La nota

Vitali: «Andria non è stata capace di designarmi un candidato unitario. Marmo non era candidabile»

Marmo attacca i vertici di partito per le candidature sbagliate. Il coordinatore regionale FI replica dicendo che il consigliere regionale avrebbe dovuto pagare i debiti con il partito azzurro per poter risultare candidabile

Politica
Andria venerdì 09 marzo 2018
di La Redazione
Vitali e Marmo
Vitali e Marmo © n.c.

Il coordinatore regionale di Forza Italia spiega il perché della mancata candidatura alla Camera di Nino Marmo. Il consigliere regionale, però non tarda a replicare tramite la sua pagina Facebook:

«La candidatura di Marmo non è stata presa in considerazione per questioni amministrative dello stesso con il partito». È quanto precisato durante la trasmissione “Spazio Città” al giornalista Roberto Straniero, dal coordinatore regionale di Forza Italia, l'on. Luigi Vitali che continua: «Lui sarebbe stato il migliore candidato ad Andria dopo che per Giorgino non c’è stata più la possibilità di candidarsi, poiché non dimessosi per tempo prima delle elezioni». Vitali ribadisce che quella di Marmo sarebbe stata una buona candidatura se avesse regolarizzato le sue situazioni con il partito «Non lo ha fatto, sebbene tutti gli altri consiglieri “sì”».

In pratica, ci sarebbe, a detta di Vitali, una prima circolare di partito che risale ad un anno fa e che invitava Marmo a regolarizzare la sua posizione. Poi altre circolari sino all’ultima che dovrebbe risalire a tre mesi fa, ma niente: «Marmo, come anche altri “autorevoli” parlamentari - commenta Vitali - non hanno ritenuto di dover regolarizzare la loro posizione, pertanto non sono stati ritenuti idonei». Ricordiamo che i costi legati alle segreterie di partito ad esempio, come anche i costi di affitto delle sedi, non essendoci più i finanziamenti pubblici, verrebbero sostenuti dalle quote degli eletti.

«Ad Andria ho chiesto più volte il nominativo di un candidato unitario o maggioritario da indicare per la Camera, ho ricevuto sempre dei rifiuti oppure delle proposte assurde». Vitali allude alla richiesta da parte di Nicola Giorgino di candidare il padre «A quel punto – commenta Vitali - i 5 Stelle avrebbero preso il 68%... Pertanto ho proposto la candidatura del segretario provinciale della Bat di FI, Luigi De Mucci, non perché fosse un grande raccoglitore di voti, ma perché non c’erano candidature alternative. Poi in una notte è successo l’imponderabile: è stato tolto De Mucci ed è stato inserito Ventola».

A queste considerazioni replica Nino Marmo, già intervenuto sulle pagine dei quotidiani puntando il dito contro il coordinatore regionale Gino Vitali, Licia Ronzulli e Raffaele Fitto, responsabili politicamente per aver sostenuto candidature sbagliate: «Il nostro risultato elettorale poteva essere migliore. Il partito ha dato troppo spazio alla Lega e a Fitto, ed è risultato disorganizzato, lasciando tutto alla buona volontà di alcuni candidati nei territori. Di contro abbiamo eletto Miss Molise e una ex grillina...».

Sulla sua pagina Facebook, il consigliere regionale scrive: «Io non sono abituato a fare illazioni. A me piace entrare nel merito delle questioni perché è questo che si deve fare se si vuole il bene del partito e degli elettori. Forza Italia – commenta Nino Marmo dalla sua pagina Facebook - ha pagato scelte sbagliate da parte del coordinatore Vitali. Scelte che hanno mortificato i territori della Puglia sull’altare della salvaguardia degli appartenenti al cerchio magico. Il risultato è sotto gli occhi di tutti.

Dobbiamo al più presto avviare una serie discussione su quanto accaduto e iniziare a ragionare su come riorganizzare il partito».

È chiaro che siamo di fronte ad una lotta intestina tutta interna al centrodestra che all'indomani dei risultati del centrodestra, vuole porre l'attenzione dei vertici nazionali su un nuovo ed urgente riassetto del partito azzurro. Ripercussioni che probabilmente cadranno sul circolo andriese che ha già in sospeso alcune questioni legate ad un probabile riassetto della squadra amministrativa comunale.

Lascia il tuo commento
commenti