Notte d'Oriente. L'11 gennaio il Raqs Sharqi contest

Bari
il 11 gennaio 2015 alle ore 19:00

Una maratona di danza orientale con le migliori artiste del Sud

Indirizzo via Caduti del 28 luglio 1943, 5

Sito web www.raqssharqicontest.it

Notte d'Oriente. L'11 gennaio il Raqs Sharqi contest
n.c. © n.c.

Atmosfere e profumo d’Oriente a Bari, dove domenica 11 gennaio si terrà la prima edizione del Raqs Sharqi Contest, concorso di danza orientale rivolto ai migliori talenti del Sud d'Italia.

Non un momento per soli addetti ai lavori, ma una serata di spettacolo, aperta al pubblico, durante la quale domenica 11 - alle 19, sul palcoscenico dell’auditorium della chiesa di San Sabino, a Bari in via Caduti del 28 luglio 1943, 5 - si esibiranno le più valenti danzatrici orientali pugliesi e non solo. Patrocinato dall’assessorato regionale al Mediterraneo e alle attività culturali, il contest Raqs Sharqi (che in arabo vuol dire danza orientale) è promosso dall’associazione culturale L’Araba Fenice (Centro studi per le danze e le culture del Mediterraneo).

A idearlo Alessandra Cappiello, pioniera della danza orientale in Puglia e presidente dell’Araba Fenice, che ne ha curato la direzione artistica avvalendosi della collaborazione di Tatiana Nardeschi, che da qualche anno studia con passione quest'arte. Sono attesi circa cinquanta talenti fra artiste ed artisti che si esibiranno sia in gruppo che proponendo performance soliste.

A giudicare le artiste che si alterneranno sul palco sarà in primo luogo una giuria tecnica composta da importanti maestri di danza orientale in Puglia, che a loro volta si esibiranno in una coreografia: i danzatori e coreografi Naima e Gamal Hassan del centro artistico Yalla Dance di Fasano;  le baresi Daniela Saponara e Noemi Maggi, insegnanti e coreografe dell'Araba Fenice;  Francesca Montefusco e Francesca degli Atti, insegnanti e coreografe del centro "Awalim danze orientali" di Lecce;  Miriam Rizzo, direttrice artistica di "Miss Shimmy belly dancer" di Taranto;  Annarita Catacchio, danzatrice e coreografa del “Sentiero di Zakiyah” di Taranto e assistente dell'associazione le “Ali di Iside” di Bari. A presiedere la giuria tecnica la foggiana Natalia Bonanese che, di stanza ormai a Roma, da anni si occupa di danza mediorientale e rom, ricercando costantemente un ponte tra queste discipline e il linguaggio contemporaneo.

Ma ci saranno anche una giuria critica composta da giornalisti e operatori culturali del territorio e una giuria popolare che sarà presieduta da Angela Maria Cristina Cataldo, presidente dell'associazione culturale Al Nour e ideatrice del Festival di danza e cultura orientale Ya Salam Bari. A condurre la serata, invece, sarà la cantante Laura Legrottaglie, lead voice del gruppo I migliori anni.

La serata è aperta al pubblico ed è previsto un contributo simbolico di 4 euro che sarà devoluto all’auditorium di San Sabino.

Informazioni sul sito www.raqssharqicontest.it