La storia

«Lasciamo Andria, andiamo a lavorare in Svizzera»: la storia di due andriesi, Francesca e Nunzio

«Lì il lavoro non viene pagato meno di 25 euro all’ora, qui, invece, circa 6 euro e oggi, con i vari aumenti in bollette e nel cibo, abbiamo difficoltà a raggiungere la fine del mese»​

Attualità
Andria mercoledì 06 luglio 2022
di Luca Ciciriello
Famiglia
Famiglia © Pexels

«Abbandoniamo Andria, andiamo a lavorare in Svizzera: qui non ci vengono garantiti diritti, abbiamo un contratto part time pur lavorando full time e facciamo straordinari non retribuiti»: a raccontarlo sono Francesca e Nunzio (nomi di fantasia a tutela della loro privacy), trentenni sposati da un anno. Lei è estetista, lui salumiere. Hanno scelto la Svizzera perché lì ci sono parenti e amici andriesi. Proprio loro li hanno rassicurati sul fatto che c’è un tenore di vita differente. «Stando a quanto vivono le persone a noi vicine - dichiara Nunzio - lì il lavoro non viene pagato meno di 25 euro all’ora, qui, invece, guadagno circa 6 euro. Oggi, con i vari aumenti in bollette e nel cibo abbiamo difficoltà a raggiungere la fine del mese». 

Francesca racconta che col Covid la sua situazione lavorativa è peggiorata: «Sono stata due anni in cassa integrazione pur andando ugualmente a lavorare a tempo pieno. Ancora oggi ho stipendi arretrati. Poi - continua - ho avuto anche problemi di salute e ho affrontato spese impreviste».

Da un report dei Centri per l’Impiego della Bat è emerso che nel territorio provinciale sono aperte 340 posizioni lavorative. Nunzio, però, non si è mai rivolto a strutture pubbliche di questo tipo «perché - dice - non ho alcuna fiducia». 

I due, che non nascondono di volere un figlio ma solo con una stabilità economica, desiderano anche più tempo da vivere insieme: «Cerchiamo serenità, vorremmo dedicarci ai nostri hobby, alle nostre passioni, magari organizzare una vacanza».

Infine, dicono di non essere spaventati dal fatto di non conoscere la lingua: «I nostri parenti ci hanno assicurato che il Comune che ci ospiterà permette agli stranieri di frequentare corsi di tedesco a costi ridotti o, addirittura, gratuitamente. Non sarà facile - conclude Francesca - ma ci provo, sono stanca di lavorare senza soddisfazioni».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Savino T ha scritto il 08 luglio 2022 alle 07:16 :

    I giovani d' oggi non hanno molto cervello , il vostro datore di lavore non vuolo mettervi a norma fate richiesta del modulo INL-31-Modulo-richiesta-di-intervento-ispettivo ......l' ispettorato del lavoro aprira una pratica e verra a controllare se è tutto in regola , quando ci saranno i controlli gli ispettori chiamano da parte i dipendenti in modo che nessuno possa ascoltarli e fare dichiarazioni private delle condizioni di lavoro . Se il dipendente dichiara che il suo contratto non è a norma blocherranno l' attivita dell' esercente finche il lavoro non sara regolarizzato e si becchera un bel verbale . Sara costretto a mettervi in regola e magari darvi anche gli arretrati e gli straordinari , il fatto e che non avete il coraggio di farlo Rispondi a Savino T

    pasquino andriese ha scritto il 12 luglio 2022 alle 14:06 :

    caro Savino T ma sei serio? credi ancora anche alla Befana e Babbo Natale? l'ispettorato del lavoro non si muoverà mai, se lo farà le conclusioni saranno comunque mortificanti per il lavoratore che, a quel punto, si vedrà costretto ad andare via comunque, lo so è triste tutto ciò ma è la cruda realtà..ricordati che sei ad Andria (Italia), non in Austria o Belgio o Germania, ecc...guarda che lo dico per esperienza diretta, non per "sentito dire" sui social... Rispondi a pasquino andriese

    riccardo pugliese ha scritto il 12 luglio 2022 alle 10:59 :

    E' cosi! Bisogna lottare per difendere la propria dignità. Aspettare che qualcuno aiuti ok, ma sporcarsi le mani ognuno lo deve mettere in conto... Rispondi a riccardo pugliese

  • Dora liso ha scritto il 07 luglio 2022 alle 20:01 :

    Fanno bene è triste ammetterlo ma andria non offre nulla Rispondi a Dora liso

  • sabino cannone ha scritto il 07 luglio 2022 alle 17:06 :

    Non è un caso se la Svizzera nonha voluto far parte dell'Unione Europea.. ben definita dall'ex ministro Tremonti" ...un tavolo finanziario controllato da illegibili acronimi...". Alcuni di questi, che conosco come le mie tasche per esperienza vissuta. IPCA(Indice dei prezzi al Consumo Armonizzati al netto dei prodotti energetici importati, vedi le bollette energetiche) e NAIRU(Non-Accelerating Inflation Rate of Unemployment) o meglio il livello di disoccupazione tale che non acceleri l'inflazione... che per le norme europee o diritto comunitario non può superare il 2%, oggi siamo al 8,7%...altro che potere d'acquisto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!111 Rispondi a sabino cannone

  • Raffaella Liso ha scritto il 07 luglio 2022 alle 15:16 :

    Bravi ragazzi ✌️vi auguro di realizzare tutti i vostri desideri Che Dio vi benedica❤️ Rispondi a Raffaella Liso

  • Vincenza ha scritto il 07 luglio 2022 alle 12:10 :

    Bravi bravi hanno fatto benissimo pur con fatica si sceglie di prendere altre strade per colmare il desiderio di certezze e stabilità .anche io lo consiglio vivamente ai miei ragazzi anche per un discorso di mentalitá e civiltá Rispondi a Vincenza

  • Annamaria ha scritto il 07 luglio 2022 alle 08:24 :

    Qui in svizzera non è tutto oro quello che luccica . Sicuramente si guadagnerà tanto ma sicuramente ci sono spese enormi come L affitto , L assicurazione malattia, la spesa etc etc etc ….. Rispondi a Annamaria

  • Elena ha scritto il 07 luglio 2022 alle 06:23 :

    Bravi, purtroppo ad oggi l'unica possibilità per crescere ed essere apprezzati nel mondo del lavoro è andarsene da questo paese. Tanti giovani ormai lasciano tutto, non per ipocrisia, ma semplicemente perchè pur combattendo continuamente, non si è mai arrivati ad una vera e propria soluzione, la storia è sempre la stessa nonostante il sistema italiano stia parecchio peggiorando. Andate avanti per la vostra strada Rispondi a Elena

  • Amedeo pistillo ha scritto il 06 luglio 2022 alle 19:20 :

    E il minimo che puoi fare se cerchi lavoro, sai quanti ragazzi andriesi che hanno lasciato la nostra città e lavorano al nord oppure all'estero . Ti Auguro soli che realizzi i tuoi sogni non aspettatevi niente da nessuno contare solo sulle vostre forze e la vostra determinazione. Buona vita Rispondi a Amedeo pistillo

  • Saif ha scritto il 06 luglio 2022 alle 17:48 :

    Ho passato 6 mesi a Lussemburgo adesso sono tornato in Italia e vero che ti pagano bene ma l'affitto costa troppo 1000 euro per una camera puoi non ti rimane nulla Rispondi a Saif

  • Pierluigi Deserocca ha scritto il 06 luglio 2022 alle 16:39 :

    Scusate, ma siamo tutti degli eleganti ipocriti!! Ma perché fare loro gli auguri, quando potremmo dar loro una mano, anche economicamente, cercare un sindacalista che li difenda, fare in modo che tutti gli imprenditori andriesi a quelle condizioni ci mettessero i propri figli!!! Che invece hanno mandato a studiare fuori. Ipocriti da strapazzo. Tra noi c'è gente che guadagna nel privato o pubblico, stipendi che superano traguardi elevati e noi il massimo che sappiamo dire loro è: buona fortuna? Rispondi a Pierluigi Deserocca

    Riccardo Aniello ha scritto il 10 luglio 2022 alle 04:50 :

    Tu credi molto nelle favole!!! Rispondi a Riccardo Aniello

    sabino cannone ha scritto il 07 luglio 2022 alle 17:16 :

    Pierluigi sei tra i pochi che hanno capito l'andazzo dell'ipocrisia. La cupola "criminale" di questa ipocrisia ha sede a Ginevra (Svizzera) o del WTO (organizzazione mondiale del commercio) che dal 1994 scrive le norme del commercio internazionale o della globalizzazione, fregandosene dell'ILO(organizzazione internazionale dei lavoratori), autorizzando la delocalizzazione e l'abbattimento delle barriere tariffarie o doganali(è tutto scritto nello statuto del WTO e dei suoi allegati).L'economista -filosofo francese Latouche l'ha definita" una grande volpe in un grande pollaio" Rispondi a sabino cannone

    Francavilla nicola ha scritto il 07 luglio 2022 alle 00:29 :

    Perché qualcuno ci è riuscito ? Rispondi a Francavilla nicola

    Pierluigi Deserocca ha scritto il 06 luglio 2022 alle 18:47 :

    Perché non si costituisce un fondo cittadino per cittadini che stanno cercando la loro strada. Anch'io sono stato fuori, nella bella Bologna, ma mi sono sempre sentito un ospite in attesa di tornare a casa: l'obiettivo era tornare a casa. Questa è casa nostra! Non la Svizzera, la Germania, la Danimarca... abbiamo una terra meravigliosa la nostra Puglia, cerchiamo di diventare migliori come pugliesi! Rispondi a Pierluigi Deserocca

  • Luigi Lotoro ha scritto il 06 luglio 2022 alle 16:31 :

    Ai ragazzi non posso che fare i migliori auguri e che possano trovare la serenità e realizzare i propri sogni, da genitore e da italiano mi vergogno per ciò che stiamo lasciando alle future generazioni Rispondi a Luigi Lotoro

  • Giuseppe farna ha scritto il 06 luglio 2022 alle 16:22 :

    Gli do mille volte ragione bravissimi pensate che lo stato perseguita braccianti che nonostante sono precari a vita e avranno una pensione da fame contro ogni norma europea,blocca sussididi disoccuppazione ad agricoltori che non possiedono neanche un ettaro di terra con la modica scuse di giornate improprie allora alla luce di tutto se lavoriamo nelle aziende 15, 20 giorni al mese permetti che i restanti dieci al mese che non lavoro li passo nella mia terra allora cosa sono questegiornate improprie non riesco ancora a capire ma presto seguiremo il loro esempio dobbiamo abbandonare questa nazione di erda lavoro da quando avevo 14 anni e non mi posso permettere una vacanza che scifo a 45 anni avere queste considerazioni giovani abbandonate questa terra infame lo diceva anche Dante. Rispondi a Giuseppe farna

    Bravo !!! ha scritto il 06 luglio 2022 alle 17:07 :

    👍 Rispondi a Bravo !!!

  • Marianna ha scritto il 06 luglio 2022 alle 15:33 :

    Spero siano transfrontalieri, perché vivere in Svizzera costa Rispondi a Marianna

  • Elisabetta monterisi ha scritto il 06 luglio 2022 alle 15:19 :

    Anche mia sorella è andata a vivere in Germania perché il nostro paese bisceglie a solo chiacchiere Rispondi a Elisabetta monterisi

    Francy light ha scritto il 07 luglio 2022 alle 06:06 :

    Anche le scuole formano meglio in Germania,insegnano a mettere la H davanti alla A quando è un verbo Rispondi a Francy light

    sabino cannone ha scritto il 07 luglio 2022 alle 17:24 :

    In Germania esiste, per legge, un'organizzazione finanziata dagli industriali: NESM(nuova economia sociale di mercato) o scuola di Friburgo o di Von Hayeck o ordoliberista che accompagna i nuovi operai studenti-laureati nel mondo del lavoro. E questa organizzazione si rispecchia nel fondamento il modello economico europeo art. 3 par. 3) del TUE(prima parte del Trattato di Lisbona). Ecco perchè l'UE è a trazione tedesca! Rispondi a sabino cannone

  • Berardino Leonetti ha scritto il 06 luglio 2022 alle 12:44 :

    Vi auguro tanta fortuna🍀💰 Rispondi a Berardino Leonetti

  • Franco Loconte ha scritto il 06 luglio 2022 alle 12:36 :

    Poi si lamentano del reddito di cittadinanza, Per che non possono trovare personale, Viva il reddito di cittadinanza, io lavoro è uno schifo... Rispondi a Franco Loconte

  • antonio ha scritto il 06 luglio 2022 alle 11:39 :

    Purtroppo questa è l'Italia spero che questa storia la legga la nostra amministrazione ,comunque ci sono problemi seri sul mondo del lavoro Rispondi a antonio

  • Taniadimuro ha scritto il 06 luglio 2022 alle 11:31 :

    Io andrei a vivere in Svizzera già solo x l ordine e la pulizia e,per fare vivere i miei figli nella civiltà Rispondi a Taniadimuro

  • Pistillo Gianluca ha scritto il 06 luglio 2022 alle 11:22 :

    Da andriese che vive in svizzera consiglio di ridimensionare le aspettative Rispondi a Pistillo Gianluca

  • Davide ha scritto il 06 luglio 2022 alle 10:36 :

    Bravi in bocca al lupo Rispondi a Davide

  • Leonardo Guglielmi ha scritto il 06 luglio 2022 alle 09:05 :

    Considerazione giusta ed amara di due cittadini andriesi i quali sono costretti ad emigrare per migliorare la loro condizione di vita. Rispondi a Leonardo Guglielmi

  • Flavia GRANDE ha scritto il 06 luglio 2022 alle 08:30 :

    ...in bocca al lupo e buona fortuna Rispondi a Flavia GRANDE

  • Andriese ha scritto il 06 luglio 2022 alle 07:00 :

    Avete tutta la solidarietà. Nel nostro paese, non solo Andria, l'Italia è da condannare per come viene gestita la politica. Siamo arrivati al punto di essere inermi di fronte a degli incompetenti poltronisti. Il nostro tenore di vita dipende dalla cabina di regia, hanno ridotto le nostre vite a una prospettiva alienante, questo è grave. La loro è una politica di "tagli" e un affossamento della cellula della società, la famiglia. Rispondi a Andriese

  • Rosa Di Bari ha scritto il 06 luglio 2022 alle 06:04 :

    Sono d'accordo per la scelta che fate ,purtroppo con malincuore si fanno delle decisioni non belle distanti da valori fam. dai propri cari dalla città che si ama,qui nn c'è speranza per le giovani generazioni. Buona fortuna ragazzi. ❤ Rispondi a Rosa Di Bari

  • Salvo ha scritto il 06 luglio 2022 alle 05:14 :

    Questo è il progresso e il benessere! 50 anni fa mio padre è emigrato per le stesse motivazioni (e così tanti altri) ( comunità braccianti docet) ora lo fanno i nostri figli. Che squallore. Ragazzi vi auguro il meglio. Rispondi a Salvo