Martedì indetta una conferenza stampa

Piscina comunale di Andria, quale futuro?

Il Comune avrebbe dovuto provvedere alla stesura e relativa pubblicazione del nuovo bando di gestione, cui non ha ottemperato

Attualità
Andria lunedì 10 settembre 2018
di La Redazione
piscina comunale
piscina comunale © AndriaLive

Si terrà martedì 11 settembre 2018, alle ore 17.00, presso la Piscina comunale di Andria, via Delle Querce, una conferenza stampa per illustrare la situazione in cui versa la struttura sportiva andriese, dopo la scadenza del contratto di gestione con la Società sportiva Planet Andria.

In vista della scadenza di tale contratto, il Comune di Andria avrebbe dovuto provvedere alla stesura e relativa pubblicazione del nuovo bando di gestione, cui non ha ottemperato.

La conseguenza di questo ritardo si riversa oggi sia sull’intera collettività, poiché sono migliaia le persone di Andria e città limitrofe che usufruiscono della struttura, sia sulla situazione lavorativa di circa 30 operatori, qualificati ed esperti del settore, che non sanno quale sarà il loro futuro occupazionale.

Si sono tenute già varie Commissioni consiliari che hanno disatteso le aspettative dell’utenza e dei lavoratori. Nel corso di queste ultime, si sarebbe dovuto discutere del nuovo bando e della gestione della piscina nella fase di transizione per poter garantire la continuità del servizio ai cittadini, che negli ultimi anni sono cresciuti in termini quantitativi, poiché la struttura sportiva ha allargato la propria utenza alle città limitrofe dove invece le piscine hanno chiuso.

Oggi la Città di Andria perde un ulteriore servizio che garantiva un benessere psico-fisico, dall’età prenatale alla terza età, non dimenticando i diversamente abili, le scolaresche, il settore agonistico.

Ricordiamo che l’Assessore Lopetuso aveva auspicato la risoluzione della problematica, che si trascina ormai da tempo, nel giro di una decina di giorni.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Luigi ha scritto il 10 settembre 2018 alle 07:28 :

    Lo dobbiamo chiedere al sindaco di queste strutture abbandonate che fine faranno oppure fanno? Rispondi a Luigi