Le dichiarazioni

Continua la querelle sulla festa patronale: convocati oggi in Comune i Capigruppo consiliari

Nel frattempo l’ufficio Suap di Largo Grotte convoca gli ambulanti per l’assegnazione dei posteggi in Largo Ceruti

Attualità
Andria lunedì 13 settembre 2021
di La Redazione
Proteste festa patronale 2021
Proteste festa patronale 2021 © n.c.

Mentre viene convocata la Conferenza dei Capigruppo consiliari per il giorno lunedì 13 settembre, alle ore 15,30 a Palazzo di Città, con l’esclusione dei rappresentanti sindacali che avrebbero potuto illustrare la situazione ed anche le soluzioni a portata di mano, l’ufficio Suap di Largo Grotte convoca gli ambulanti per l’assegnazione dei posteggi in Largo Ceruti.

Sulla vicenda si esprime con durezza il consiglio direttivo di Fivap, l’associazione di rappresentanza degli ambulanti di Unionecommercio, che evidenzia «la curiosità che mentre si convoca la conferenza per discutere della festa patronale, al Suap assegnano i posteggi in largo Ceruti. Altro elemento di sciatteria che rischia pure di annullare le procedure è che sulla convocazione inviata ai commercianti per l’assegnazione dei posteggi è scritto che la graduatoria sarà affissa all’albo pretorio del comune dal giorno 10 settembre e per tre giorni quindi la facoltà di produrre opposizione entro tre giorni. Mentre su tale albo sono pubblicati i provvedimenti di chiusura al traffico di alcune vie della città per spettacoli e privati concessi con generosità e disinvoltura, non c’è traccia».

É stato Savino Montaruli a dichiarare: «Ho chiesto al dirigente Casieri spiegazione ma niente di niente. L’Ufficio Suap è allo sbando. Senza la pubblicazione della graduatoria anche le assegnazioni dei posteggi vengono messe a rischio. Se Andria è arrivata questo punto di sciatteria allora siamo in pericolo e aver creato tanto disordine e tante macerie in meno di un anno di governo della città significa davvero che alcune decisioni non sono urgenti ma devono essere immediate».

Insomma, dopo il no al Luna Park e la proposta male accolta dello spostamento delle bancarelle in Largo Ceruti, oggi ci sarà l'ennesimo capitolo di questa vicenda.

Nel frattempo le associazioni hanno richiesto di essere nuovamente audite in comune: «In riferimento alla riunione dei Capigruppo, convocata per il giorno lunedì 13 settembre 2021 alle ore 15,30, con la presente siamo a chiedere che un rappresentante della scrivente Associazione di Rappresentanza di settore, ed eventualmente delle altre, regolarmente iscritta all’Albo comunale delle Associazioni del comune di Andria, possa essere ammesso a partecipare alla suddetta riunione, anche in qualità di uditore, considerata la delicatezza e la specificità dell’argomento all’ordine del giorno il quale investe la sfera lavorativa di Operatori economici su aree pubbliche che, a causa della pandemia, sono stati inibiti all’esercizio della propria attività per oltre 20 mesi, rimasti senza alcuna forma di conforto né di sostegno da parte dell’Ente locale, nonostante le formali richieste prodotte in tal senso.
La nostra presenza e partecipazione all’incontro sarà altresì opportuna per ricercare soluzioni condivise, che esistono e sono fattibili e risolutive perché applicate anche in altre realtà, anche della Provincia BT, dove le Manifestazioni commerciali collegate alle Feste Patronali si stanno regolarmente svolgendo nel rispetto delle regole e che ad oggi non ci è mai stato consentito di mettere sul tavolo comunale di concertazione che è stato relegato a mero momento di comunicazione di decisioni, contestate, già assunte in autonomia senza la consultazione ed il confronto con le Associazioni di Categoria, anche in violazione di quanto previsto dal vigente Codice regionale del Commercio e dal Regolamento regionale di Esecuzione».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • marco ha scritto il 13 settembre 2021 alle 08:33 :

    Covid, in Puglia registrati 127 nuovi casi. Ad Andria crescono gli attualmente positivi: sono 297 182 sono le persone ricoverate in area non critica, 21 sono in terapia intensiva. e questi signori invece di pregare i Santi ..... Rispondi a marco

    Ciccio Ingrassia ha scritto il 13 settembre 2021 alle 12:06 :

    Marco hai ragione.. Anziché preoccuparsi dei contagi.pensano alla festa patronale..La festa patronale passa......I contagi qui aumentano.....io non so come farlo capire....forse parlando in afgano..mi capiscono??? Rispondi a Ciccio Ingrassia

    Franco ha scritto il 13 settembre 2021 alle 17:07 :

    Come Ciccio Ingrassia la comicità del dovrebbe essere il tuo forte e infatti a quella dovresti puntare visto che le tue proposte allarmistiche si scontrano con una realtà dei fatti differente: paesi limitrofi abitati da incondcienti (stando a te) che organizzano Feste patronali sulla base delle stesse norme che valgono ad Andria. O almeno dovrebbero valere. Rispondi a Franco

    Franco ha scritto il 13 settembre 2021 alle 10:56 :

    Quindi secondo te nei paesi vicini vivono degli sconsiderati che organizzano feste patronali per morire prima? Autorizzati da Sindaci e Prefetti manco fosse eutanasia? Per favore i discorsi da bar fateli al bar. Rispondi a Franco

  • loziodiandria ha scritto il 13 settembre 2021 alle 08:29 :

    e basta !! abbiamo capito si tratta solo di propaganda .... usare i Santi per farsi pubblicità è vergognoso. Rispondi a loziodiandria

    Dino zoff ha scritto il 13 settembre 2021 alle 12:11 :

    Loziodi Andria,hai ragione....vogliono dalla festa patronale.....Non ho parole.Vorrei fare un corso di lingua afgana, chissà mi capiscono,il covid non è sparito....Quante cazzo di volte lo devo ripetere......Ottima la scelta del Sindaco.....La festa patronale non si deve fare..... Rispondi a Dino zoff

  • Franco ha scritto il 13 settembre 2021 alle 08:25 :

    Altrove si e ad Andria no, non si capisce il perché. È semplice la questione ma è difficilissimo per l'amministrazione dare risposte esaurienti. Rispondi a Franco