Rottamazione ter 2019 delle cartelle Equitalia, adesioni fino al 31.07

Una proroga dei termini di scadenza di presentazione della domanda che dovrà essere presentata attraverso il modello saldo e stralcio

Fedele Santomauro Economia, lavoro & fisco
Andria - venerdì 19 luglio 2019
Equitalia
Equitalia © n.c.

Il 31.07.2019 scade la prima rata della rottamazione-ter presentata entro il 30.04.2019, per la quale sta giungendo dall’Agenzia delle Entrate-Riscossione (AdER) (o è già giunta) ai contribuenti le prime lettere contenenti le informazioni sugli importi da pagare, eventualmente ricalcolati, assieme ai bollettini RAV con le varie scadenze, la prima delle quali appunto (se è stato scelto un pagamento rateale) scade il prossimo 31.07, mentre le successive il 30.11, il 28.02, il 31.05 e il 31.07 fino al 2023,

La rottamazione ter 2019, relative alle cartelle Equitalia, ha visto una proroga dei termini di scadenza di presentazione della domanda, annunciata dal Sottosegretario all’Economia Massimo Bitonci.

La richiesta, attraverso il modello saldo e stralcio (SA–ST), dovrà essere presentata entro la data del 31 luglio 2019.

Inoltre nell’ambito della rottamazione ter, la presentazione dell’istanza di definizione agevolata comporta la sospensione anche delle procedure di pignoramento presso terzi in corso

È possibile pagare in un’unica soluzione entro il 30.11.2019 Sarà possibile pagare in 18 rate distribuite in 5 anni. la prima delle quali pari al 20% delle somme complessivamente dovute e le restanti di pari importo con scadenze: 28.02; 31.05; 31.07; 30.11.

L’agente di riscossione provvederà a comunicare le somme dovute, nonché l’ammontare delle singole rate e la scadenza delle stesse entro il prossimo 31.10.2019.
Al fine di evitare minori incassi, non decadrà dalla definizione agevolata chi pagherà in ritardo entro un massimo di cinque giorni dalla data di scadenza della rata.

L’Agenzia delle entrate ha presentato già da diverso tempo, sul proprio portale, il modello per presentare la domanda di adesione al provvedimento contenuto nella Legge di Bilancio 2019. Le persone che si trovano in difficoltà economica potranno così aderire alla rottamazione e pagare i debiti (fiscali o contributivi che siano) in forma ridotta. Per poter accedere al beneficio, l’Isee del nucleo familiare non dovrà superare i 20mila euro. Potranno accedere anche coloro i quali abbiano già avviato una proceduto di liquidazione, così come contenuto nella legge sul sovraindebitamento.

Altri articoli
Gli articoli più letti