La nota stampa congiunta

Consiglieri di centrodestra su Ecotassa 2018: «Andria è città più virtuosa»

«Andria si vede attribuita l’aliquota più bassa – pari ad euro 5,17 per tonnellata – rispetto alle performance negative di alcune “sorelle”»

Politica
Andria giovedì 09 novembre 2017
di La Redazione
Consiglieri di centrodestra su Ecotassa 2018: «Andria è città più virtuosa»
Consiglieri di centrodestra su Ecotassa 2018: «Andria è città più virtuosa» © n.c.

Un'analisi comparata tra i comuni della Bat per quanto riguarda la cosiddetta Ecotassa, legata alle percentuali di smaltimento di differenziata: su questo si concentrano i Gruppi Consiliari di Centro destra al Comune di Andria, che affidano a una nota alcune riflessioni condivise.

«Ad onta del fallimentare meccanismo di gestione e smaltimento dei rifiuti nella nostra Regione - e nonostante il perdurare del livello di inciviltà di una parte di cittadini che si ostinano ad abbandonare i rifiuti per strada – Andria continua ad essere una città virtuosa, grazie ad una quota di differenziata pari al 68,93%. Un tetto lusinghiero, che la pone in testa alla graduatoria della BAT, con largo margine sulle altre comunità del territorio provinciale.

E non si tratta di una questione di mero campanilismo, tutt’altro. Perché la determina regionale che convalida le percentuali di raccolta differenziata dei Comuni, quantifica anche l’aliquota del tributo speciale per il conferimento in discarica dei rifiuti. Ed in forza di tale criterio di premialità Andria si vede attribuita l’aliquota più bassa – pari ad euro 5,17 per tonnellata – rispetto alle performance negative di alcune “sorelle” come Bisceglie, Trani, Minervino, Margherita e Canosa, costrette a pagare aliquote ben più alte, ovviamente a scapito dei contribuenti.

Tale risultato virtuoso è il frutto di un percorso costruito nel tempo dall’amministrazione di centro destra e condiviso con gli andriesi perbene. Quelli che hanno a cuore l’ambiente, che fanno la differenziata e che pagano regolarmente la tassa sui rifiuti. Certo, la fascia di evasione in materia è ancora molto alta, ma l’auspicio è che pagando tutti presto si possa arrivare a pagare anche meno».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Sabino Cannone ha scritto il 09 novembre 2017 alle 08:13 :

    Vorrei parlare a nome degli andriesi perbene (che fanno la differenziata) e quegli non perbene( che non possono pagare). Questo comunicato dice esattamente il fallimento dell'ARO2 (ieri ATO) e di chi lo rappresenta Nicola Giorgino. L'ecotassa così come la presentate voi è un numero, nella sostanza è una addizionale, cioè un'ulteriore tassa sulla tassa, per quegli ATO che non abbiano raggiunto le percentuali differenziata imposta dalla legge, esattamente il dlgs 152/2006 art.205 comma 3. Quindi avete raccontato un falso e avete ingannato i vostri elettori e cittadini. E pensare che nella maggioranza sono tutti competenti: avvocati, economisti, analisti ....e che nemmanco una massaia. Rispondi a Sabino Cannone

  • Nanny ha scritto il 09 novembre 2017 alle 05:45 :

    Più virtuoso? Le immagini parlano da sole! E con le tasche svuotate dei poveri cittadini onesti Rispondi a Nanny