La nota

La UIL chiede lumi sul futuro degli attuali ausiliari del traffico

​«Nonostante la certezza e la redditività espressa in questi anni dal servizio dei parcheggi a pagamento il Comune di Andria non è riuscito a concepire una soluzione a garanzia dei 13 lavoratori part-time»

Attualità
Andria lunedì 27 giugno 2022
di la redazione
Ausiliari della Sosta
Ausiliari della Sosta © n.c.

«In un momento particolarmente delicato per il mondo del lavoro preso tra la morsa di una crisi che non vuole mostrare ancora l’orizzonte del mutamento e le problematiche che tutti i giorni vedono la perdita dei posti di lavoro anche per i cambiamenti derivanti dalla globalizzazione, c’è chi riesce a precarizzare quel poco di sicuro che ci rimane» a dichiararlo è Sabino Patruno, referente della UILTUCS Puglia – BAT.

«In questo caso specifico ci riferiamo al Comune di Andria, che nonostante la certezza e la redditività espressa in questi anni dal servizio dei parcheggi a pagamento (strisce blu) nel proprio territorio, non è riuscito a concepire una soluzione a garanzia dei 13 lavoratori part-time impiegati sino ad oggi nel servizio stesso. Nonostante avessimo segnalato tale pericolo fin dall’insediamento della nuova Amministrazione con una serie di richieste di incontro per lo più rimaste inevase, il nuovo Sindaco e la Giunta  a cui abbiamo offerto fin da subito la nostra collaborazione per la salvaguardia e la difesa dei posti di lavoro e delle famiglie coinvolte, non è stata in grado di trovare una soluzione, se non quella di affidare il servizio alla Andria Multiservizi, con l’incognita della tenuta occupazionale e della redditività della nuova attività che la Municipalizzata non ha mai svolto.

Il nostro rammarico come Organizzazione Sindacale è  proprio la consapevolezza che di fronte alla certezza ormai sempre più rara del posto di lavoro che in questo caso sostiene ben 13  famiglie, vi sia chi si ingegna a trovare soluzioni al buio, senza sforzarsi di ricercare soluzioni  utili a garantire seppur un minimo sostentamento alle famiglie, con il rischio di costi maggiori per la collettività, conseguente alla gestione del servizio senza le professionalità acquisite e le conoscenze necessarie alla gestione dello stesso.

La scrivente O.S. ribadisce in questa nota, la piena disponibilità a tutte le forze politiche del Comune di Andria e la volontà di incontrare il Sindaco per la soluzione della problematica, dichiarando lo stato di agitazione con conseguente manifestazione al sol fine di rendere note le ragioni espresse».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Leone biancazzurro ha scritto il 28 giugno 2022 alle 05:53 :

    UIL chiedete anche l'assunzione alla multiservice del personale che lavorava alla piscina comunale. Dimenticavo fate assumere anche gli andriesi che i questo periodo stanno perdendo il lavoro. Ricordiamoci di tutti non solo di alcuni. Rispondi a Leone biancazzurro

  • Giovanni Bruni ha scritto il 27 giugno 2022 alle 16:38 :

    chiedessero alla precedente amministrazione a cui si sono rivolti per farsi assumere... chiamate a Nicolino! vedete che vi dice?! Rispondi a Giovanni Bruni