Appena uscito nelle sale "Il ladro di giorni"

Passione Fidelis, Riccardo Scamarcio nel nuovo film al figlio: «Tu devi tifare Andria»

Una maniera eloquente e plateale di dimostrare l'attaccamento ad Andria da parte di un concittadino che in più occasioni ha palesato il forte legame con le sue origini e con la Fidelis Andria

Spettacolo
Andria sabato 08 febbraio 2020
di Lucia M. M. Olivieri
Riccardo Scamarcio
Riccardo Scamarcio © n.c.

Una chicca che conferma il forte attaccamento di Riccardo Scamarcio alla città di Andria e alla squadra di calcio: è uscito ieri nelle sale "Il ladro di giorni", il film tratto dall'omonimo romanzo di Guido Lombardi, durante il quale l'attore dice al figlio (nella pellicola): «Tu devi tifare Andria» e intona un coro in favore del team biancoazzurro.

La pellicola racconta la storia di Salvo (interpretato dal piccolo Augusto Zazzaro), un ragazzo di undici anni che vive in Trentino con gli zii. Salvo non vede suo padre Vincenzo (Riccardo Scamarcio) da 7 anni, dal giorno in cui fu portato via dai carabinieri dalla loro casa in Puglia.
Dopo aver scontato la sua pena, Vincenzo decide di andare a trovare Salvo in Trentino e decide di fare un viaggio con lui verso il sud.
Il viaggio on the road di Salvo e Vincenzo sarà pieno di deviazioni e fuori programma, di ricordi d'infanzia e di nuovi incontri, tra cui i riferimenti alla nostra città, che non compare nel romanzo originale ma che Riccardo Scamarcio ha voluto far inserire nella sceneggiatura.

Una maniera eloquente e plateale di dimostrare l'attaccamento ad Andria da parte di un concittadino che in più occasioni ha palesato il forte legame con le sue origini e con la Fidelis Andria. Nel video la clip tratta dal film.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Luigi ha scritto il 09 febbraio 2020 alle 16:44 :

    Sempre Andria nel sangue. Orgoglioso d ies andrsoin. Rispondi a Luigi

  • Giuseppe Sgaramella ha scritto il 08 febbraio 2020 alle 20:32 :

    Grande Riccardo...... Simbolo ed onore della nostra città... Rispondi a Giuseppe Sgaramella