SmArt City

Una nuova città a colori in attesa di attivarsi

Mirella Caldarone Punto di vista
Andria - venerdì 25 settembre 2020
SmArt City
SmArt City © Mirella Caldarone

Il sentore è quello della festa del Santo. Se chiudo gli occhi sento di sapore di pasta al forno e di trenocelle.

La festa patronale, in realtà, non ha visto i Santi sfilare per le strade né le giostre risuonare delle grida di gioia dei più giovani. Si è potuto visitare i Santi in Cattedrale, luogo in cui sono state officiate le Sante Messe puntualmente seguite dal suono delle campane dispensato dal maestoso campanile a cuspide ottagonale.

È trascorsa una settimana dalla festa patronale in sordina. Cammino per le strade di questa nostra città, ancora poco frequentata nelle prime ore mattutine, e le mie gambe approdano nel grande vuoto che ospita il Luna Park una volta all’anno.

La pandemia ha allargato i confini, ha dilatato i tempi. Scorgo con stupore un traliccio: ecco, penso con sgomento, si continua a costruire occupando vuoti urbani. I Santi accorrono per tranquillizzarmi ed è miracolo. Si tratta del Booster, un grande braccio meccanico che farà girare la testa a chi salirà nelle due cabine poste alle sue estremità.

Le giostre! Attrazioni itineranti di moderni tornei delle emozioni forti. Una fiera di colori. Il sole sorto da poco ne illumina il volto. Osservano la direzione sacra legata al sole, che nasce ad oriente (La luce di Cristo) e tramonta a occidente (Le tenebre ed il Male).

È un tripudio di colori nel gran silenzio del prima della festa. Mi addentro schivando le pozzanghere e le macchine del divertimento tacciono, sono coperte, ferme, sole. Mi accorgo che non conosciamo i Luna Park di mattina, privi di suoni e movimenti. I colori sono vividi ed il cielo è blu. La città coesiste, di mattina, non è cancellata dal buio. Attraversare in privato questo palcoscenico è privilegio raro, inconsueto.

È bella una città allestita. Una città nella città. Una nuova città a colori in attesa di attivarsi.

Mi piace pensare che questo paesaggio si attiverà insieme alla smArt city che mi auguro e che Wikipedia definisce così: La città intelligente (smart city), in urbanistica e architettura, è un insieme di strategie di pianificazione urbanistica tese all'ottimizzazione e all'innovazione dei servizi pubblici così da mettere in relazione le infrastrutture materiali delle città con il capitale umano, intellettuale e sociale di chi le abita.

"Sognare è possibile. Crederci è doveroso. Adesso!"

Lascia il tuo commento
commenti
Altri articoli
Gli articoli più letti