La nota di Vincenzo Caldarone (ex amministratore della città di Andria)

​Un nuovo primato: Andria al primo posto per povertà

Andria è all’ultimo posto per i redditi prodotti nella classifica dei capoluoghi di provincia

Attualità
Andria lunedì 08 aprile 2019
di La Redazione
Andria vista panoramica
Andria vista panoramica © n.c.

Prima gli andriesi: si, ma nella classifica della povertà. Mi aspettavo un grido di dolore generale, magari anche lacrime di coccodrillo. Ma la notizia che Andria è all’ultimo posto per i redditi prodotti nella classifica dei capoluogo di provincia non ha scosso quasi nessuno. O meglio non ha scosso quasi nessuno che porti la responsabilità collettiva, ma scuote ogni giorno migliaia di persone che la notizia la conoscono benissimo sulla propria pelle.

Dai dati disponibili emerge infatti questo andamento:

barletta

trani

andria

reddito 2015

14.207

15.714

12.726

reddito 2017

14.003

15.415

12.508

Non interessa qui il confronto con Barletta e Trani, anche se rispetto a queste città la differenza è notevole. Ma siamo insieme negli ultimissimi posti della graduatoria. Non solo, ma anche con enumero di contribuenti rispetto agli abitanti la situazione è la stessa.Non si tratta quindi solo di evasione fiscale, che non è diversa da altre città meridionali, anzi. Si tratta della struttura economica che si è indebolita, diradata.

Cosa ci aspettiamo, se ormai da anni non c’è una nuova importante iniziativa economica, se ogni progetto è destinato ad arenarsi, se il turismo ci sfiora soltanto, la agricoltura vede solo brillanti eccezioni individuali.

Ci siamo accorti che migliaia di ragazzi che vanno via significano meno innovazione, meno lavoro, meno redditi e consumi, case che non vuole nessuno e progetti che prendono altra strada? Abbiano capito che stiamo esaurendo i nostri risparmi e difficilmente si produce nuova ricchezza? Il simbolo per eccellenza di questa situazione è il fallimento del Comune, che è insieme causa ed effetto.

Eppure mai come ora ci sono tante risorse inutilizzate intorno, risorse finanziarie, idee e progetti, disponibilità a lavorare che porta migliaia di ragazzi lontano.Ma con quali progetti mettiamo a valore le risorse? Con quale collante teniamo le idee nuove sul territorio? Come ri-usare la città per dare ambiente, vita e economia migliore?
Se la discussione pubblica si fermasse qualche volta su queste angoscianti domande forse riusciremmo a trovare una strada per la comunità.Sento spesso dire in giro che quando si tocca il fondo allora ricomincia la risalita. Non è vero perché in questa crisi nazionale il fondo non c’è.

Le cose da fare sono molte e possibili. Ma ognuno di noi è solo quando vuole reagire. È questo il primo ostacolo. Se qualcuno nelle istituzioni vuole riprendere un ruolo di comunità e lasciarsi alle spalle la tragicommedia della politica locale, faccia partire una rete di progetti, imprese, idee e disponibilità, per cominciare a raccogliere risorse e azioni concrete. Senza badare a colori o rancori, perché per una volta gli interessi generali sono chiari: questo sarà l’unico discrimine. Molti non aspettano altro che un barlume per ripartire. Ma da soli non si può.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • franco ha scritto il 30 aprile 2019 alle 13:39 :

    in questa città emerge tutta l'ingordicia dell'essere umano, quanti miliardari ci sono in città....., molti che possono e devono se sono persone intelligenti dedicare un'pò del loro tempo e dei propri denari a divesificare ,esempio non ci sono strutture per anziani ( non grandi hotel) dove potrebbero lavorare tantissime persone una volta formate, non cè un illuminazione pubblica sfruttando li solare, bisogna aumentare l'offerta di paccheetti di turismo culinario ecc, bisogna investire nei giovani a 360 gradi, dobbiamo far crescere il territorio ed i propri cittadini. Rispondi a franco

  • Giovanni Alicino ha scritto il 08 aprile 2019 alle 17:37 :

    Non si dicano sciocchezze. Mi sa che Andria è al 1 posto x evasione. C'è molto sommerso. Basta guardare dal numero di auto che circolano sia nuove che usate, dal numero di autosaloni ecc.ecc. Rispondi a Giovanni Alicino

    Vincenza Porro ha scritto il 09 aprile 2019 alle 19:34 :

    Sono pienamente d'accordo.c è un tasso di evasione ad Andria molto ma molto alto,ma nessuno pensa al proprio futuro e in particolare a quello dei propri figli.Parla una donna che il proprio marito è dovuto emigrare al nord Italia per trovare un lavoro gratificante e che sta pensando di trasferire la propria famiglia pur di dare un futuro concreto in tutti i sensi alle proprie figlie. Rispondi a Vincenza Porro

    Joe ha scritto il 09 aprile 2019 alle 06:27 :

    Sono d'accordo, ormai Andria sguazza nell'illegalità e nell'evasione. Il bello è che me lo sento ripetere spesso anche da tranesi e barlettani. Ci vorrebbero più controlli da parte delle forze dell'ordine. Rispondi a Joe

    Michele Franco ha scritto il 09 aprile 2019 alle 08:47 :

    CONDIVIDO A PIENO. Rispondi a Michele Franco

    Massimo Calza ha scritto il 09 aprile 2019 alle 10:24 :

    Questi traguardi così importanti sono il risultato di decenni di gestione fallimentare delle Amministrazioni, ma anche di silenzio-assenso di noi cittadini in cui ognuno ha fatto solo i propri interessi.....ma c'è talmente tanta ipocrisia che non ci si espone MAI....però se qualcuno calpesta il ns orticello guai!!!!!!!! Riprendiamoci il futuro, per i nostri figli, prima possibile.