coratella (884 preferenze) e Nunzia Sgarra (371 preferenze).

Se, invece, al ballottaggio dovesse affermarsi il candidato Michele Coratella, la maggioranza sarebbe composta dal M5S, Doriana Faraone (889 preferenze), Vincenzo Coratella (884 preferenze), Nunzia Sgarra (371 preferenze), Vincenza Lasciarrea (369 preferenze), Pietro Di Pilato (322 preferenze), Francesca Di Bari (388 preferenze), Alessandro Di Bari (235 preferenze), Michele D'Amore (197 preferenze), Francesco Cifaratti (153 preferenze), Domenico Nocella (152 preferenze), Francesco Inchingolo (122 preferenze), Tiziana Lopetuso (121 preferenze), Maria Falcetta (116 preferenze), Vitantonio Fasciano (111 preferenze), Riccardo Suriano (110 preferenze), Sabino Albano (109 preferenze), Riccardo Quacquarelli (99 preferenze) e Riccardo Ruggiero (98 preferenze); per MC2, Franco Di Pietro (143 preferenze) e Marianna D'Ettole (95 preferenze).

All’opposizione starebbero i tre candidati sindaci, Giovanna Bruno, Antonio Scamarcio e Nino Marmo, e per la Lega, Gianluca Grumo (593 preferenze); per la lista Scamarcio Sindaco, Nicola Civita (736 preferenze); per Fratelli d’Italia, Andrea Barchetta (424 preferenze); per Movimento Pugliese, Luigi Del Giudice (740 preferenze); per il PD, Giovanni Vurchio (1.048 preferenze), Lorenzo Marchio Rossi (721 preferenze); per Andria Bene in Comune, Daniela Di Bari (978 preferenze); per Andria Lab, Marianna Sinisi (498 preferenze) e per Futura Rete Civica Popolare, Cesareo Troia (503 preferenze).

Da entrambe le ipotesi si evince che, a prescindere dal risultato, molti "big" sarebbero fuori dalla massima assise cittadina a vantaggio di tanti nuovi volti che, si spera, possano portare una ventata di freschezza necessaria per risollevare le sorti della nostra comunità.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Salvatore zagaria ha scritto il 25 settembre 2020 alle 14:32 :

    Io sono sicuro che i cinque stelle possono farcela , nello stesso tempo auguro a chiunque venga unbuon lavoro che ad Andria c'è ne tanto e che sia la vera svolta auguri Rispondi a Salvatore zagaria

  • Indignato ha scritto il 24 settembre 2020 alle 14:50 :

    E comunque è già un successo. Volti nuovi e la fine dei favori a volte anche fuorilegge Rispondi a Indignato

  • Vincenzo ha scritto il 23 settembre 2020 alle 20:35 :

    Francamente la possibilità che i 5 stelle vincano il ballottaggio è praticamente inesistente considerando il divario dei voti con il gruppo del PD. Non vedo come possa succedere... Rispondi a Vincenzo

    riccardo.pugliese-2012 ha scritto il 24 settembre 2020 alle 11:03 :

    con un sabotaggio da parte d elettori di centro destra, pur di non dare la vittoria alla Bruno. E' già successo a Torino tra FASSINO e APPENDINO Rispondi a riccardo.pugliese-2012

    Venanzio ha scritto il 24 settembre 2020 alle 11:46 :

    Parliamo ancora di sabotaggi? Si è visto chiaramente che chi vuole sabotare viene sabotato. Andria ha bisogno di costruire o meglio di ricostruire dopo anni di sabotaggi e distruzioni. Da Coratella o da Bruno non ho mai sentito discorsi distruttivi. E gli andriesi se ne sono accorti! Quindi comunque vada il ballottaggio avremo una guida costruttiva. Rispondi a Venanzio

  • Alvaro Floris ha scritto il 23 settembre 2020 alle 18:37 :

    Speriamo bene Rispondi a Alvaro Floris