La corsa al vaccino dopo i casi di meningite

Vaccino contro il meningococco B gratuito grazie a emendamento dei consiglieri regionali CoR alla Legge di stabilità regionale 2017

Laura Di Pilato: «Le Asl devono recepire la Legge regionale e non possono chiedere ai cittadini di pagare la cifra prevista in precedenza, cioè circa 150 euro per le due dosi di vaccino»

Politica
Andria martedì 10 gennaio 2017
di Lucia M. M. Olivieri
Avv. Laura Di Pilato © n.c.

Dopo l’ondata di panico diffusasi nei giorni scorsi a causa del verificarsi, pressoché contemporaneamente, dei ricoveri di una ragazza ad Andria e di una bambina tranese a Bari perché affette da una forma di meningite, si è scatenata la corsa al vaccino.

Tante le richieste di spiegazione inoltrate ai pediatri e ai medici di famiglia, oltre che agli specialisti del servizio Vaccinazioni della Asl Bat.

I vaccini oggi a disposizione contro il meningococco sono tre.

Innanzi tutto quello coniugato contro il meningococco di sierogruppo C (MenC): è il più frequentemente utilizzato, e protegge solo dal sierotipo C. La vaccinazione contro il meningococco C è raccomandata ed offerta gratuitamente nella nostra regione dai nati nel 1995 e prevede una sola dose a 13 mesi.

Il vaccino coniugato tetravalente, che protegge dai sierogruppi A, C, W e Y è consigliato per gli adolescenti che non sono stati vaccinati da piccoli contro il meningococco C, nella nostra regione è raccomandata ed offerta gratuitamente negli adolescenti a partire dai nati nel 2000.

Infine, il vaccino contro il meningococco di tipo B: protegge esclusivamente contro questo sierogruppo e nella nostra regione, grazie a un emendamento presentato dai consiglieri regionali dei Conservatori e Riformisti, è raccomandato ed offerto gratuitamente anche ai bambini nati prima del 2014.

Infatti, nella Legge di stabilità 2017 (n. 40 del 30/12/2016, consultabile a questo link), si legge: «Disposizioni in materia di vaccinazione “anti meningococco”.  É assicurata con oneri a carico del Servizio sanitario regionale la vaccinazione “anti meningococco B” anche per i nati prima dell’anno 2014».

«La spesa per coloro - dichiara la Presidente del consiglio comunale andriese, Laura Di Pilato - che desideravano vaccinarsi, soprattutto per interi nuclei famigliari, era cospicua: in realtà, con l’approvazione della Legge di stabilità 2017 dello scorso dicembre, in cui è stato inserito un emendamento specifico dai consiglieri regionali CoR, la vaccinazione antimeningococco di tipo B è diventata gratuita per tutti i nati ante 2014, quindi teoricamente per tutti. Si sta discutendo ora se sottoporre alla Giunta regionale una modifica alla Legge introducendo una fascia d’età. Intanto le Asl devono recepire la Legge regionale e non possono chiedere ai cittadini di pagare la cifra prevista in precedenza, cioè circa 150 euro per le due dosi di vaccino, né possono ancora fornire i bollettini per i pagamenti. Solleciteremo l’Asl Bat ad adottare urgentemente un provvedimento in merito».

 

Lascia il tuo commento
I commenti degli utenti
  • Maria guarda ha scritto il 16 gennaio 2017 alle 10:14 :

    Bari 16/01/2017 ex CTO chiedono soldi ma perché se la legge è approvata e parla di gratuità x tutti i bambini, il mio ha 7 anni e deve pagare?perché? Rispondi a Maria guarda

  • dedalo eugenia ha scritto il 12 gennaio 2017 alle 18:33 :

    Buonasera dottoressa. Purtroppo la mia ASL di appartenenza (santo spirito palese) mi ha risposto che devo pagare il bollettino per consentire a mio figlio di sei anni di poter fare il vaccino. Nonostante abbia più volte fatto presente che esiste un testo di legge e che il vaccino b dovrebbe essere gratis per mio figlio che è nato il 6/12/2010, loro insistono nel dirmi che devo pagarlo. Cosa devo fare? Grazie Rispondi a dedalo eugenia

  • Peppino Lorusso ha scritto il 10 gennaio 2017 alle 12:03 :

    Ma il presidente del Consiglio Comunale è anche portavoce di Cor? non capisco il senso di questo suo intervento, l’avrei capito se fosse giunto da un consigliere Cor... Rispondi a Peppino Lorusso