La nota

Cinghiali, Coldiretti Puglia: «Sono 250mila, subito abbattimenti»

«Provocano più di un incidente ogni 2 giorni»

Attualità
Andria domenica 29 maggio 2022
di la redazione
Coldliretti
Coldliretti © n.c.

Con la Puglia invasa da 250mila cinghiali non c’è solo la peste suina, ma è allarme per la sicurezza delle persone in campagna e città con i branchi che si spingono fin dentro i centri urbani, fra macchine in sosta, carrozzine con bambini e anziani che vanno a fare la spesa. E’ quanto afferma la Coldiretti Puglia, in occasione del blitz degli agricoltori, cittadini e istituzioni in piazza SS. Apostoli a Roma dove occupano strade e parchi.

I branchi dei cinghiali – sottolinea la Coldiretti – si spingono sempre più vicini ad abitazioni e scuole, fino ai parchi, distruggono i raccolti, aggrediscono gli animali, assediano stalle, causano incidenti stradali con morti e feriti e razzolano tra i rifiuti con evidenti rischi per la salute. La situazione è diventata insostenibile in città e nelle campagne con danni economici incalcolabili alle produzioni agricole ma – sottolinea Coldiretti – viene compromesso anche l’equilibrio ambientale di vasti ecosistemi territoriali in aree di pregio naturalistico con la perdita di biodiversità sia animale che vegetale.

L’invasione di vie e piazze da parte dei selvatici viene vissuta dai cittadini come una vera e propria emergenza, tanto che oltre otto italiani su 10 (81%) – secondo l’indagine Coldiretti/Ixè - pensano che vada affrontata con il ricorso agli abbattimenti, soprattutto incaricando personale specializzato per ridurne il numero anche perché un italiano adulto su quattro (26%) si è trovato faccia a faccia con questi animali.

Secondo l’indagine Coldiretti/Ixè la fauna selvatica rappresenta un problema per la stragrande maggioranza dei cittadini (90%) considerato poi che nell’ultimo anno è avvenuto un incidente ogni 41 ore con 13 vittime e 261 feriti gravi a causa dell’invasione di cinghiali e animali selvatici che non si fermano più davanti a nulla, secondo l’analisi di Coldiretti su dati Asaps, Negli ultimi dieci anni il numero di incidenti gravi con morti e feriti causati da animali è praticamente raddoppiato (+81%) sulle strade provinciali secondo la stima Coldiretti su dati Aci Istat.

Il 69% degli italiani ritiene che i cinghiali siano troppo numerosi mentre c’è addirittura un 58% che li considera una vera e propria minaccia per la popolazione, oltre che un serio problema per le coltivazioni e per l’equilibrio ambientale come pensa il 75% degli intervistati. Il risultato è che oltre sei italiani su 10 (62%) ne hanno una reale paura e quasi la metà (48%) non prenderebbe addirittura casa in una zona infestata dai cinghiali.

Alla domanda su chi debba risolvere il problema, oltre le metà degli italiani (53%) è dell’opinione che spetti alle Regioni, mentre per un 25% è compito del Governo e un 22% tocca ai Comuni. In tale scenario anche l’Autorità per la sicurezza alimentare Europea (EFSA) ha lanciato un appello agli Stati dell’Unione Europea chiedendo misure straordinarie per evitare l’accesso dei cinghiali al cibo e ridurne del numero di capi per limitare il rischio di diffusione della peste suina africana (psa) che colpisce gli animali ma non l’uomo. «La maggioranza degli italiani considera l’eccessiva presenza degli animali selvatici una vera e propria emergenza nazionale che incide sulla sicurezza delle persone oltre che sull’economia e sul lavoro, specie nelle zone più svantaggiate - denuncia il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare l’esigenza: di interventi mirati e su larga scala per ridurre la minaccia dei cinghiali a livello nazionale».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marco Balso ha scritto il 29 maggio 2022 alle 18:01 :

    Sarebbe opportuno ricordare a Coldiretti, ed alla stampa in genere, che sta facendo partire una campagna contro i cinghiali, che la causa del loro aumento esponenziale ed avvicinamento alle città siamo sempre e solo noi sapiens ed alcune nostre pratiche sconsiderate, vedi ad esempio le immissioni per scopi venatori condotte in maniera non programmata. A partire dagli anni ’50 importanti contingenti di animali sono stati immessi nel territorio nazionale e importati dall'est europa, per incroci con specie di maiali e per soddisfare le esigenze dei cacciatori. Gli stessi che ora vengono chiamati per "risolvere" il problema.. Rispondi a Marco Balso

  • Salvo ha scritto il 29 maggio 2022 alle 08:31 :

    Sono anni che bla bla bla bla bla bla...e non si quaglia niente...i morti ci sono stati cosa altro si aspetta. Se fosse successo qualcosa durante la GUCCIATA altro che risonanza mondiale e relativa figura di mxxxa. Bisogna darsi una mossa ognuno per le proprie competenze e tutti insieme. Non è questa la città che vogliamo!!!! Rispondi a Salvo