Il caso

Marmo, soldi pubblici per fondi vini: «Gestione trasparente»

Lo chiede l'esponente azzurro ai vertici regionali

Politica
Andria mercoledì 05 agosto 2015
di la Redazione
vino
vino © n.c.

«Sarà senz’altro di una coincidenza, ma visto che si tratta di un bel po’ di soldi pubblici è bene vederci chiaro e per questo presenterò un'interrogazione consiliare sul contributo da 179 mila euro erogato dall’assessorato regionale all’Agricoltura ad un’associazione fondata lo stesso giorno della pubblicazione del bando per promuovere i vini locali». Lo annuncia il consigliere regionale di Forza Italia, Nino Marmo.

«La notizia appresa dalla stampa –prosegue l'esponente azzurro- è un sassolino nello stagno: il centrosinistra è riuscito a depauperare il valore di un assessorato che, in Puglia, doveva avere una funzione propulsiva dell’economia. E, invece, si collezionano fallimenti ed errori madornali, come il Piano di Sviluppo Rurale ancora al palo. Ma non è finita qui: tra il rischio di dover restituire 162 milioni di euro di fondi Ue, per incapacità di programmare per tempo la spesa, c’è anche il nodo delle anticipazioni dei Consorzi di bonifica. C’è chi si sveglia ora, riprendendo la proposta che avanzo da tempo sulla riorganizzazione delle competenze tra  consorzi e altri enti; pur avendo sostenuto ed approvato un ulteriore tranche di 8.5 milioni di euro per il loro finanziamento. Il gioco, però, è finito: se la maggioranza non prenderà atto della necessità di gestire i soldi pubblici con trasparenza e responsabilità, troverà in noi un muro invalicabile. La Puglia –conclude Marmo- merita di più e noi lo costruiremo». 

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette