venerdì 21 maggio 2010 Politica
Un gruppo di cittadini barlettani ha contestato l'esito del voto

Adesso è ufficiale: Andria è la sede legale della sesta provincia

A deciderlo il consiglio privinciale con 18 voti favorevoli, 10 contrari e 2 astenuti

Segnala questa notizia ai tuoi amici con una email
A:
Da:
Messaggio:
- © n.c.

Andria è la Sede legale della Provincia di Barletta-Andria-Trani. Lo ha deciso, a maggioranza, il Consiglio provinciale con 18 voti favorevoli, 10 contrari e 2 astenuti.

Questa la votazione che entra nella storia e attribuisce ad Andria la titolarità della Sede legale del nuovo Ente.

La maggioranza ha votato compatta con un’unica eccezione: il barlettano Antonucci, eletto nella Lista Ventola.

Con la maggioranza hanno votato, invece, i due esponenti andriesi delle opposizioni: Pina Marmo, ex candidata presidente della Bat e l’ex assessore della giunta Zaccaro, Leonardo Lonigro.

Si sono, invece, astenuti i due rappresentanti istituzionali: Francesco Ventola, presidente della Provincia ed il tranese Gigi Riserbato, Presidente del Consiglio provinciale.

Con questa terza votazione (che richiedeva una maggioranza semplice di 16 voti) è passato l'emendamento all'articolo 2 dello Statuto che sancisce l'attribuzione della Sede Legale della provincia Bat ad Andria.

Qualche minuto prima del voto finale, il presidente Ventola aveva sostenuto la necessità di non perdere altro tempo e di decidere una volta per tutte, visto che oltre 392mila abitanti stavano aspettando che i politici si assumessero la responsabilità di far nascere questa Provincia.

La votazione finale è stata accolta da urla e improperi da parte di una rappresentanza di cittadini di Barletta che hanno seguito lo svolgimento dei lavori.

Ma con questa votazione è stata scritta la parola fine alla vicenda? Ne dubitiamo. Con tutta probabilità ora si apre solo un’altra partita: quella dei ricorsi alla giustizia amministrativa.

La seduta odierna del Consiglio provinciale doveva varare non solo la Sede Legale ma l'intero Statuto della Bat. E anche in questo caso il 21 maggio 2010 è destinato a rimanere nella storia della neonata Provincia di Barletta, Andria e Trani. Nel Consiglio provinciale odierno, infatti, è stato approvato (con venti voti favorevoli, quattro contrari e sei astenuti) lo Statuto della Bat, la carta costituente che consentirà all’intero ente di poter realmente compiere i primi passi nell’ottica del proprio completo e corretto funzionamento.

Approvati anche l'altro emendamento, quello sulla localizzazione delle strutture provinciali. In una nota diffusa dal Palazzo della Provincia si legge che «il primo emendamento “La Provincia – Territorio”, sostituivo dell’art. 1 dello Statuto, stabilisce che, nello spirito della legge istitutiva della Provincia, questa debba rispecchiare il criterio di policentrismo funzionale, inteso come migliore qualità possibile di servizi resi al cittadino-utente, superando così una visione localistica e proiettandosi in un’ottica di integrazione territoriale sul piano dello sviluppo economico, sociale, dei servizi alla popolazione e dell’ubicazione delle sedi istituzionali. Dunque, in base a tale principio, il polo politico istituzionale è individuato nella città di Barletta, il polo dell’ordine e della sicurezza pubblica nella città di Andria ed il polo giuridico, finanziario, culturale, scientifico e turistico nella città di Trani».

«Tuttavia - si legge ancora nella nota - poiché, nel rispetto del criterio del policentrismo funzionale, tali poli non potranno mai coincidere nella stessa città - cocapolugo ed in relazione alla situazione esistente (che vede la Prefettura ed il Comando della Guardia di Finanza ubicati nella città di Barletta e la sede legale in quella di Andria), la sede legale dell’Ufficio Territoriale del Governo è localizzata presso l’immobile di proprietà privata del Real Monte di Pietà in via Cialdini a Barletta, mentre la sede legale della Provincia è situata presso l’immobile dell’Istituto Tecnico Agrario, sito in Piazza San Pio X ad Andria e di proprietà dell’ente.

Infine, lo stesso emendamento individua nella città di Bisceglie il polo per l’impiego, il lavoro, il commercio, l’industria e l’artigianato, nelle città di Margherita di Savoia, San Ferdinando di Puglia e Trinitapoli il polo agroalimentare, ambientale e turistico-termale e nelle città di Minervino Murge e Spinazzola il polo per la tutela e la valorizzazione delle risorse naturali e territoriali».

Commenta la notizia

Non verranno convalidati i commenti che:

  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
40 Commenti
il 24 maggio 2010 alle 08:24
juveebasta
xspinazzola: ritirarsi dalla provincia perchè?non sono stati riconosciuti 50 anni di sacrificio? Beh caro, la corsa se la potevano fare da soli, così col cavolo diventavano provincia, se non entravamo noi e trani! Rispettare i patti! hanno fatto i conti senza l'oste, a noi le molliche, a loro la pagnotta! mi dispiace non è andata così! se poi i bambini rivogliono la palla indietro e non giocano più, pazienza ci compreremo noi un'altra palla! meditate gente, meditate!
il 23 maggio 2010 alle 16:24
ladro_di_emozioni
ignorantoni che non siete altro, la targa AT esiste già ed è quella di Asti, in Piemonte (per chi non lo sapesse). La targa AB andrebe benissimo considerato che sarebbe la prima della lista delle targhe di tutta italia! Caro sig. Maffei, penso che si è giocato la ricandidatura a sindaco di Barletta.
il 22 maggio 2010 alle 21:44
spinazzola
Adesso conviene ritirarsi dalla provincia, perchè ai Barlettani non sono stati riconosciuti i sacrifici fatti in 50 anni. Spero che Barletta si ritiri, così niente per tutti. A Barletta abbiamo avuto solo la Prefettura. Chi ha l'Asl, sede Legale, Questura......
il 22 maggio 2010 alle 19:41
juveebasta
e nun c'è vonno stà!
il 22 maggio 2010 alle 17:34
Synth
Signori,alcune teorie,peraltro affascinanti quanto verosimili,danno per imminente contatti massivi con civiltà aliene che presumibilmente hanno già visitato il nostro pianeta millenni fa...Ora,discussioni di questo tipo e livello assomigliano tanto a bisticci fra formiche in un formicaio di un deserto dimenticato,credo possa bastare! E' giusto l'equilibrio,perchè in esso si vede il reale riconoscimento reciproco della dignità...
il 22 maggio 2010 alle 16:45
ok75
Grazie a tutti i nostri politici di Centro Destra...quelli di sinistra hanno solo fatto danni... Adesso dobbiamo cambiare questa sigla "ASSURDA". Attiviamoci in massa in AB sempre se va bene ai vicini barlettani..altrimenti andiamo per AT
il 22 maggio 2010 alle 16:44
mare71
E' VIVA ANDRIA E' W LA BAT BRAVO VENTOLA, GIORGINO,CAMPANA,TROIA,ZINNI E TUTTI GLI ALTRI. ORA ANDIAMO AVANTI CON IL CAMBIO SIGLA DA BT A AT, IL RIPRISTINO USCITA CASELLO SOLO ANDRIA E UFFICI PROV.LI DI RILIEVO AD ANDRIA.
il 22 maggio 2010 alle 15:55
michele1
FINALMENTE:A DIO QUELLO CHE E' DI DIO A CESARE QUELLO CHE E' DI CESARE.
il 22 maggio 2010 alle 15:43
antoniopsic
Tanta fatica per niente, fra non molto sarranno abolite le province per far posto ai consorzi tra comuni.
il 22 maggio 2010 alle 15:16
ieva1
io nn sò adesso cosa succederà in questa provincia,ma da uomo di esperienza nel campo del diritto e della politica, credo ke la scelta della sede legale nella mia città ad andria, scatenerà una guerra in tribunale e nn solo.. cmq ho brutte notizie x voi, miei concittadini..il verdetto del consiglio si può inpugnare .anzi..credo ke abbiano fortissime probabilità ke barletta vinca,al primo ricorso.. xkè è già sede di prefettura ed è ilcapoluogo capolfila,uffcio dell'entrate e sigla BT.
il 22 maggio 2010 alle 14:45
dreamen
SE MI PERMETTETE, UN GRAZIE!BISOGNA DARLO A TUTTE LE ASSOCIAZIONI CHE CON L'AIUTO DI UNA PERSONA IN PARTICOLARE A MESSO IN RISALTO TUTTA QUESTA VICENDA POLITICA!OGGI ABBIAMO UN RISULTATO CHE I POLITICI HANNO CONCRETIZZATO CON IL LORO VOTO ,MA LE ASSOCIAZIONI LO HANNO FORTEMENTE VOLUTO DOPO L'ACCORDO SULLA POLICENTRICITà.GRAZIE! A TUTTE LORO.SE NESSUNO LO CHIEDEVA BARLETTA AVREBBE PRESO TUTTO!!!
il 22 maggio 2010 alle 14:42
zagato
A quanti dei barlettani hanno cercato, sulla base di un diritto oggettivamente inesistente, di assicurare alla città di Barletta 1) il primo nome nella denominazione della Provincia Barletta-Andria-Trani, 1) la sede legale della ASL, 2) la targa automobilistica BT, 2) la Prefettura, 3)la sede legale della Provincia BAT, dico GIUSTIZIA E' FATTA.
il 22 maggio 2010 alle 13:40
giuseppemiche82
X uomo duro: meglio essere ignoranti che ladri e ipocriti come la tua gente! a proposito vedo che sei nativo di canosa la città del burattino pinocchio/ventola. vedremo dopo i ricorsi cosa direte. LANDRIA SEDE ILLEGALE.
il 22 maggio 2010 alle 11:21
martidd
cittadino, tu pensi che i barlettani siano "gentiluomini???" mah....diceva Toto', signori si nasce...x il barlettano che commenta, lo invito a commentare sul sito di barlettalive le sue fantasie politiche...è stato solo seguito un criterio di policentricità come da legge. quindi....
il 22 maggio 2010 alle 10:43
babbonatale
"BARLETTANI CON LA LORO TRACOTANZA", "ANDRIA SEDE ILLEGALE"... ma vi rendete conto che dovremmo convivere sotto un unico nome?? se queste sono le prospettive.. Per una volta diamo dimostrazione di intelligenza e consapevolezza di ciò che è la sesta provincia. E smettiamola di fare i ragazzini che giocano a farsi la guerra del territorio!
il 22 maggio 2010 alle 01:16
ok75
Hai ragione...complimenti a "CITTADINO". Basta con questi arroganti barlettani...sanno solo litigare..niete più.. Grande Giorgino
il 22 maggio 2010 alle 00:39
EPIDAURO
SMS A MAURO TODISCO (STUDIO5-TV OFANTO)...LA STAPPERAI UGUALMENTE LA BOTTIGLIA?? P.S. LA PAGLIACCIATA DELLA BENEDIZIONE NOI NN LA FAREMO CARO MAURO. LA PROVINCIA E' UNA COSA SERIA!!!!
il 22 maggio 2010 alle 00:02
giuseppesuriano1
Prefettura a Barletta come il cavallo di Troia.
il 21 maggio 2010 alle 21:37
uomoduro
Giuseppemiche82: Abbiamo capito che sei molto generoso visto che ogni volta che apri bocca ci regali la tua ignoranza
il 21 maggio 2010 alle 21:19
paolof
Sono felice. Complimenti a quanti si sono impegnati per raggiungere questo obiettivo. P.S. Sottoscrivo a due mani l'analisi riportarta nel commento n°10 da "Cittandino". Paolo Farina
il 21 maggio 2010 alle 21:18
uomoduro
A voi la targa (BT) e a noi la macchina
il 21 maggio 2010 alle 21:18
limos
L'insensato e ridicolo campanilismo di alcuni fanatici è stato finalmente ridimensionato Ricordiamo che questi fanatici del campanile (non mi rivolgo a tutti i barlettani) in passato hanno addirittura chiesto e ottenuto che l'uscita dell'autostrada di Andria si chiamasse Barletta-Andria. Ridicolo oltre che esilarante episodio!!!
il 21 maggio 2010 alle 20:49
toro72
Da andriese ringrazio TUTTI i politici che hanno votato a favore di questo storico evento. Un ringraziamento particolare va alla persona senza la quale ciò non sarebbe mai potuto accadere: grazie sig. Maffei.
il 21 maggio 2010 alle 19:56
contatti2009
ORA I FATTI!!!!! COMPLIMENTI AGLI AMMINISTRATORI ANDRIESI PRESENTI ALLE VARIE SEDUTE SINO A QUELLA ODIERNA!!!!
il 21 maggio 2010 alle 19:56
pigmim
caro sig. maffei, tutto è compiuto. ha cercato di porre rimedio in extremis a quel suo insano gesto del 2006 ma ovviamente non ci è riuscito. secondo me non riuscirà nemmeno a convincere i suoi concittadini a rieleggerla nel 2011. in politica viene premiato anche il coraggio a volte, e lei ha avuto l' occasione di mostrarlo e non lo ha fatto. pazienza...
il 21 maggio 2010 alle 19:55
rioboss
GIUSTIZIA E' FATTA. CARI AMICI BARLETTANI, E' GIUSTO COSI'
il 21 maggio 2010 alle 19:49
coperta
oRA LA PROVINCIA è UNA SCHIFEZZA !oRA SPERO E PREGO CHE IL GOVERNO ABBI LA BELLA IDEA DI ABOLIRE LE PROVINCIE INCLUSA LA NOSTRA!
il 21 maggio 2010 alle 19:46
coperta
Agli andriesi dico che siete stati favoriti per avere più consiglieri nella maggioranza tenetevela la provincia è tutta vostra a noi non serve!E' stata un operazione studiata a tavolino! A questo punto dico a tutti i Barlettani che sono in consiglio di DIMETTERSI SE SONO UOMINI!
il 21 maggio 2010 alle 19:12
uomoduro
Complimenti a tutto il consiglio provinciale ,adesso tutti al lavoro per il bene di tutta la provincia ,e come dicono a Napoli ( ( chia avut avut e chi a dat a dat scurdammoce o passato simme BAT paisa)
il 21 maggio 2010 alle 18:50
franco63
che lunga gestazione........! ora i fatti.
il 21 maggio 2010 alle 18:33
Cittandino
FINALMENTE I BARLETTANI HANNO AVUTO QUEL CHE MERITANO! CHI E' CAUSA DEL PROPRIO MALE PIANGA SE STESSO. GLI ANDRIESI NON AVREBBERO MAI DISONORATO UNA FIRMA SU UN PATTO TRA GENTILUOMINI. PREFETTURA AD ANDRIA SEDE LEGALE A BARLETTA! MA I BARLETTANI CON LA LORO TRACOTANZA, LA LORO BORIOSITA', IL LORO CAMPANILE HANNO VOLUTO STRAFARE E ORA HANNO AVUTO QUEL CHE MERITANO. ORA SI LECCASSERO LE FERITE E RIMURGINASSERO SOLO SU QUELLA FIRMA RITIRATA. CHI E' CAUSA DEL PROPRIO MALE PIANGA SE STESSO.
il 21 maggio 2010 alle 18:07
sinistraattiva
Pur contrario all'istituzione della provincia, come andriese non posso che congratularmi con la maggioranza di centro destra che ha saputo con determinazione arginare le pretese egemoniche riconoscendo il ruolo della città di Andria come città più popolosa e con più ampio territorio della nuova provincia, riequilibrando la ingiustizia della legge istitutiva che attribuiva un insensato ordine alle città capoluogo ed un accordo dei sindaci con il quale che attribuiva la sede legale a Barletta.
il 21 maggio 2010 alle 18:02
svevo1
La città di Andria ora sia degna di questa assegnazione; e mi riferisco all'attivazione di tutti i servizi complementari (dalla segnaletica ai trasporti, ordine pubblico etc.) per il buon funzionamento della sede della Sesta Provincia.
il 21 maggio 2010 alle 17:51
giuseppemiche82
ANDRIA SEDE ILLEGALE
il 21 maggio 2010 alle 17:45
phenomenon
Adesso qualcuno si ricordi anche di quei consiglieri comunali che nel 2008 non vollero uscire dalla Bat per tornare nella provincia di bari...
il 21 maggio 2010 alle 17:35
giuseppemiche82
LADRI!!
il 21 maggio 2010 alle 17:26
iopensoche
che tristezza queste scaramucce.
il 21 maggio 2010 alle 17:15
lex86
GRANDE RISULTATO PER ANDRIA!!!ora però vogliamo che tale risultato resti definitivo...nessuno scambio all'orizzonte!andria è deve essere anche in futuro SEDE LEGALE DELLA BAT!!!
il 21 maggio 2010 alle 17:14
Vincent_90
Era ora........finalmente!!!!
il 21 maggio 2010 alle 17:12
gioia72
Ora la provincia è policentrica
{ "items": [{ "data_inizio": "2014/12/01", "data_fine": "2014/12/16", "immagine": "http://livenetwork.blob.core.windows.net/skinoverlay/Andria/cornice/img/zoo-skin-2.jpg", "href_immagine": "https://www.facebook.com/zoomarketssrl.corato?fref=ts", "attivo":"si", "colore_sfondo":"#fff", "top":"170" }] } { "items": [ { "data_inizio": "2014/08/16", "data_fine": "2014/08/28", "immagine": "http://livenetwork.blob.core.windows.net/skinoverlay/Corato/cornice/img/app-skin.jpg", "href_immagine": "http://livenetwork.blob.core.windows.net/skinoverlay/Corato/cornice/img/live_APP.htm", "attivo":"no" } ] }
Chiudi Non visualizzare di nuovo