Il resoconto

La Fidelis riabbraccia Di Bari: «Emozione unica, quando Andria chiama non si può rifiutare»

Ieri pomeriggio la conferenza stampa di presentazione alla presenza dei massimi quadri societari

Calcio
Andria venerdì 03 luglio 2020
di Riccardo Alicino
La Fidelis riabbraccia Di Bari: «Emozione unica, quando Andria chiama non si può rifiutare»
La Fidelis riabbraccia Di Bari: «Emozione unica, quando Andria chiama non si può rifiutare» © n.c.

L’inizio del mese di luglio per la Fidelis Andria ha, di fatto, ha coinciso con l’avvio della sua nuova annata sportiva. È arrivata, infatti, nella giornata di mercoledì, l’ufficialità di Riccardo Di Bari per quanto riguarda il ruolo di Direttore Sportivo.

Un primo tassello per iniziare a completare il quadro tecnico in vista della stagione 2020-2021. Ieri pomeriggio la presentazione ai mezzi stampa, alla presenza dei massimi quadri societari del club federiciano.

Di Bari, 58enne, andriese doc, torna ad operare nella sua città natale dopo l’esperienza con l’Andria Bat nella stagione 2009-2010. È reduce dalla parentesi Foggia, società con la quale ha aspettato il finire del suo legame contrattuale prima di giungere ufficialmente a nozze col sodalizio, ad oggi, capeggiato dal duo Roselli-Catapano: «Ringrazio tutta la società per la fiducia. Torno ad Andria dopo tanti anni, qui dove è iniziata la mia carriera. È un’emozione unica. Quando chiama la Fidelis non ce n’è per nessuno».

Il neo DS dei federiciani lancia, poi, uno sguardo anche agli obiettivi per la prossima stagione, offrendo altresì un identikit del profilo dell’allenatore di cui si è sulle tracce. Questo, con ogni probabilità, verrà ufficializzato durante la prossima settimana: «L’obiettivo primario sarà quello del mantenimento della categoria con una parallela valorizzazione dei giovani del territorio. Ci interessa un allenatore che possa portare sì un buon gioco, ma soprattutto i risultati. Deve sposare a pieno il nostro progetto, conoscere la città e saper lavorare con i giovani».

Riccardo Di Bari e la Fidelis, due strade che finalmente si ritrovano, insomma, dopo l’esperienza con l’allora presidenza Fuzio, ma anche dopo i contatti avvenuti con l’attuale compagine societaria in vista proprio delle ultime due annate: «Il nome di Riccardo Di Bari era sul tavolo già per le scorse stagioni -ammette il pres. Roselli-, quest’anno si è potuta compiere una scelta condivisa a livello societario, affidandogli le chiavi della nostra ripartenza. Finalmente torniamo a parlare di calcio. Invito alla compattezza tutte le componenti, per iniziare nel modo migliore la stagione, dando il via a un nuovo percorso. Non vogliamo rivivere le problematiche della scorsa stagione».

Tra le questioni che, al momento, più di tutte tengono banco all’interno della stanza dei bottoni biancazzurra, v’è la necessità di allargare la base societaria, cercando nuovi investitori che possano contribuire al progetto iniziato nell’estate di due anni fa: «Abbiamo sondato il territorio cercando soprattutto imprenditori andriesi che sposino a pieno il nostro progetto. Ci sono stati contatti ma ancora nulla di concreto. Nel frattempo andiamo avanti. Ci iscriveremo al campionato entro le date prestabilite. Eventuali novità verranno comunicate nei tempi opportuni», ha infine concluso Roselli.

Lascia il tuo commento
commenti