Partiamo? Salite a bordo

Vi porto in giro con me nei posti più belli che ho visitato. Viaggiare è bello, fa bene agli occhi e al cuore e in questo caso è anche gratis

Lorena Fusiello Sagittario ascendente British
Andria - venerdì 30 luglio 2021
Durante una vacanza a Capri
Durante una vacanza a Capri © n.c.

3 giugno 2021: ero con Mariapalma all’hub vaccinale per la seconda dose del vaccino anti-covid. L’infermiera ci chiese se volessimo fare una foto. Io e Mariapalma sorridendo, accettammo. Ci sembrava un po’ da sciocche ma in fondo un selfie in più non ha mai fatto chissà quali danni. Dopotutto era un momento che non mi dispiaceva immortalare. Un passo verso il ritorno alla normalità. 

«Dove andrete in vacanza?» ci chiese sempre gentilmente l’infermiera. Questa domanda ci lasciò ancora più interdette della prima. Pensare di viaggiare come un tempo abbiamo sempre fatto sembrava e sembra ancora qualcosa di impossibile. La pandemia ci ha rinchiuso in casa e ci ha tolto tutto. Quello che è mancato più di tutto a me è stato provare l’emozione di atterrare in un posto nuovo. E se lo dice un sagittario è proprio dura. Fare la valigia e mettersi su di un aereo è, ahimè, ancora il sogno proibito di molti a causa del virus e pensare di poterlo realizzare in un tempo vicino o lontano ma comunque di poterlo fare a differenza di qualche mese fa (quando l’unica uscita probabile era quella sul balcone), mette una certa allegria. 

A quella domanda non ho potuto dare una risposta dati i giorni incerti che stiamo vivendo, ma ciò che posso fare è viaggiare con la mia immaginazione e se vi va oggi, vi porto in giro con me nei posti più belli che ho visitato. Viaggiare è bello, fa bene agli occhi e al cuore e in questo caso è anche gratis. Partiamo?

Come prima tappa, inizierei da Capri. Mi piacerebbe svegliarmi, aprire la finestra e guardare i faraglioni. Mi piacerebbe fare colazione su di una terrazza piena di fiori. Mi piacerebbe poi affacciarmi e vedere il mare talmente celeste che sembra un cielo macchiato da puntini bianchi di barchette a largo. 

Dopo Capri farei un salto sulla rambla a Barcellona. Andrei al vicino mercato della Boqueria e, visto che ci sono, è immancabile un salto alla Sagrada Familia ed è così che mi ritrovo di nuovo teletrasporata sulle scale mobili all’uscita dalla metro e dietro di me c’è lei così maestosa ed imponente. Vorrei riemozionarmi come ho fatto la prima volta che ero lì e cogliere la stessa emozione negli occhi di chi mi accompagnerà. 

È ora di pranzo e le migliori baguette le fanno ovviamente a Parigi, ed eccomi a Montmartre, il quartiere degli artisti. Vorrei tornarci per perdermi nelle viuzze adornate cosi bene tanto da sembrare dei quadretti dipinti a mano. Una salita di Montmartre porta direttamente alla Basilica del Sacre Coeur uno dei punti più alti delle città dal quale si vede Parigi.

Ma scendendo giù mi ritrovo improvvisamente sul rettilineo che mi conosce meglio di qualunque altro posto nel mondo, ha visto gioie e dolori, di fianco c’è il fiume Tejo e siamo a Lisbona. Sto andando a Belem e i miei occhi si riempiono di meraviglia nel vedere la torre in acqua e il Monumento aos Descobridores. Un leggero languorino mi sale e visto che sono a Belem vado a mangiare il miglior pasteis de nata di Lisbona. Il mio viaggio continua ed eccomi in sella ad una bicicletta e sono sui canali di Amsterdam. Un tram mi passa di fianco, lo seguo e arrivo a Zaanse Schanse ai mulini a vento.

Si è fatto tardi e il miglior tramonto o come direbbero i miei amici spagnoli la «mejor puesta  del sol» è solo ad Ibiza. Ed eccomi qui, sugli scogli del Mambo a guardare il sole che sembra un rosone. Con me migliaia di persone sedute vicine senza più aver paura dell’altro che ascoltano la canzone "Adiemus" mentre tutto si colora di arancione. Un deltaplano vola basso e la mia mente vola con lui. Il vento mi accarezza e i colori illuminano i miei occhi e la mia anima.

Se quest'anno non potremo viaggiare per mete lontane, stando l'emergenza sanitaria ancora in atto, a nessuno di noi è vietato viaggiare con l'immaginazione. Con la stessa immaginazione potremmo andare dappertutto. Buone vacanze.

Lascia il tuo commento
commenti
Altri articoli
Gli articoli più letti