La nota

Coronavirus, la Sindaca: «Sugli assembramenti stiamo valutando chiusure di alcune piazze e vie»

«Sulla chiusura delle scuole ho interloquito con il Presidente Emiliano rappresentandogli il malcontento del mondo scuola-famiglia e ci siamo aggiornati a brevissimo perchè la questione è in continua evoluzione»

Politica
Andria giovedì 29 ottobre 2020
di la redazione
La Sindaca Giovanna Bruno
La Sindaca Giovanna Bruno © AndriaLive

I dati ufficiali della Prefettura indicano che Andria è passata dai 310 casi positivi di martedì 27 ottobre ai 335 di mercoledì 28 e dunque «Il trend -avverte la Sindaca, avv. Giovanna Bruno - è purtroppo costantemente in aumento. La stessa ordinanza regionale di chiusura di alcune scuole, che ha spiazzato un po' tutti, è l'evidente segnale di una situazione che peggiora e a cui bisogna tentare di porre un freno. Proprio su questo tema ho interloquito stamane con il Presidente Emiliano rappresentandogli il malcontento del mondo scuola-famiglia, e ci siamo aggiornati a brevissimo perchè la questione è in continua evoluzione».

«In città registro maggiore rispetto delle regole - prosegue la Sindaca - ma permane il problema degli assembramenti giovanili di alcune zone in particolare di Fravina, Officina San Domenico, piazza Cattedrale, Monumento ai Caduti, zona interna della Villa Comunale. Per questo valuteremo la chiusura di questi luoghi più critici nelle prossime ore.

Nel frattempo abbiamo ricostituito il Comitato Operativo Comunale (COC) ed emesso l'ordinanza per stabilire la chiusura dei distributori h24 dalle 18.00 alle 05.00.A mia volta sto intervenendo in prima persona per verificare - insieme ai volontari delle associazioni di Protezione Civile e alle Forze di Polizia - il rispetto delle prescrizioni anti Covid, soprattutto nelle aree del centro storico ma, purtroppo, registro che, dopo ogni nostro intervento, i giovani si disperdono, ma poi ritornano negli stessi luoghi o si spostano altrove.

Segnalo in questa direzione come particolarmente positiva la disponibilità, manifestatami, di altre associazioni cittadine a partecipare alle attività di sensibilizzazione della popolazione, specie giovanile, al rispetto delle prescrizioni Covid».

Intanto prosegue l'attività degli operatori della Croce Rossa al cui numero verde stanno arrivando richieste per il ritiro dei farmaci, sia da farmacie private che da quella territoriale, e della spesa alimentare.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Francesca liso ha scritto il 04 novembre 2020 alle 14:26 :

    Giovanna ho pi u volte chiamato polizia municipale x denunciare in via barattieri si riuniscono tanti ragazzi tutti senza nessuna mascherina.... Ma i dipendenti mi rispondo o sempre che il momento è particolare non hanno né mezzi né personale x far fronte a questa situazione. Rispondi a Francesca liso

  • Giovanni Alicino ha scritto il 30 ottobre 2020 alle 19:46 :

    Che non venga chiusa la villa. Molti la usano x fare jogging o camminata svelta. X gli assembramenti senza il distanziamento, e sufficiente che passino spesso i vigili e nel caso elevare le multe. Rispondi a Giovanni Alicino

  • Adriana Verde ha scritto il 30 ottobre 2020 alle 14:36 :

    Aprite le scuole (anche facendo i turni), in modo tale che i genitori non debbano decidere se lavorare (tra l'altro fino alle 18) o stare a casa con i propri figli. Rispondi a Adriana Verde

    Valerio ha scritto il 31 ottobre 2020 alle 20:13 :

    Che pensiero nobile! Scuola=Parcheggio. Capisco, lei appartiene alla categoria delle mamme che con insistenza vogliono le aperture delle scuole, senza forse pensare che abbiamo in atto un emergenza sanitaria molto grave. Le faccio i miei auguri, complimenti. Rispondi a Valerio

    Angelo ha scritto il 30 ottobre 2020 alle 20:24 :

    Hai ormai la convinzione che la scuola è la soluzione dove parcheggiare i figli? Rispondi a Angelo

  • Delc ha scritto il 29 ottobre 2020 alle 19:37 :

    Prendiamo ancora tempo... Con 350 positivi bisogna iniziare a tirare le mani. Rispondi a Delc