la nota

Caso Moro, Pd: «Serve fare chiarezza sul più grande omicidio politico della Repubblica»

Presentato durante il convegno di sabato scorso un sunto di 350 pagine sulle 800mila che rappresentano il processo del più grande statista che l'Italia abbia avuto

Politica
Andria martedì 24 giugno 2014
di la redazione
durante il convegno
durante il convegno © n.c.

Una sala gremita di gente ha preso parte sabato scorso, presso la biblioteca comunale G. Ceci, all’incontro promosso dal Partito Democratico di Andria finalizzato a dibattere su Chi e perché ha ucciso Aldo Moro?.

Tra i relatori, il vicepresidente del Pd alla Camera, on. Gero Grassi (deputato pugliese già sindaco di Terlizzi, promotore dell’iniziativa per una nuova commissione d’inchiesta), Carlo Maria Capristo – procuratore della Repubblica presso il tribunale di Trani, Giuseppe Tiani - segretario generali SIAP e Ruggiero Mennea - consigliere regionale del PD. Ha introdotto l'incontro Lorenzo Marchio Rossi, capogruppo consiliare e organizzatore dell'iniziativa cittadina.

«Far luce sui “buchi neri” della vicenda del più grave omicidio politico della Repubblica. È questo che il Pd intende perseguire in merito alla strage di via Fani e sull'omicidio di Aldo Moro. La nuova gestione Renzi - ha commentato la Segretaria cittadina Maria Carbone - ha portato alla nomina di una Commissione d’inchiesta finalizzata a fare chiarezza  sull’uccisione di uno dei più grandi statisti che l’Italia abbia mai avuto. La gente ha voglia di una politica nuova e, il modo di interpretare anche questi casi, che in passato sono stati bui e nebulosi, è un buon input di cambiamento anche per Andria, pronta a dare un nuovo segnale alla politica».

Durante il convegno, è stato presentato un sunto di 350 pagine sulle 800mila che rappresentano il processo Moro. Si è parlato dei punti oscuri circa l’ultima settimana e sull’ipotesi che possa esserci stata una cessione del rapito da parte delle Brigate Rosse a soggetti terzi. Ci si è soffermati anche sulle mancate estradizioni dei due latitanti accusati dell’uccisione di Aldo Moro. Pagine di citazioni, documenti, relazioni per il Parlamento, sentenze. Tutto materiale sul quale si è discusso. Il dossier presentato dall’On. Gero Grassi raccoglie tutti i nodi che ben 5 processi non hanno sciolto, lasciando sulla triste vicenda ancora profonda incertezza.

Si farà mai luce sull’uccisione di Moro? «Crediamo che sia un’esigenza della nostra Repubblica sgombrare il campo da qualsiasi dubbio sulla vicenda. Tutta questa storia ha ancora dei coni d’ombra malgrado siano passati 36 anni. Siamo convinti che, con l’iniziativa di declassamento dei segreti della Presidenza del Consiglio, qualcosa in più riusciremo a scoprirla. La verità - conclude la nota del Pd - anche a distanza di parecchi anni, dev’essere coltivata e raggiunta».

Lascia il tuo commento
commenti