L'armadio inquinato

La moda veloce si traduce in abbigliamento a prezzi ridotti e dalla scarsa qualità, realizzati con agenti inquinanti, da lavoratori, in molti casi, sfruttati

Matteo Lai One world – spazio ambiente
Andria - venerdì 26 marzo 2021
L'armadio inquinato
L'armadio inquinato © n.c.

Il mondo della moda è una delle industrie più inquinanti al mondo, il modo in cui compriamo, la scelta dei capi e soprattutto la loro fine quando non si usano più, hanno un impatto devastante sul pianeta: questo è un tema fondamentale per il nostro futuro.

I motivi principali sono da ritrovarsi nell’enorme quantità di indumenti prodotti e nella velocità eccezionale con la quale vengono distribuiti e utilizzati: negli ultimi cinquant’anni l’acquisto di vestiti è triplicato.

Tutto questo a causa del modello economico della “moda veloce“ che si traduce in abbigliamento realizzato a prezzi ridotti e di scarsa qualità, con l'impiego di strumenti e agenti inquinanti, il tutto realizzato da lavoratori, in molti casi, sfruttati. Capi che finiscono in discarica velocemente e senza essere riciclati: un effetto enorme sull’inquinamento.

La filiera dell’industria dell’abbigliamento è lunga e complessa. Ogni passaggio dalla fibra, al filo, alla produzione tessile, alla colorazione, alla cucitura del tessuto fino allo stoccaggio in magazzino può avvenire in un paese diverso dall’altro e il percorso è disseminato di sprechi e scarti: acqua, prodotti chimici, anidride carbonica, plastica e combustibili fossili.

I danni ecologici collegati all’industria della moda sono molteplici.

Si va dall’impatto sui cambiamenti climatici su qui incide per il 10% delle emissioni totali di anidride carbonica, allo sfruttamento ed inquinamento delle risorse idriche con l’utilizzo del 20% globale di acqua e lo smaltimento di tutte le sostanze tossiche con cui vengono trattati i capi di abbigliamento. Dall’inquinamento da pesticidi e insetticidi legati alla coltivazione del cotone, un quarto di quelli prodotti in tutto il mondo, allo sfruttamento del suolo e alla perdita di biodiversità. Dalla diminuzione delle risorse naturali da cui dipende completamente, ai ritmi di produzione che compromettono il benessere di lavoratori, comunità, animali e ambiente.

Il maggior impatto ambientale, consumo di energia ed emissioni, avviene durante il processo di estrazione delle fibre sintetiche, composte principalmente da prodotti petrolchimici: oltre il 60% della produzione tessile globale è costituita da fibre sintetiche. Materiali sintetici come il poliestere, il rayon, il nylon e l’acrilico sono essenzialmente tipi di plastica, derivati del petrolio, virtualmente impossibili da smaltire e per questo spesso inceneriti: l’85% dei vestiti finisce in discarica e solo l’11% viene riciclato o rigenerato. Il 35% delle microplastiche primarie presente negli oceani è ricollegabile all’industria della moda, la maggior parte proviene dai lavaggi dei capi di vestiario in materiale sintetico come acrilico e poliestere.

È questo un quadro chiaro e drammatico dell’impatto ambientale della moda, la seconda più inquinante al mondo.

È necessario un lavoro di informazione, che raggiunga il maggior numero di persone. Un segnale positivo è l’aumento di consapevolezza sempre più visibile, la nascita di realtà che si impegnano nel creare prodotti ecosostenibili: l’industria della moda sta giocando un ruolo determinante nella distruzione del pianeta.

La differenza la fanno i piccoli gesti quotidiani di ognuno di noi: iniziamo a comprare meno, facciamo attenzione alle etichette, cerchiamo capi di qualità, buttiamo meno e proviamo a dar nuova vita a capi che consideriamo vecchi: le nostre azioni possono servire da esempio a qualcun altro e così via.

Lascia il tuo commento
commenti