«Chiederemo subito un incontro con il Commissario Prefettizio perché prenda a cuore le sorti dei nostri territori»

Scioglimento consiglio comunale, timore a Castel del Monte: «Che fine faremo?»

Parlano don Riccardo Agresti e i parrocchiani di San Luigi: «Se prima c’era un’Amministrazione ed era sorda a sentire il grido degli operatori turistici sul territorio, ora cosa succederà?»

Attualità
Andria lunedì 22 aprile 2019
di La Redazione
Turisti a Castel del Monte
Turisti a Castel del Monte © n.c.

«Con lo scioglimento del Consiglio Comunale, noi che viviamo in periferia, al Castel del Monte e tra gli uliveti del territorio di Andria, che fine faremo? Se prima c’era un’Amministrazione ed era sorda a sentire il grido degli operatori turistici sul territorio, ora cosa succederà? La nostra città ha un grande potenziale ma non abbiamo persone con passione che sappiano (o vogliano) metterci impegno per farlo fruttare».

Si apre così la lettera che don Riccardo Agresti e i parrocchiani di San Luigi a Castel del Monte indirizzano ai mezzi di comunicazione, per sollevare il problema della gestione del territorio intorno al maniero federiciano, bene Unesco, ben noti.

«Qui, nel territorio della Chiesa San Luigi a Castel del Monte, siamo ogni giorno pieni di turisti (francesi, tedeschi, inglesi, ecc.) ed ora, con l’estate alle porte, lo saremo ancora di più ma il nostro più bel biglietto da visita, il Castello per appunto, oramai è diventato un biglietto indecente (basti pensare alla strada Lama di Carro che è piena di immondizie e a Contrada Posta Milella, piena di bidoni stracolmi e strade dissestate).

I saggi della nostra politica hanno pensato che da adesso ci sarà un anno di immobilismo, ora più di prima? Spero che non ci sia l’istigazione al “fai da te”. Questo sarebbe un modo incivile di fare politica perché significa abrogare la democrazia. Le sorti della nostra città passano attraverso la ferialità e i professionisti della politica devono capire che non devono giocare sulla pelle dei lavorativi solo perché stanno calcolando le proprie poltrone. Quello che è stato fatto sta nelle responsabilità di ognuno ma noi non taceremo e non daremo in mano il nostro territorio ai calcolatori e agli avventori delle opportunità egoistiche.

Ci sono tante risorse nella nostra città e vanno valorizzate. Non ci fermiamo di fronte a chi pensa che tutto è perduto perché noi siamo costantemente in ascolto di tanta gente che si sta rimboccando le maniche e che chiede che ci sia la testimonianza da parte di tutti.

I parolai devono smetterla di parlare alle pance di chi non vuole crescere. Dobbiamo innescare nuovamente dal basso l’appropriazione di ogni passo, di ogni quartiere della nostra città. Non dobbiamo permettere durante questo anno che tanti ciarlatani dettino le regole del bene comune.

Stiamo ascoltando la sofferenza di tante famiglie, operatori turistici ed imprenditori che vogliono un riscatto immediato nella partecipazione nella vita della nostra città. Chiederemo subito un incontro con il Commissario Prefettizio perché prenda a cuore le sorti dei nostri territori. Non chiediamo risposte ma vogliamo attenzioni nelle periferie del nostro territorio».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Giovanni Alicino ha scritto il 22 aprile 2019 alle 19:22 :

    Ci sono anche le strade cittadine che fanno pena come anche la sporcizia non è da meno. Rispondi a Giovanni Alicino

  • Leonebiancazzurro ha scritto il 22 aprile 2019 alle 07:39 :

    Come dobbiamo fare senza la partita del cuore. Rispondi a Leonebiancazzurro