La conferenza stampa pre-gara

Fidelis, D’Alterio presenta la trasferta di Altamura: «Gara determinante in ottica play-off»

«Lo spirito e il sacrificio che i nostri ragazzi ci stanno mettendo è quello giusto: bisogna solo continuare su questa strada»

Calcio
Andria sabato 15 maggio 2021
di Riccardo Alicino
Salvatore D'Alterio: tecnico in seconda dei federiciani
Salvatore D'Alterio: tecnico in seconda dei federiciani © Fidelis Andria

La corsa ai play-off della Fidelis Andria passa, inevitabilmente, da Altamura. Un scontro cruciale quello di domani pomeriggio -ore 16, Stadio “Tonino D’Angelo”- per continuare a militare tra le prime cinque del raggruppamento. 

Ma, d’altronde, in casa Andria lo sanno bene. Lo definisce «al 90% determinante» il match della 30^ giornata di campionato mister D’Alterio, intervenuto in conferenza stampa pre-gara. Ancora a lui, infatti, il compito di guidare dalla panchina Manzo&co., in attesa della negativizzazione dal Covid-19 di mister Panarelli, le cui condizioni di salute restano buone. Il tecnico in seconda dei federiciani ne è certo: «Facendo punti ad Altamura, toglieremmo un’avversaria dalla corsa ai play-off. Sarà importantissimo l’approccio iniziale alla gara. Siamo pronti a contenere le loro sfuriate».

I murgiani, infatti, reduci da cinque pareggi e due sconfitte negli ultimi sette turni, vogliono continuare a credere in un piazzamento nella griglia degli spareggi promozione. E quella contro la Fidelis, potrebbe rappresentare l’ultima spiaggia: «Hanno un solo risultato a disposizione. La classifica forse potrebbe dire altro, ma l’Altamura è un avversario ancor più ostico del Nardò. Nella prima parte del campionato, e prima di essere martoriata dal Covid, viaggiava a ritmo promozione. Ha un buon collettivo con ottime individualità come Crispano, Lanzolla, Guadalupi. E gioca bene. Forse le gare ravvicinate hanno rallentato il suo cammino. La pongo allo stesso livello delle prime 3-4 squadre della classifica».

Ottima prestazione sì, ma poco cinismo pure: i biancazzurri, invece, sono reduci dal pareggio di Nardò, in cui hanno avuto sin da subito il controllo del match, ma non sono riusciti a finalizzare le tante occasioni create, pur in superiorità numerica. «Ad inizio settimana abbiamo analizzato la sfida di Nardò, evidenziando gli errori da non dover ripetere. Ma l’abbiamo subito archiviata e ci siamo concentrati sulla sfida di domani. Lo spirito e il sacrificio che i nostri ragazzi ci stanno mettendo è quello giusto: bisogna solo continuare su questa strada».  

Tra i federiciani rientrano Manzo e Carullo dal turno di squalifica. Non convocati Marino, Clemente e Minacori ancora fermi per infortunio.

Lascia il tuo commento
commenti