Microprestito della Regione Puglia

Un finanziamento per la realizzazione di nuovi investimenti o per spese di gestione

Nicola Pugliese Guida alla Finanza Agevolata
Andria - venerdì 30 marzo 2018
micro prestito
micro prestito © n.c.

La Misura MicroPrestito d'Impresa della Regione Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese pugliesi un finanziamento per la realizzazione di nuovi investimenti o per spese di gestione. L'obiettivo della Misura è quello di finanziare imprese "non bancabili" che non hanno cioè i requisiti patrimoniali e finanziari per ottenere un finanziamento dal sistema bancario.

La presente misura, in sintesi, prevede un finanziamento dai 5mila euro ai 25mila, erogato direttamente dalla Regione ad un tasso d’interesse di circa 0,1%. Il finanziamento prevede un periodo di preammortamento di 6 mesi, ed una restituzione in max 60 rate (5 anni).

Le risorse dovranno essere utilizzate entro il termine di 12 mesi, nella seguente modalità :

  • INVESTIMENTO (anche beni usati) pari ad almeno il 30% del finanziamento:
    • Attrezzature e macchinari
    • Arredi Attrezzature informatiche
    • Software e Licenze
    • Opere Murarie
    • Automezzi (non destinati al trasporto di persone)
  • SPESE DI GESTIONE (max il 70% del finanziamento) :
    • Merci e Materie Prime
    • Utenze
    • Polizze Assicurative
    • Fitti di beni immobili

Per richiedere un finanziamento, un'impresa al momento della presentazione della domanda deve avere le seguenti caratteristiche :

  • Essere Attiva in uno dei seguenti settori : Artigiana, Industria, Commercio, Servizi, Professionisti;
  • Aver emesso la prima fattura almeno 6 mesi prima della domanda preliminare di finanziamento (le imprese del settore del commercio devono aver emesso la prima fattura almeno 24 mesi prima della domanda e aver avuto un fatturato di almeno 60.000 nell'ultimo anno);
  • Avere meno di 10 addetti ;
  • Avere una delle seguenti forme giuridiche: ditta individuale, società cooperativa con meno di 10 soci, S.n.c., S.a.s., associazione tra professionisti, S.r.l.;
  • Non avere avuto liquidità per più di 50mila euro;
  • Non essere stata proprietaria di immobili e macchinari per un valore superiore a 200mila euro;
  • Non avere un fatturato superiore a 240mila euro;
  • Non aver beneficiato di finanziamenti per un importo superiore a 30mila euro nell’ultimo anno.
Altri articoli
Gli articoli più letti