Alla larga dalle carte revolving!

Nella maggior parte dei consumatori, vi è la consapevolezza che la carta revolving sia un normale finanziamento, con la errata convinzione che le rate pagate mensilmente vadano ad estinguere il debito, ma così non è

Berardino Marilena Il consumatore tutelato ed informato
Andria - venerdì 14 settembre 2018
carta revolving
carta revolving © n.c.

La carta revolving è una particolare forma di finanziamento, il cui funzionamento è quasi mai compreso dal consumatore.

Infatti la carta revolving permette di pagare, prelevare e ottenere prestiti.

Nei casi segnalati alla nostra associazione i consumatori si chiedono cosa abbiano “fatto” nel momento in cui ricevono a casa una carta di credito senza, a volte, averla neanche richiesta: ebbene! Usandola si attiva il finanziamento!

Nella maggior parte dei consumatori, vi è la consapevolezza che la carta revolving sia un normale finanziamento, con la errata convinzione che le rate pagate mensilmente vadano ad estinguere il debito, ma così non è.

Infatti, ogni rata pagata contiene una parte di capitale e una di interessi, con la conseguenza che l’estinzione di un debito revolving può avvenire solo attraverso l’estinzione anticipata in unica soluzione dell’intera somma a saldo, che normalmente, avviene accendendo un nuovo finanziamento “tradizionale”.

Non solo, questo tipo di finanziamento è particolarmente costoso, infatti, il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 21 dicembre 2015 ha fissato la soglia dei tassi usurai dei crediti revolving fino a 5.000,00 € al 24,44%.

Gli istituti di credito e le finanziarie asseriscono che i tassi così alti possono trovare giustificazione nell’assenza di garanzie, solitamente non richieste, in questo tipo di finanziamenti. Proprio l’assenza di garanzie deresponsabilizza il consumatore e, l’attivazione del finanziamento, attraverso il semplice utilizzo della carta, induce gli stessi consumatori, soprattutto quelli in maggiori difficoltà ad accedere al credito, con il rischio di alimentare spirali di indebitamento senza uscita.

Raccomandiamo, dunque, particolare cautela nell’uso di queste carte.


Altri articoli
Gli articoli più letti