Tabellino e cronaca del match

Fidelis - Foggia: i rossoneri stanano solo ai rigori una buona Fidelis

Onescu porta in vantaggio gli azzurri al 32'; pareggio del Foggia con Chiricò al 73'; dopo i tempi supplementari Annoni sbaglia il rigore che regala la vittoria agli uomini di Stroppa

Calcio
Andria mercoledì 09 novembre 2016
di Antonio Ventola
Fidelis Andria - Foggia, goal di Onescu
Fidelis Andria - Foggia, goal di Onescu © Vincenzo Fasanella/Andrialive

E’ un Foggia – Fidelis diverso dal solito. Si gioca di mercoledì e soprattutto non in campionato: sono i sedicesimi di finale di Coppa Italia Lega Pro, dentro o fuori, gara unica. Vietata la trasferta ai tifosi foggiani, che affronteranno il secondo derby con la Fidelis senza il supporto dei propri tifosi.

Passando alle questioni di campo, Favarin conferma il 3-5-2 con la difesa titolare (assenti Allegrini e Colella entrambi infortunati; al suo posto riproposto Tartaglia) e Pop tra i pali. Ovalle sorpresa dal primo minuto a centrocampo, il quale verrà affiancato da Mancino e Matera; Onescu e Curcio i rispettivi quinti. Confermatissimo Cianci in attacco, dato che sarà squalificato nella prossima contro il Messina, che formerà il tandem con Volpicelli. Solito 4-3-3 invece per il Foggia di Stroppa. In attacco, tridente affidato a Chiricò, Letizia e Sainz-Maza, mentre quello di centrocampo da Sansone, Agazzi e Riverola. Liacono e Martinelli agiranno da centrali di difesa, mentre gli esterni bassi saranno Dinielli e Sicurella.
 

Il copione della partita si vede si dai primi minuti: Andria pronta ad aspettare il Foggia che fa possesso e a sfruttare al massimo ogni occasione che gli capita a tiro. Ecco, nel primo tempo va tutto bene e la Fidelis manda già il primo messaggio di pericolo al Foggia al 2’: punizione sui 40 metri battuta corta da Volpicelli, Mancino alza la sfera in area di prima, Cianci sfrutta i blocchi in area, esegue alla perfezione lo schema, salto poi sparare in alto un tiro da buona posizione. Il Foggia fa fatica a macinare gioco con la Fidelis che disturba in continuazione la manovra ospite, costretta più di una volta a qualche disimpegno grottesco. Scocca la mezz’ora e la squadra di Favarin capitalizza finalmente il lavoro svolto: lancio sulla sinistra da parte di Rada per Macino, il numero 10 ex di turno raccoglie palla sul vertice sinistro dell’area ospite, , mette bene al centro per Matera che colpisce di testa ed impegna Sanchez in una parata in tuffo; il portiere non trattiene e come sempre, puntuale e a tempo, sul secondo palo arriva Onescu che insacca in tap in. Vantaggio azzurro e partita che si incanala su di un binario perfetto.

Si perhcé per registrare un’altra azione pericolosa bisogna aspettare addirittura il 68’, quando D’Angelo, subentrato al posto di Dinielli, conclude da 30 metri, ma la sfera finisce alta. Il Foggia è incartato, la Fidelis difende benissimo e non concede praticamente nulla agli ospiti, sin quando decide di suicidarsi. Fall, che ha sostituito Volpicelli al 70’, recupera la sfera sull’out di destra vicino all’area azzurra, ma invece di proseguire in avanti, decide di compiere un retropassaggio sanguinoso verso la propria difesa; decisione perfettamente letta ed intercettata da Chiricò, che entra in area e trafigge Pop. Doccia gelata per la squadra comandata da Colella (Favarin espulso tra il primo ed il secondo tempo insieme al Dg del Foggia, Giuseppe Colucci, per uno scontro verbale tra i due).

L’Andria reagisce un minuto dopo d’inerzia: cross dalla trequarti sinistra da parte di Curcio, Klaric (subentrato al 59’ al posto di Cianci infortunato), stacca bene in area, ma il colpo di testa finisce di poco a lato. Il Foggia tenta di impensierire Pop ancora una volta con Chiricò, però il suo sinistro è potente ma innocuo. Il Foggia alza la pressione e lascia delle praterie alle sue spalle, e all’85’ Fall ha la grande occasione per sfruttarle: Mancino lancia il numero 9 a campo aperto; Fall si ritrova davanti a Sanchez, decide di sterzare, tira, ma il portiere rossonero è bravo a non cadere in anticipo e finisce per parare la conclusione e salvare il risultato. Non succede praticamente più nulla e si va ai supplementari.

I 30 minuti di extratime passano a ritmo del gioco espresso in campo: lenti e sempre più predisposti ai tiri dal dischetto, che inesorabilmente giungono. Sull’1-2 foggiano, Klaric (ottimo sino a quel momento) manda la sfera sulla traversa; il Foggia va sull’1-3, l’Andria mantiene vive le proprie speranze realizzando con Curcio per poi definitivamente pareggiare con Fall dopo l’errore di Riverola; ultimi due rigori decisivi, con Annone che non riesce a rispondere alla rete di Chiricò e consegna la vittoria ed il passaggio del turno al Foggia.

I rossoneri vincono il secondo derby stagionale, ma ancora una volta la squadra di Favarin ha messo in atto un’ottima sfida contro una delle candidate alla promozione. I 120’ potrebbero pesare sulle gambe degli azzurri, ora attesi ad una lunga ed importante trasferta di campionato a Messina .



TABELLINO LIVE

FIDELIS ANDRIA – FOGGIA 1-1 (3-4 AI CALCI DI RIGORE)

FIDELIS ANDRIA (3-5-2)
Pop; Tartaglia, Aya, Rada; Onescu, Ovalle, Mancino (3' p.t.s. Annoni), Matera, Curcio; Cianci (59' Klaric), Volpicelli (70' Fall).
A disposizione: Cilli, Valotti, Fall, Masiero, Minicucci, Starita, Berardino, Imbriola, Annoni, Klaric.  
Allenatore: Giancarlo Favarin.

FOGGIA (4-3-3) Sanchez; Sicurella, Loiacono, Martinelli, Dinielli (64' Angelo); Agazzi, Sansone (59' Gerbo), Riverola; Chiricò, Letizia, Sainz-Maza (23' s.t.s. Padovan).
A disposzione: Guarna, Agnelli, Vacca, Tucci, Empereur, Padovan, Rubin, Gerbo, De Cristofaro.
Allenatore: Giovanni Stroppa.

ARBITRO: Eduart Pashuku di Albano Laziale
ASSISTENTI: Francesco Bruni e Vitantonio Lillo di Brindisi.

NOTE
Marcatori: 32' Onescu (FA); 73' Chiricò (FO)
Ammoniti: 28' Ovalle (FA); 29' Cianci (FA); 60' Martinelli (FO); 89' Matera (FA); 10' p.t.s. Onescu (FA); 10' p.t.s Chiricò (FO)
Espulsi: /
Angoli: 2-5
Recupero: 2' p.t.; 5' s.t.
Spettatori: 372 per un incasso di 2393,00
Espulsi nell'intervallo Giancarlo Favarin (FA) ed il dg del Foggia Giuseppe Colucci; espulso Empereur dalla panchina al 13' del primo tempo supplementare

(Twitter: @AntonioVentola)

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • frangcidd ha scritto il 10 novembre 2016 alle 13:53 :

    Buona Fidelis? ma che partita ha visto il giornalista? nel secondo tempo manco un tiro in porta.......................come dice Favarin e’ questa la dimensione...............................SCARSAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA Rispondi a frangcidd