La conferenza stampa pre-gara

Fidelis, D’Alterio pre-Portici: «Tre punti per ipotecare i play-off»

Ancora fermo per Covid-19 mister Panarelli. Torna a disposizione Clemente e, dopo circa sei mesi, anche Calogero Minacori

Calcio
Andria sabato 22 maggio 2021
di Riccardo Alicino
Salvatore D'Alterio
Salvatore D'Alterio © Vincenzo Fasanella/Fidelis Andria

«Se dovessimo vincere contro il Portici, metteremmo un’ipoteca sui play-off». Parola di mister D’Alterio. Il tecnico in 2^ dei biancazzurri ne è certo, e suona la carica alla vigilia del match contro i campani di domani pomeriggio (“Degli Ulivi”, ore 16). L’Andria, adesso, è artefice del proprio destino: solo quattro incontri al termine della stagione, quello contro gli uomini di Condemi, visti gli incroci tra le contendenti, potrebbe rivelarsi determinante. 

Ma si sa, la storia in fondo la scrive il campo. E questo campionato di sorprese ne ha regalate tante. D’Alterio, infatti, in conferenza stampa pre-gara, tiene comunque alta la guardia: «E’ un torneo molto equilibrato, non bisogna sottovalutare nessuno. Il Portici è sì penultimo in classifica, ma vive anche un ottimo stato di forma. I numeri parlano chiaro, vengono da tre vittorie di seguito. Proprio per questo, ci siamo preparati come sempre al meglio. Che ci sia il Taranto, il Casarano o il Portici per noi non cambia nulla. La mentalità è la stessa».

 

Cosa temere dei campani? In due parole, attacco e spensieratezza: «E’ una squadra che segna molto, pur essendo lì sotto. Non bada solo a difendersi, fa anche gioco offensivo. Secondo me, però, ci sarà da temere di più la loro spensieratezza. Dopo gli ultimi risultati verranno ad Andria con la testa più libera, senza nulla da perdere, a continuare la loro battaglia per la salvezza diretta».

 

Tutti a disposizione tra i federiciani. Ancora fermo per Covid-19 mister Panarelli, per il resto del gruppo tamponi nuovamente negativi. Ci sarà Clemente, fuori per un mese a causa di un noioso infortunio. Ma la novità di giornata è il ritorno di Calogero Minacori, dopo le lesioni del crociato anteriore e del menisco esterno patita ad inizio stagione, che lo ha tenuto fuori dai campi di gioco per circa sei mesi.

 

Lascia il tuo commento
commenti