Linguaggio del corpo o linguaggio delle emozioni?

Linguaggio del corpo o linguaggio delle emozioni?

Le cose non dette ammalano in nostro corpo

Rosa Tortora Benessere InEquilibrio
Andria - venerdì 01 novembre 2019
Linguaggio del corpo o linguaggio delle emozioni?
Linguaggio del corpo o linguaggio delle emozioni? © n.c.

In quanto individui sociali, diamo molta importanza ai pensieri e alla nostra parte razionale. Spesso releghiamo in secondo piano le emozioni e il corpo. Si sente sempre più parlare di concetti come l’intelligenza emotiva, ma la maggior parte delle persone non presta attenzione al proprio corpo e ai segnali che invia nella vita di tutti i giorni.

E se il corpo fosse un faro che illumina la nostra strada verso le emozioni? Scoprire l’importanza del corpo nella costruzione delle emozioni è importante per poter aumentare la consapevolezza corporea e ridurre le tensioni che dipendono da fattori emotivi.

Il corpo e le emozioni sono due dimensioni che vanno di pari passo, quando una parla, l’altra reagisce.

Numerose ricerche avvalorano la costante relazione tra le emozioni negative e il dolore fisico. Di fatto, è stato dimostrato che si attivano aree del cervello simili quando proviamo un dolore fisico e un dolore emotivo. Se imparate a gestire le vostre emozioni in maniera sana, potrete ascoltare e capire il messaggio che il vostro corpo vi sta inviando. Identificate le emozioni associate ai sintomi fisici e imparate a gestirle perché non diventino dolori fisici insopportabili. Il vostro corpo vi aiuta a conoscervi meglio se imparate ad interpretarne i messaggi emotivi nascosti e gli date ciò di cui ha bisogno (risposo, attenzione, esercizio, ecc.).

Basta solo spostare lo sguardo sul corpo per renderlo una parte importante della vita. Se vi prendete cura del vostro corpo, curerete anche le vostre emozioni. In questo modo, non solo migliorerete la vostra intelligenza emotiva, ma anche la consapevolezza corporea.

Spesso abbiamo dei dolori al corpo che non sappiamo da dove possano provenire, la scusa più comune è l’aver preso un colpo d’aria, ma in realtà si trattano di veri e propri blocchi emotivi e il dolore è la risposta fisica a questa condizione perché coinvolgono il sistema nervoso autonomo e forniscono una risposta vegetativa a situazioni di disagio psichico o di stress.

L’ansia, la sofferenza, le emozioni troppo dolorose per poter essere sentite e vissute, trovano una via di scarico immediata nel corpo e imparando e riconoscendo questi malesseri psico-fisici è possibile cercare di risolverli e riprendere la strada corretta delle nostre emozioni.

A seconda del punto del corpo che duole, esiste una risposta emotiva curabile individuando la situazione o i sentimenti che ci bloccano a livello emotivo.

Il dolore al collo rappresenta ciò che non osiamo dire, il dolore alle caviglie la voglia di avanzare o la resistenza che mostriamo quando dobbiamo accettare una realtà. I problemi gastrici parlano della convivenza e dell’abilità nel “digerire” le situazioni.

Un’altra parte del corpo che riceve molte delle nostre emozioni è la schiena. Secondo gli esperti, i disturbi della parte bassa della schiena, di solito, riflettono preoccupazioni economiche o una sensazione di mancanza di supporto. I fastidi alla parte superiore della schiena indicano che siamo carichi di oneri che non ci spettano.

I dolori alle cosce sono relativi a ciò che gli altri si aspettano da noi. Le ginocchia, invece, sono associate all’orgoglio. Se è la fronte ad essere dolorante, vuol dire che c’è qualcosa che non va nel modo in cui affrontiamo il mondo. I problemi al cuore sono legati a problematiche emotive basilari, relative agli affetti primari.

Sostanzialmente è dimostrato che se la nostra mente sta bene anche il nostro corpo sta bene, cercare di trovare pace, armonia ed equilibrio può essere la strada giusta per guarire dai dolori psico somatici.

Lasciarsi andare alle emozioni è un modo sano per prevenire e curare il nostro corpo, se pensiamo una cosa diciamola, facciamola non somatizziamola per una paura di rifiuto o abbandono, per paura delle critiche o dei giudizi, tutte queste emozioni represse causano stress e squilibri emotivi che ammalano il nostro corpo. Se siamo arrabbiati con qualcuno diciamolo, se amiamo qualcuno facciamolo sapere, se vogliamo stare soli o se invece vogliamo qualcuno accanto facciamoglielo capire.

Lascia il tuo commento
commenti
Altri articoli
Gli articoli più letti