Le dichiarazioni

Esame ECG direttamente in struttura per gli ospiti della CRAP di Corato

La prevenzione attraverso lo screening è fondamentale per una migliore qualità della vita. «Il connubio mente-corpo una nostra priorità»

Andria lunedì 29 giugno 2020
di La Redazione
Esame ECG direttamente in struttura per gli ospiti della CRAP di Corato
Esame ECG direttamente in struttura per gli ospiti della CRAP di Corato © n.c.

Esame ECG direttamente in struttura per gli ospiti della Comunità Riabilitativa Assistenziale Psichiatrica di Corato grazie alla disponibilità e professionalità dei medici dell'U.O. di Cardiologia dell’Ospedale di Corato e dell'ass. Salute e Sicurezza:

«È sempre importante e costruttivo collaborare con il territorio e noi della CRAP (Comunità Riabilitativa Assistenziale Psichiatrica) di Corato della Fondazione EPASSS (Ente Provinciale ACLI Servizi Sociali e Sanitari) anche quest’anno lo abbiamo fatto collaborando con i professionisti dell’Associazione “Salute e Sicurezza”. È questa una grande risorsa per Corato che può essere estesa anche ad altre città e realtà, soprattutto quando il focus è la salute e il benessere dei cittadini. L’Associazione “Salute e Sicurezza” che collabora con l’U.O. di Cardiologia dell’Ospedale di Corato ha come obiettivi quello di migliorare la prevenzione per garantire una maggiore qualità della vita dei malati e dei familiari; sensibilizzare e stimolare tutte le fasce d’età all’importanza delle cure; migliorare il livello qualitativo e quantitativo di assistenza al di fuori e all’interno delle strutture» Commenta la dott.ssa Marilù Liso.

L’Associazione ha offerto agli ospiti della CRAP di Corato l’opportunità di sottoporsi ad ECG (elettrocardiogramma) direttamente in struttura, offrendo loro la possibilità di restare nel loro ambiente, riducendo così al massimo ogni possibile fonte di stress.

La Responsabile Sanitaria della struttura, dott.ssa Marilù Liso, sottolinea l’importanza di questo fattore che può ovviamente incidere sull’esame in sé; molti pazienti soffrono proprio di “cardiofobia”, la paura di avere una malattia cardiologica importante. Loro che sono anche capaci di convivere con la patologia psichiatrica, temono spesso in modo smisurato le altre patologie. La dott.ssa Liso e l’equipe tutta hanno evidenziato come gli ospiti della struttura vivano in modo più sereno e controllato il giorno della visita, proprio perché effettuata nella “loro casa”.

Tutto ciò è stato possibile grazie ai medici della U.O. del reparto di Cardiologia dell’Ospedale Civile “Umberto I “ di Corato, che hanno messo disposizione professionalità e strumenti e grazie alla sinergia creata con Matteo Mazzilli, infermiere c/o il Pronto Soccorso di Corato, che per tanti anni ha lavorato con noi in riabilitazione psichiatrica.

La prevenzione attraverso lo screening è fondamentale per una migliore qualità della vita. «Il connubio mente corpo una nostra priorità - come afferma il dott. Saverio Costantino, psicologo della struttura - i nostri pazienti devono aver cura della propria salute psicofisica, la cura del sé è un contenuto che la malattia ha distrutto, annullando ogni ancoraggio al vivere bene. Per loro la qualità della vita è motivazione, tutto il resto viene da sé».

Gli ospiti hanno potuto comprendere l’importanza della salvaguardia della salute e di un esame importante, quale l’ECG. La dott.ssa Marilù Liso, il dott. Saverio Costantino, il coordinatore Piero Zucaro e tutta l’equipe della Fondazione E.P.A.S.S.S. ringraziano tutti i professionisti e i soci per il costante lavoro di rete che ci unisce nel territorio e che mette al centro un tema per noi tutti importante, la prevenzione e la promozione della salute.

Lascia il tuo commento
commenti