La nota

Amministrative, "Andria Bene Comune": «​​Non siamo interessati a imporre candidature»

Caldarone: «​​Siamo disponibili a convergere verso chi dà garanzie di contenuti, capacità e lealtà, anche assumendo le nostre responsabilità»

Andria martedì 30 giugno 2020
di la redazione
Conferenza stampa
Conferenza stampa "Andria Bene Comune" © AndriaLive

«Manca poco alle elezioni comunali. Sarà uno spartiacque decisivo per la comunità. Fin’ora, oltre a singole iniziative vedi buona volontà, abbiamo assistito alla paralisi della politica tradizionale, tra cambi di casacca, litigi, e la faccia tosa di chi ripropone la ricetta che ha fatto fallire Andria. Queste ricette sono gusci vuoti, sena progetto e senza legittimazione nella gente. La pandemia ha aumentato i pericoli e la paura di futuro. Bisogna agire.

A noi non interessa imporre candidature: siamo disponibili a convergere verso chi dà garanzie di contenuti, capacità e lealtà, anche assumendo le nostre responsabilità. Conta la squadra, il progetto, la trasparenza: nessuno fa miracoli dal solo. Ribadiamo 10 obbiettivi e programmi da discutere e condividere:

  • sicurezza, legalità, civiltà per le persone, le imprese, l'ambiente;
  • lavoro e dignità del lavoro investimenti, sostegno alle imprese , innovazione e trasferimento tecnologico: no alla emigrazione dei giovani;
  • investimenti, infrastrutture, riuso del territorio e del tessuto urbano;
  • qualità e sostenibilità : smart city, mobilità, ambiente, energia risorse per la città;
  • Andria capoluogo: nel territorio e verso le altre istituzioni al centro delle reti e decisioni di investimento
  • comunità solidale e lotta alle povertà vecchie e nuove;
  • cultura, formazione, beni pubblici e senso civico;
  • innovazione e attrazione investimenti- risorse europee e risorse private;
  • risanamento finanziario, morale e funzionale del comune;
  • la comunità protagonista: partecipazione, rete civica attiva – gestione dei progetti dal basso.

Le diverse iniziative avviate devono saldarsi in un progetto comune, riconoscersi reciprocamente, anche mantenendo le proprie diversità. Una coalizione civica che non esclude nessuno, ma include a partire dai contenuti, dalla qualità delle persone e dalla lealtà verso Andria.

Proponiamo a quelle realtà che hanno preso iniziative civiche di incontraci senza pregiudizi, per definire insieme regole, proposte e contenuti per un progetto di comunità. Auspichiamo che si siano anche formazioni partitiche in grado di comprendere le priorità nuove della città ben vengano. Per chiunque intenda replicare gli schemi già visti no: abbiamo già dato».

Lascia il tuo commento
commenti