“Anna”

Niccolò Ammaniti – Einaudi Editore

Gabriella D'avanzo Libri...amoci
Andria - venerdì 16 ottobre 2015
©

Sicilia, anno 2020, ed il mondo è stato devastato da una epidemia “La Rossa", che dal Belgio si è propagata in tutta Europa, annientando tutti gli adulti e lasciando illesi tutti i bambini fino alla loro pubertà.
Anna è una ragazzina, ha forse tredici anni, gli orologi sono rotti, non c’è più elettricità e deve sopravvivere facendo buon uso delle indicazioni lasciate dalla mamma, in una lettera prima di essere colpita dal virus letale. Anna e suo fratello Astor devono sopravvivere e magari riuscire a fuggire dall’isola perché forse fuori di lì una cura esiste. Le giornate cominciano e finiscono tutte uguali, frenetiche, confusionarie perché ora a governare e a far da padroni sono i bambini e servono regole…e non vanno più bene quelle di una volta…

Il cammino di Anna e Astor, verso la salvezza, si fa sempre più faticoso, dalla casa di campagna dove  hanno vissuto ,i fratellini,  arrivano a Palermo e lungo le strade deserte anche altri bambini percorrono gli stessi sentieri verso la salvezza. Sono gli stessi bambini che sequestreranno il piccolo Astor e sono gli stessi bambini che faranno “ diventare grande “ Anna che per ritrovare suo fratello non si perde d’animo perché nel frattempo si è ammalata, si, ma si speranza!

Pagine che si fanno  mano a mano sempre più cupe ma lo stile inconfondibile di Ammaniti accompagna il lettore al fianco della protagonista nel suo cammino verso la salvezza.

Un racconto crudele, i personaggi incarnano le nostre paure e  i nostri desideri dando forma e contenuto ad un romanzo metaforico sulla crescita, perché si continua a crescere e a vivere, nonostante tutto…
“… Anna intuì che la vita è un insieme di attese. A volte così brevi che nemmeno te ne rendi conto e a volte cosi lunghe da sembrare infinite, ma con o senza pazienza hanno tutte una fine…perché la vita non ci appartiene, ci attraversa…”

Buona lettura !

Altri articoli
Gli articoli più letti